Federazione Internazionale Sci Federazione Internazionale Sci FISI FISI Comitato Alpi Centrali CONI Lombardia Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici

 

Homepage
Comitato provinciale
Giudici di gara
News
Iscriviti alla mailing list
 

 

 
 
     
 

Sci alpinismo

Archivio news
2018/2019: lug | ago | set | ott | nov | dic | gen | feb | mar | apr | mag | giu
Archivio news stagioni precedenti


14/04/2018
TROFEO PARRAVICINI

 

COMUNICATO STAMPA
Il Presidente della Sezione CAI di Bergamo e il Presidente dello SCI CAI asd, in accordo con il Sindaco di Carona, a seguito di valutazioni delle condizioni di particolare criticità dovute alle recenti nevicate e di sicurezza per gli atleti e tutti gli appassionati del Trofeo ‘A. Parravicini’, comunicano l’annullamento della 69a edizione di questa storica gara di scialpinismo nella conca del rifugio f.lli Calvi.
Vogliamo esprimere aperta gratitudine a Luca Pirola, direttore tecnico, e ai tracciatori per la competenza dimostrata e lo straordinario lavoro comunque svolto per preparazione di questa edizione, e ringraziare tutti gli atleti per la passione e l’affiatamento a questa speciale gara di scialpinismo, che ci auguriamo si possa rinnovare tutti insieme per il prossimo anno.
Palamonti, 13 aprile 2018

COMUNICATO STAMPA
Il Presidente della Sezione CAI di Bergamo e il Presidente dello SCI CAI asd, in accordo con il Sindaco di Carona, a seguito di valutazioni delle condizioni di particolare criticità dovute alle recenti nevicate e di sicurezza per gli atleti e tutti gli appassionati del Trofeo ‘A. Parravicini’, comunicano l’annullamento della 69a edizione di questa storica gara di scialpinismo nella conca del rifugio f.lli Calvi.
Vogliamo esprimere aperta gratitudine a Luca Pirola, direttore tecnico, e ai tracciatori per la competenza dimostrata e lo straordinario lavoro comunque svolto per preparazione di questa edizione, e ringraziare tutti gli atleti per la passione e l’affiatamento a questa speciale gara di scialpinismo, che ci auguriamo si possa rinnovare tutti insieme per il prossimo anno.
Palamonti, 13 aprile 2018

 


13/04/2018
Trofeo Parravicini - Comunicato

A causa del forte rischio valanghe tra Carona e Zona Rifugio Calvi la gara inizialmente era stata  spostata a Foppolo poi E’ STATA DEFINITIVAMENTE ANNULLATA!

Fisi Comitato di Bergamo 


05/04/2018
Ventitre azzurri in gara nelle finali di Coppa del mondo a Madonna di Campiglio. Boscacci e Antoniol si giocano la sfera di cristallo

 

È iniziato con la presentazione a Trento presso il ristorante «Lo Scrigno del Duomo» il conto alla rovescia per le finali della Coppa del Mondo di sci alpinismo in programma nel fine settimana a Madonna di Campiglio. E a tagliare il nastro di questo prestigioso evento, che torna nella località della Val Rendena dopo dieci anni, ci hanno pensato il direttore tecnico della nazionale italiana Stefano Bendetti, accompagnato dal talentuoso skialper Davide Magnini, nonché il segretario generale del Comitato Organizzatore della 3Tre Letizia Volta, il sindaco di Tre Ville Matteo Leonardi, la vicepresidente della Fisi del Trentino Paola Toniolli e Don Daniele Laghi in rappresentanza del Coni provinciale.

 

 

- Fisi.org


26/02/2018
VALCANUP PIÙ FORTE ANCHE DEL METEO

Più forte del tempo da lupi (nebbia fitta) e le pessime condizioni del manto nevoso gli organizzatori della ValcanUp! Sono riusciti a dare soddisfazione ai 57 impavidi sciatori con le pelli che si sono presentati domenica al via della 3^ edizione della skialporganizzata in Valcanale di Ardesio dal GAV Vertova.

Percorso tecnico, nervoso e avvincente, con oltre 1650 m di dislivello e 17 km di sviluppo sul quale in poco più di un’ora e quaranta Pietro Lanfranchi ha messo a segno la sua tripletta vincendo la prova per al terza volta consecutiva. Alle sue spalle, lotta serrata a tre con Norman Gusmini che nell’ultima discesa attaccava e riusciva a staccare i diretti inseguitori, conquistando la seconda piazza davanti all’amico rivale Andrea Olivari che staccava di pochi secondi l’intramontabile Giovanni Zamboni. Quinta piazza per Michel Cinesi. Al femminile, superlativa prova di Claudia Boffelli, sorella dell’azzurro William che fa gara solitaria staccando Silvia Cuminetti e Paola Pezzoli.

Mauro de Ni


20/02/2018
SCI ALPINISMO – A BOFFELLI LA TRANSCAVALLO E L’ARGENTO TRICOLORE

William Boffelli centra una prestigiosa vittoria alla Transcavalloclassicissima gara a squadre che si svolge in tre tappe con oltre 50km di fuoripista e circa 11.000m di dislivello complessivo a cavallo tra le montagne venete dell’Alpago e quelle friulane di Piancavallo.

Per il ventiquattrenne azzurro di Roncobello, che per l’occasione ha fatto coppia con ManfredReichegger, l’ulteriore soddisfazione dell’argento tricolore, visto che la terza tappa valeva anche per l’assegnazione del titolo italiano a squadre. 

Ma riavvolgiamo il film.

Dopo il terzo posto ottenuto lo scorso anno in coppia con “il vecio” Pietro LanfranchiBoffelli si presenta al via di questa 35^ edizione con un compagno nuovo di zecca, l’esperto altoatesino Manfred “Manni” Reichegger, un “mostro sacro” dello sci con le pelli, ex capitano della Nazionale capace di vincere ben cinque medaglie iridate oltre che numerosi titoli europei ed italiani.

Prima tappa venerdì pomeriggio: breve ma suggestiva, dall’Alpago al Piancavallo. Pronti via e subito gli iridati Matteo Eydallin e Damiano Lenzi prendono il comando della gara, mentre alle loro spalle seguono Boffelli-Reichegger i francesi Samuel Equy e Leo ViretLe posizioni non cambiano fino al traguardo dove Lenzi-Eydallin giungono con quasi un minuto di vantaggio sul ticket atesin-bergamasco”.

La storia sembrava scritta ma nella seconda tappa, nella quale gli organizzatori avevano aggiunto ai 2000 metri di dislivello e alle tre salite originariamente previste anche il mitico Canalino delle Placche, ecco il colpo di scena, anzi di schiena, visto che i battistrada sono costretti ad alzare bandiera bianca ritirandosi a causa di problemi alla parte dorsale patiti da LenziBoffelli e Reichegger passano quindi al comando delle operazioni difendendo la posizione dal ritorno dei transalpini.

Si arriva così alla 3^ e ultima tappa che con l’occasione valeva anche per l’assegnazione dello titolo italiano. Centoventi le squadre al via con il ritorno di Eydallin cui l’Esercito ha unito il giovanissimo commilitone Davide Magnini per la caccia al tricolore. I due, complice anche la freschezza per aver saltato la 2^ tappa, partono in quarta dominando la prova, mentre alle loro spalle Boffelli-Reichegger badano a difendere la testa della classifica generale “accontentandosidell’argento tricolore che per il nostro, dopo i due conquistati con Lanfranchi, è il terzo di fila. “Correre con “Manfri” è un onore ed un piacere – commenta il brembano – ha esperienza da vendere ed io ho cercato di rubargli i trucchi del mestiere. Sono contento di aver vinto questa gara che amo, visto che qui ho preso il bronzo mondiale l’anno scorso con il “Lanfra”ed ho fatto il mio primo podio in Coppa del Mondo.”

         


18/02/2018
QUARTA EDIZIONE DEL TIMOGNO SKI RAID

Quasi 150 gli atleti al via della gara organizzata agli Spiazzi di Gromo. Lo staff organizzatore dello sci club Gromo   ha traxcciato un percorso in ci bisognava affrontare un percorso con 5 salite e un dislivello positivo di circa 1700m .

Uno splendido sole, almeno nella prima parte della giornata, ha  accolto i partecipanti che hanno dato vita fin subito ad una gara avvincente.

Nella prima parte in testa tre atleti del club organizzatore con Norman Gusmini in prima posizione, ma sul Timogno,ultimo salita in programma,  uno slendido Daniele Carobbio transita per primo  e nella discesa che porta al traguardo  gli inseguitori non riescono piu a raggiungerlo.

 

Al traguardo  arrivo in solitaria di  Daniele Carobbio, dello Sci Club 13 Clusone. Sul podio con lui altri due bergamaschi: Andrea Olivari e Michel Cinesi entrabi del Gromo.

 

Nella gara femminile vittoria con notevole marrgine dell'ex azzurra Corinna Ghirardi.. La portacolori dell'Adamello Ski Team  ha messo dietro l'atleta del Valgandino Paola Pezzoli e la giovane  Claudia Boffelli, sorella del nazionale William.  

In allegato le classifiche

- Scarica l'allegato 1

               


08/02/2018
ANTONIOLI-BOSCACCI, ACCOPPIATA VINCENTE NELL'INDIVIDUALE DI CDM A PUY ST. VINCENT. DE SILVESTRO TERZA FRA LE DONNE

 

Eccellente doppietta italiana nella gara individuale maschile di Coppa del mondo che ha aperto la due giorni di Puy St. Vinent, in Francia. Robert Antonioli e Michele Boscacci hanno occupato i primi due posti della graduatoria, battendo il francese Xavier Gachet, terzo al traguardo. Bene anche DAvide MAgini, quinto, mentre NAdir Maguet è finito ottavo e Matteo Eydallin quattordicesimo. Nella prova femminile la brava Alba De Silvestro ha ottenuto il terzo posto, alle spalle delle transalpine Axelle Mollaret e Laetitia Roux. 

Numerose soddisfazioni per la squadra azzurra sono arrivate anche nelle categorie giovanili, con Davide Magnini a segno fra gli espoir maschili e Alba De Silvestro fra le espoir femminili, mentre Andrea Prandi e Sebastian Guichardaz hanno ottenuto il primo e terzo posto negli juniores, con Giorgia Felicetti terza fra le donne. Venerdì 9 febbraio il programma propone le vertical race. 

Ordine d'arrivo individuale maschile seniores Puy St. Vincent (Fra):
1. Antonioli Robert (ITA) 1h26'13"
2. Boscacci Michele (ITA) 1h26'34"
3. Gachet Xavier (FRA) 1h26'35"

5. Davide Magnini (ITA) 1h26'51"
8. Nadir Maguet (Ita) 1h27'55"
14. Matteo Eydallin (ITA) 1h30'05"
19. Filippo Barazzuol (ITA) 1h31'34"
20. William Boffelli (ITA) 1h31'58"
21. Federico Nicolini (ITA) 1h32'19"

Ordine d'arrivo individuale femminile seniores Puy St. Vincent (Fra):
1. Mollaret Axelle (FRA) 1h24'47"
2. Roux Laetitia (FRA) 1h30'33"
3. De Silvestro Alba (ITA) 1h31'08"

5. Katia Tomatis (ITA) 1h32'58"

Ordine d'arrivo individuale maschile espoir Puy St. Vincent (Fra):
1. Magnini Davide (ITA) 1h26'51"
2. Bonnet Remi (SUI) 1h32'57
3. Equy Samuel (FRA) 1h33'06"

7. Valentino Bacca (ITA) 1h35'33"

Ordine d'arrivo individuale femminile espoir Puy St. Vincent (Fra):
1. De Silvestro Alba (ITA) 1h31'08"
2. Riatsch Arina (SUI) 1h37'32"
3. Bonnel Lena (FRA) 1h37"57

9. Ilaria Veronese (ITA) 1h42'20"
11. Mara Martini (ITA) 1h47'09"

Ordine d'arrivo individuale maschile juniores Puy St. Vincent (Fra):
1. Prandi Andrea (ITA) 1h20'26"
2. Gay Aurelien (SUI) 1h23'18"
3. Guichardaz Sebastien (ITA) 1h23'24"

7. Guichardaz Fabian (ITA) 1h24'57"
9. Stefano Confortola (ITA) 1h26'27" 

Ordine d'arrivo individuale femminile juniores Puy St. Vincent (Fra):
1. Osichkina Ekaterina (RUS) 58'08"
2. Tonso Justine (FRA) 1h00'01"
3. Felicetti Giorgia (ITA) 1h00"50"

5. Giulia Murada (ITA) 1h01'47"

 

 


04/02/2018
SKIALP 3 PRESOLANA 2018 - COLERE (BG) - Il Memorial Angelo Castelletti 2018 nel segno di un super William Boffelli...

La prima volta di William Boffelli, la riconferma di Martina Valmassoi nella gara in rosa. Doppietta Crazy Idea a Skialp3 Presolana Memorial Angelo Castelletti. Dopo la difficile edizione 2017, contraddistinta dalla neve ai minimi termine che aveva costretto uomini di CAI Clusone e Sci Club 13 ai lavori straordinari, oggi la “Regina Delle Orobie” si è invece mostrata in tutto il suo splendore ai 193 partenti di questa ennesima tappa di Coppa Italia.

Tanta neve, vero skialp, 4 salite, tre discese, un tratto a piedi e Gpm della gara ai 2300m del Ferrantino, sono stati il mix vincente di una 5ª tappa di Coppa Italia a dir poco entusiasmante. Dopo il via il località Polzone, il “Crazy Boy” Philip Goetsch ha provato a fare la differenza nonostante un lotto partenti nel quale spiccavano i nomi di Manfred Reichegger, Filippo Barazzuol, Pietro Lanfranchi e William Boffelli.

 

 

Proprio la coppia Lanfranchi – Reichegger, forti di una grande esperienza, sono andati a riprendere il fuggitivo. Sul finale, però, l’ingegner Boffelli è salito in cattedra tagliando per primo il traguardo. Per lui un finish time di 1h35’37” che gli ha permesso di tenere dietro a soli 4” l’intramontabile Manfred Reichegger. 20” di distacco e terzo posto assoluto per il vincitore 2017 Pietro Lanfranchi. Nella top five di giornata anche Filippo Barazzuol e  Philip Goetsch. A seguire troviamo Stefano Stradelli, Filippo Beccari, Norman Gusmini, Andrea Olivari e Filippo Curtoni.

 

 

Gara vera e ricca di colpi di scena anche quella in rosa con la camuna Corinna Ghirardi determinata a centrare il terzo sigillo in sette giorni. Per lei una prova da assoluta protagonista se non fosse per un dritto fuori programma che ha permesso alla veneta Martina Valmassoi di tornare a calcare il gradino più alto del podio al Memorial Castelletti (2h04’38”), proprio come aveva fatto 12 mesi fa.  Seconda piazza per Bianca Balzarini (“h04’58”), mentre terza si è classificata Corinna Ghirardi (2h06’46”). Bene pure Dimitra Theocharis 4ª e Paola Pezzoli 5ª.

Sportdimontagna.com


07/01/2018
SKIALP – ALLA MARIO MERELLI C’E’ BOFELLI SI IMPONE SU LANFRANCHI

La Befana porta un carico di pioggia che però non ferma gli appassionato dello skialp ritrovatisi sabato a Lizzola per la 3^ edizione del “Trofeo Mario Merelli C’è” gara di sci alpinismo individuale valevole come prima prova del Trofeo Alpi Orobiche, il circuito provinciale Fisi della specialità.

Un centinaio gli sciatori con le pelli che hanno affrontato i 17 km del percorso che, con 1600 metri di dislivello, cinque salite e altrettante discese, ha dato filo da torcere ai concorrenti che hanno dovuto fare i conti anche con un fastidiosa pioggia.

Gara combattuta dall’inizio alla fine tra i due azzurri bergamaschi: il “vecio” Pietro Lanfranchi e il “bambino” William Boffelli con un testa a testa entusiasmante che ha visto il 40enne di Gandino far valere le sue doti di discesista nella discesa finale dove ha preso e superato Boffelli. Ma all’ultimo cambio pelli il 24enne di Roncobello è stato più veloce ed è ripartito davanti nel tratto a piedi conclusivo che portava all’arrivo e per il “Lanfra” non c’è stato niente da fare contro il “velocista” dell’UnderUp Ski Team.

Terzo in rimonta il transalpino Didier Blanc che ha preceduto l’altro azzurro Daniel Antonioli e il trentino Daniele Cappelletti. In chiave bergamasca notevole il 6° posto di Norman Gusmini (Gromo) che ha preceduto nell’ordine Marzio Bondioli (Gav Vertova) ed il compagno di team Manuel Negroni.

La gara rosa ha visto l’affermazione della camuna Bianca Balzarini. Per la neo campionessa italiana sprint si tratta del secondo sigillo nel trofeo di Lizzola. Alle sue spalle la compagna dell’Adamello Ski Team Corinna Ghirardi, mentre ancora una volta il terzo gradino del podio va all’estero con la polacca Anna Tyborg. A chiudere la top five le locali Maddalena Mognetti (Gromo) e Paola Pezzoli (Valgandino).

Tra i Master si impone il valtellinese Graziano Boscacci su Giuseppe Minuscoli (13 Clusone) e il bresciano Giovanbattista Salvalai.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO 

     


02/01/2018


01/01/2018
SCI ALPINISMO – A VALDIDENTRO ASSEGANTI I TITOLI ITALIANI SPRINT E VERTICAL

Week end pre-natalizio dedicato ai campionati italiani di sci alpinismo che a Valdidentro in Alta Valtellina ha assegnato i titoli sprint individualistaffette e vertical.

Disciplina, lo skialpche trova sempre più seguito sulle Orobie dove sta crescendo molto anche dal punto di vista agonistico sulla scia degli ottimi risultati dei due azzurri di casa nostra: Pietro Lanfranchi e Willima Boffelli

Inizio giovedì 21 con la sprint individuale nella quale registriamo il podio tra i Cadetti di Luca Tomasoni, 15enne in forza allo sci club Presolana-Monte Pora che si è messo al collo il bronzo. Tra i seniores prestigiosa top five per Daniele Carobbio (13 Clusone) 5°. In classifica anche Giovanni Gelmi del 13 Clusone 20°, mentre in campo femminile spazio per la sua compagna di squadra Nicole Duci 12^.

Nelle staffette sprint tra i Cadetti/Juniores 4° posto per Tomasoniin squadra con Sara Pedranzini e Giovanni Rossi (Alpi CentraliB), mentre nei senior Gelmi e Carobbio sono 6’ in squadra con Francesco Leni (AC 3). 

Ma è nella vertical conclusiva che gli sciatori con le pelli bergamaschi danno il meglio di sé come d'altronde è normale per noi quando si va in salita e c’è da far fatica.

Luca Tomasoni è il migliore conquistando l’argento tra i Cadetti. Podio anche per Daniele Carobbio 3° Under 23, categoria dove in campo femminile si ferma ad un passo dal 3° gradino Nicole Duci 4^. 

Nella gara dei big buon 5° posto di William Boffelli (UnderUp Ski Team) che precede di due posizioni l’inossidabile Pietro Lanfranchi (Valgandino) 7°. Da segnalare inoltre la bella vittoria tra i Master di Marzio Deho (GAN).


16/12/2017

 


26/11/2017
Prandi e Murada dominano sul ghiacciaio Presena. Il Memorial Stedile alla Polisportiva Albosaggia

Pronostici rispettati nell’Adamello Ski Raid Junior - 24° Memorial Fabio Stedile, la classica gara di apertura stagionale giovanile dello sci alpinismo andata in scena sul ghiacciaio Presena grazie all’organizzazione dell’Adamello Ski Team. A vincere nelle quattro categorie previste sono stati i favoriti della vigilia, Matteo Sostizzo del Cai Schio e Erika Sanelli dell’As Premana fra i cadetti, quindi Andrea Prandi dell’Alta Valtellina e Giulia Murada dell’Esercito fra gli junior. Promesse dello skialp che si erano già messe in evidenza nelle ultime stagioni agonistiche e che hanno posto il proprio sigillo sulle nevi della skiarea Pontedilegno Tonale, a quota 2573 metri. Una competizione che si è sviluppata su un nuovo percorso rispetto a quello inizialmente previsto a causa del vento in quota. I tracciatori Guido Salvetti e Mario Sterli hanno proposto un anello di 5 km e un dislivello di 350 metri con partenza e arrivo nei pressi di Passo Paradiso (4 cambi assetto), ripetuto per due volte dalla sola categoria junior maschile.

Quattro vittorie perentorie, con un discreto vantaggio dunque per i protagonisti di giornata, che nella prima fase di gara hanno avuto da combattere con gli avversari, riuscendo poi a far valere la propria superiorità. In particolar modo il valtellinese di Bormio Andrea Prandi ha dimostrato anche in questa occasione di avere una marcia superiore a tutti fra gli junior. E’ transitato in testa al primo giro e poi ha gestito con intelligenza e determinazione la leadership, chiudendo sul traguardo con il tempo di 48’08”, precedendo i gemelli valdostani di Cogne Sebastien e Fabien Guichardaz del Corrado Gex, giunti con 2 minuti e 9 secondi di ritardo il primo, quindi a 24 secondi il fratello. Nella junior femminile Giulia Murada di Albosaggia e neo arruolata con il Centro sportivo Esercito, ha centrato il suo primo successo stagionale concludendo la sua prova con il tempo di 32’03” e precedendo la fassana che difende i colori del Comitato Veneto Giorgia Felicetti, che era assieme alla valtellinese fino al tratto con gli sci nello zaino, cedendo poi nella seconda parte e tagliando il traguardo con un ritardo di 26 secondi. Terzo gradino del podio per la trentina della Valsugana Valeria Pasquazzo, spalla a spalla delle prime due nel primo tratto e rimanendo staccata in discesa. Sul traguardo è giunta dopo 2 minuti e 35 secondi.

Fra i cadetti si è riconfermato come dodici mesi fa (quando però la sfida era a coppie) il vicentino di Schio Matteo Sostizzo, da solo per quasi tutta la gara e autore del tempo finale di 27’19”. Piazza d’onore per Alessandro Rossi dell’Asd Lanzada a 1’30”, bronzo per Luca Tomasoni del Presolana Pora a soli 4 secondi dall’argento. Affermazione lecchese invece nella cadetti femminile, dove ha primeggiato Erika Sanelli dell’As Premana, che ha concluso la sua prova con il tempo di 38’18”, staccando di 2’12” Erica Bulanti del Valtartano, quindi di 2’27” Silvia Berra della Polisportiva Albosaggia.
Il 24° Memorial Fabio Stedile, che prevedeva un premio in denaro alla migliore società da investire nella sicurezza dei giovani sci alpinisti come da volontà della famiglia dell’alpinista di Aldeno morto sul Cerro Torre nel 1994, è stato vinto dalla Polisportiva Albosaggia con 430 punti, davanti al trentino Brenta Team con 295 punti, al valdostano Corrado Gex con 205 e il Valtartano con 200.

Successo organizzativo dunque per l’Adamello Ski Raid Junior – Memorial Fabio Stedile, con in gara le giovani promesse under 20 di tutta Italia. Per il Comitato Organizzatore diretto da Alessandro Mottinelli si guarda ora alla sfida giovani dell’anno prossimo quindi alla tappa de La grande Course dell’aprile 2019, per la Coppa delle Dolomiti coordinata da Alberto Stedile invece un anno sabbatico per ritornare nel dicembre 2018 con nuovi stimolanti idee.

fisi.org


03/08/2017
Sci Alpinismo - La composizione delle squadre per la prossima stagione di gare

 

Il Presidente Flavio Roda ha deliberato le formazioni dello sci alpinismo in vista della stagione 2017/18. Confermato il direttore tecnico Stefano Bendetti e il tecnico responsabile dei givoani Davide Canclini, sono complessivamente ventisei gli atleti presenti, inseriti in tre differenti gruppi. Ecco la lista completa: 

TECNICI
Direttore Tecnico                              BENDETTI STEFANO     S.C. BRENTA TEAM A.D.
Tecnico Responsabile Giovani     CANCLINI DAVIDE         S.C. ALTA VALTELLINA A.D.

Squadra SENIOR MASCHILE
1.    ANTONIOLI ROBERT                       23/12/1990   C.S. ESERCITO
2.    BARAZZUOL FILIPPO                      09/03/1989   TEAM NUOVI TRAGUARDI A.S.D.
3.    BOFFELLI WILLIAM                          16/02/1993   S.C. RONCOBELLO A.D.
4.    BOSCACCI MICHELE                      04/01/1990   C.S. ESERCITO
5.    EYDALLIN MATTEO                          06/11/1985   C.S. ESERCITO
6.    LENZI DAMIANO                               14/08/1987   C.S. ESERCITO
7.    MAGUET NADIR                               24/11/1993    C.S. ESERCITO
8.    NICOLINI FEDERICO                      28/11/1994    S.C. BRENTA TEAM A.D.

Squadra SENIOR FEMMINILE
1.    NICOLINI ELENA                              21/02/1988   S.C. BRENTA TEAM A.D.
2.    TOMATIS KATIA                                  23/02/1981   S.C. TRE RIFUGI C.A.I.  MOND.
3.    VALMASSOI MARTINA                      26/07/1989   S.C. DOLOMITI SKI-ALP A.D.
            
Squadra U23 ESPOIR MASCHILE
1.    BACCA VALENTINO                         22/05/1995    S.C. BRENTA TEAM A.D.
2.    CANCLINI NICOLO’ ERNESTO     26/01/1997    S.C. ALTA VALTELLINA A.D.
3.    MAGNINI DAVIDE                              31/08/1997    C.S. ESERCITO

Squadra U23 ESPOIR FEMMINILE
1.    COMPAGNONI GIULIA                     28/10/1996      C.S. ESERCITO
2.    DE SILVESTRO ALBA                      03/10/1995      C.S. ESERCITO
3.    MARTINI MARA                                  27/09/1997      BACHMANN SPORT COLLEGE 
4.    VERONESE ILARIA                          15/11/1996      A.S.D. S.C. VALSANGONE

Squadra JUNIOR MASCHILE
1.    CONFORTOLA STEFANO               27/02/1998   S.C. ALTA VALTELLINA A.D.
2.    GUICHARDAZ FABIEN                    23/09/1999    S.C. CORRADO GEX A.S.D.
3.    GUICHARDZ SEBASTIEN              23/09/1999    S.C. CORRADO GEX A.S.D.
4.    PRANDI ANDREA                            05/03/1998    S.C. ALTA VALTELLINA A.D.

Squadra JUNIOR FEMMINILE
1.    MURADA GIULIA                               03/07/1998      A.S.D. POLISPORTIVA ALBOSAGG.
2.    PLONER MELANIE                          10/12/1998      BOGN DA NIA VAL DE FASHA ASD
fisi.org

 

 


10/07/2017
Il Cio ha deciso: lo sci alpinismo sarà disciplina ufficiale ai prossimi YOG di Losanna 2020

 

Continua il percorso olimpico delllo sci alpinismo, disciplina in grande crescita di partecipanti. La Federazione internazionale dello sci alpinismo (ISMF) comunica che lo sport delle pelli sarà disciplina ufficiale ai prossimi Giochi Olimpici giovanili di Losanna, nel 2020.
La decisione è stata assunta dal board del Cio, che si è tenuto a Losanna lo scorso 9 luglio.
La località prescelta per le gare di alpinismo sarà Villars sur Ollon, dove saranno disputate le gare Individuali, Sprint e Staffetta, con la partecipazione di 48 atleti di tutte le 31 federazioni che fanno parte dell'ISMF.
La decisione del Cio segue di circa un anno il riconoscimento operato dallo stesso movimento olimpico internazionale dello sci alpinismo quale disciplina olimpica, in attesa ora di poter essere inserita nel novero delle discipline ufficiali in una delle prossime edizioni dei Giochi Olimpici.
Fisi.org

 

 


03/07/2017
Skialp Kids a Clusone

 

Clusone Piazza della Rocca 
Fisi Bg in collaborazione con Comunità Montana Valle Seriana , Promo Serio, sci club 13 Clusone e sci club Presolana Monte Pora con grande successo hanno promosso lo Skialp per bambini !

Sabato a Clusone in Piazza della Rocca si sono dati appuntamento i bambini che hanno voluto cimentarsi nella disciplina dello sci alpinismo . Grazie alla Fisi di Bergamo e con la collaborazione della Comunità Montana Valle Seriana , Promo Serio, sci club 13 Clusone e sci club Presolana Monte Pora si è svolto un evento decisamente insolito per la stagione ma che ha avuto un grande successo tanto che i mini atleti hanno dovuto attendere in coda il proprio turno per provare l'emozione di indossare gli sci d'alpinismo.

Il tutto è stato coordinato da Paolo Vigani vice presidente del comitato bergamasco che ringrazia tutti coloro che hanno collaborato alla riuscita dell'evento. Un particolare ringraziamento va anche a Mattia Pegurri (responsabile dello sci alpinismo della Fisi Alpi Centrali) per il suo fattivo impegno durante tutta la manifestazione.

Fisi Comitato di Bergamo

               


26/05/2017
Le date della Cdm 2017/18: dieci gare complessive in cinque località. In Italia c'è Madonna di Campiglio, Campionati Europei sull'Etna

 

La ISMF (International Ski Mountaineering Federation) ha ufficializzato le date dela prossima stagione di Coppa del mondo, che prevede la disputa di dieci gare complessive fra Wanong (Cina), Villars (Svi), Andorra, Puy St. Vincent e Madonna Di Campiglio, divise fra tre prove sprint, tre vertical race e quattro individuali. Il calendario prevede anche i Campionati Europei sull'Etna del 22-24 febbraio 2018, mentre le tappe de "La Grande Course" (che anche quest'anno sarà un torneo a parte e non assegnerà punti per la coppa) sono quattro: Altitoy (Svi), Pierra Menta (Fra), Tour du Rutor (Val d'Aosta) e Patrouille des Glaciers (Svi).

Di seguito tutte le date stagionali con le categorie che saranno al via delle gare:    

COPPA DEL MONDO
15/12/2017 - Wanlong (Chn) - Vertical senior, espoir
16/12/2017 - Wanlong (Chn) - Sprint senior ed espoir
20/01/2018 - Villars (Svi) - Sprint senior, espoir e junior
21/01/2018 - Villars (Svi) - Individuale senior, espoir, junior
27/01/2018 - Andorra (And) - Individuale senior, espoir, junior
28/01/2018 - Andorra (And) - Vertical senior, espoir e junior
08/02/2018 - Puy-Saint-Vincent (Fra) - Individuale senior, espoir, junior
09/02/2018 - Puy-Saint-Vincent (Fra) - Vertical senior, espoir e junior
07/04/2018 - Madonna di Campiglio WC (Ita) - Sprint senior, espoir e junior
08/04/2018 - Madonna di Campiglio (Ita) - Individuale senior, espoir, junior

CAMPIONATI EUROPEI 
Etna (Ita) - dal 22 al 24 febbraio 2018 

LA GRANDE COURSE
Altitoy (Svi) - 3 e 4 marzo 2018 
Pierra Menta (Fra) - dal 14 al 17 marzo 2018
Tour du Rutor (Val d'Aosta) - dal 23 al 25 marzo 2018 
Patrouille des Glaciers (Svi) - dal 20 al 22 aprile
Fonte: fisi.org

 

 


23/04/2017
Pagina dell' Eco di Bergamo di oggi

- Scarica l'allegato 1


22/04/2017
Trofeo Mezzalama 2017

 

Terzo posto per William Boffelli e Pietro Lanfranchi ma anche decimo posto per Fabio Pasini

ecco la classifica

http://grandecourse.infoedro.net/classifiche/classifica_live_XXI_Mezzalama_2017.html

- guarda il video


13/04/2017
Tutte le novità del Trofeo Mezzalama del 22 aprile, appuntamento di chiusura della "Grande Course"

 

L’adrenalina in vista della partenza della XXI edizione della Maratona dei Ghiacciai inizia a farsi sentire, le 300 squadre iscritte stanno rifinendo la preparazione, mentre lo staff di guide diretto da Adriano Favre sta lavorando sul tracciato in quota per rendere straordinaria la cavalcata tra Breuil-Cervinia e Gressoney attraverso il Monte Rosa.

Il Trofeo Mezzalama, ultima prova stagionale del Circuito La Grande Course, è saldamente legato alla propria storia ed è molto attento agli avvenimenti che in ventuno edizioni hanno caratterizzato i territori che la ospitano. Nella passata edizione, volendo rendere omaggio ai 150 anni della conquista del Cervino, la maratona dei Ghiacciai invertì il suo senso di svolgimento, arrivando a Breuil-Cervinia proprio all’ombra della Gran Becca. Il 22 aprile invece, si ricorderanno i 100 anni della Grande Guerra, con la Fanfara dei Bersaglieri della Val d’Ossola che accompagneranno lungo la via pedonale di Cervinia i 900 mezzalamisti.

Oltre a seguire la storia, il Trofeo Mezzalama è sempre stato al passo con i tempi dimostrando di essere una competizione moderna e dinamica. L’inserimento della gara riservata alle categorie giovanili (cadetti e junior) che si svolgerà venerdì 21 aprile  e la diretta streaming che seguirà tutte le fasi di gara, sono degli esempi che rendono la Maratona dei Ghiacciai unica nel suo genere.

Grazie allo straordinario successo della passata edizione, con oltre 53.000 persone collegate da più di 100 diversi Paesi, il Trofeo Mezzalama sarà nuovamente trasmesso in diretta streaming sui canali ufficiali della Maratona dei ghiacciai (il sito www.trofeomezzalama.it, il canale YouTube https://www.youtube.com/channel/UCqwsWzTaffDZgYilUGfhlkg e la pagina Facebook https://www.facebook.com/TrofeoMezzalama/) e su una quindicina di siti web specializzati in sport di montagna, e outdoor che con entusiasmo hanno accolto la proposta di ospitare la diretta web della XXI edizione del Trofeo.

Il racconto inizierà il 22 aprile alle 8.30 del mattino con il commento di Silvano Gadin, telecronista di Eurosport e voce ufficiale del Trofeo Mezzalama dal 2005.  Silvano sarà collegato dal traguardo di Gressoney La Trinité, al suo fianco si alterneranno Stefania Belmondo (2 ori olimpici e 4 titoli di campionessa del mondo nello sci di fondo), Arianna Follis (campionessa mondiale e bronzo olimpico nello sci di fondo e vincitrice di 2 edizioni del Trofeo Mezzalama) e Bruno Brunod (due volte campione del mondo di skyrunning).

Durante la cronaca verranno proposti i momenti chiave della gara (partenza, arrivo al primo cancello, sorpassi e recuperi) e diverse interviste fatte ai protagonisti prima del via. Gadin potrà anche collegarsi con la telecamera fissa posta al rifugio Quintino Sella dove ci saranno Francesco De Fabiani (vincitore nella stagione 2014/15 e 2015/16 della classifica di Coppa del Mondo sci di fondo under 23) e Paolo Riva (tecnico della squadra italiana di sci di fondo), pronti con aggiornamenti curati e coordinati dal giornalista Maurizio Torri.
Marco Camandona, guida alpina valdostana e amico da sempre del Trofeo Mezzalama, sarà il “jolly” della diretta: collegato telefonicamente si sposterà lungo il percorso per raccontare live le fatiche dei concorrenti.
La diretta streaming terminerà con l’arrivo delle prime squadre femminili previsto intorno alle 11.30.
fisi.org

 

 


10/04/2017
SKI ALP – WILLIAM BOFFELLIPROTAGONISTA IN COPPA DEL MONDO

Dal traguardo del Parravicni ha ricevuto l’investitura ufficiale da parte del “Vecio” Pietro Lanfranchi che, dall’alto della sua esperienza ha dichiarato: “per anni ero sono stato l’unico bergamasco a girare per il circuito dello skialp; finalmente l’anno scorso è arrivato Boffelli che sta crescendo poco alla volta e potrà togliersi delle belle soddisfazioni magari anche migliori delle mie. E William Boffelli 24enne di Roncobello, astro nascente dello sci con le pelli bergamasco ma non solo visto che veste già la maglia azzurra, dai Pirenei ha subito risposto a suon di risultati alle lusinghiere parole del “Lanfra” andando a prendersi un ottavo posto di assoluto valore nell’ultima individual race della coppa del mondo 2017 di sci alpinismo andata in scena sulle montagne spagnole della Val d’Aran. Per l’ingegnere (si è laureato lo scorso anno al Politecnico di Milano) una prova di maturità che dimostra come abbia ormai ben digerito il salto nella categoria Senior avvenuto in questa stagione suffragato dal fatto che è di gran lunga il più giovane della top ten spagnola dove ha chiuso a meno di sei minuti dal terzo gradino del podio occupato dall’austriaco Jakob Hermann con il quale, insieme anche al suo mentore Lanfranchi farà squadra nel terzetto al via del prossimo Mezzalama, una tra le più blasonate prove italiane dello sci alpinismo che li vedrà sicuri protagonisti.

Nella classifica finale di coppa dominio azzurro con tutto il podio occupato dai nostri con Robert Antonioli che precede Michele Boscacci secondo e Damiano Lenzi terzo con quinto MatteoEydallin trionfatore dell’ultima tappa.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DIBERGAMO

 


09/04/2017
FINALMENTE BRILLA IL SOLE SU DI UN PARRAVICINI FANTASTICO DOMINATO DA LANFRANCHI E BARAZZUOL

Un’edizione fantastica del Trofeo Parravicini è andata in scena ieri nello spettacolare anfiteatro del Calvi.

Baciato da uno splendido sole il percorso tradizionale con uno sviluppo di 18 km e ben 1900 metri di dislivello positivo quasi completamente visibile dalla terrazza del Rifugio Calvi dalla quale il numerosissimo pubblico ha potuto osservare la performance di Pietro Lanfranchi che, in coppia con il piemontese Filippo Barazzuol si è aggiudicato il “Parra” per la quarta volta in carriera precedendo il duo dell’Esercito Fabio Pasini e Daniel Antonioli, mentre sul terzo gradino del podio sale una coppia bergamasca con Andrea Olivari del Gromo Andrea Dolci del Valserina.

Definirei questa gara uno spettacolo dello sci alpinismo, forse la più bella dell’anno – così il 38enne di Casnigo all’arrivo - dopo un inizio di stagione difficile ho dimostrato di esserci ancoraBarazzuol ho dovuto tirarlo perché non ne aveva più. Meglio così, visto che al Mezzalama dove andrò con Boffelli e l’austriaco Hermann, tornerà ad essere avversario…”. 

Partiti subito a tutta i vincitori fino al primo cambio pelli sono stati con Pasini-Antonioli per poi prendere un po’ di vantaggio in discesa che è cresciuto man mano fino ai circa sei minuti dell’arrivo. 

Soddisfatto Fabio Pasini l’inossidabile fondista di Valgoglio, “appena riesco mi diverto con le pelli, lo sci alpinismo mi dà molta soddisfazione. Sarò al via al Mezzalama sempre con Antonioli e con Richard Tiraboschi, speriamo di arrivare tra l’ottavo ed il decimo posto.”

Vittoria anche per la seriana Paola Pezzoli in coppia con la camuna Corinna Ghirardi in campo femminile, mentre il duo del 13 Clusone Nicola Bertocchi e Daniele Carobbio vincono tra gli Juniores con Giulia Gherardi e Valentina Giorgi (Pol. Albosaggia) prime tra le ragazze. Nei cadetti chiudono primi Alessandro Saleri (sci club PezzoroLuca Tomasoni (Presolana MontePora)-

Con il Parravicini si è chiuso il circuito Fisi dello skialp che ha incoronato proprio Pietro Lanfranchi campione provinciale assoluto. Il titolo femminile va a Paola Pezzoli, quello master a Maurizio Piffari, quello Espoir a Giovanni Gelmiquello Junior a Daniele Carobbio e quello Cadetti a Luca Tomasoni.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO

                                                                                     


07/04/2017
TROFEO PARRAVICINI 2017 - DOMENICA 9 APRILE A CARONA

Nelle foto la situazione innevamento al 5 aprile.

In allegato la brochure 

- Qui le ultime news

- Scarica l'allegato 1

               


02/04/2017

 

Muta il percorso, cambiano gli avversari, ma i padroni dell’Adamello Ski Raid sono ancora i freschi campioni del mondo Damiano Lenzi e Matteo Eydallin. La formidabile coppia composta dai due piemontesi, che di recente ha vinto anche la prestigiosa Pierra Menta, ha bissato il successo del 2015 e ha quindi riaffermato il proprio predominio nella tappa de La Grande Course e di Coppa delle Dolomiti. Si tratta di una vittoria conquistata senza grosse difficoltà, a fare la differenza, oltre alla condizione atletica, è stata l’esperienza dei due atleti che indossano i colori dell’Esercito Italiano, bravi a gestire le energie soprattutto in avvio, quando il ritmo imposto da Boffelli e Lanfranchi sembrava difficile da sostenere per gli altri. Lenzi ed Eydallin hanno interpretato al meglio il percorso lungo 43 chilometri, con 4.000 metri di dislivello, tracciato da un comitato organizzatore che ha dovuto adattare la gara, fino all’ultimo giorno, alle condizioni climatiche, eliminando alla vigilia il passaggio di Cima Adamello e la discesa del Pisgana. Questo non ha impedito ai 700 concorrenti di affrontare una gara emozionante, partita alle ore 6 da località Tonalina per i maschi, alle 6,30 da Passo Paradiso per le donne. Anche in campo femminile si è imposta una fresca campionessa del mondo, la francese Axelle Mollaret, iridata ad Alpago insieme a Lorna Bonne: in questo caso ha trionfato in coppia con la svizzera Jennifer Fiechter, mentre due anni fa era giunta seconda insieme a Emelie Forsberg.
Il podio maschile è stato completato dalla coppia elvetica composta da Werner Marti e Martin Anthamatten, che hanno controllato per tutta la gara la piazza d’onore senza problemi, mentre dietro di loro infuriava la bagarre per salire sull’ultimo gradino del podio, una sfida vinta infine da Michele Boscacci e Nadir Maguet (Centro sportivo Esercito) su Filippo Beccari in coppia con il norvegese Lars Skjervheim e sul binomio William Boffelli – Pietro Lanfranchi. Fra le donne la seconda piazza è finita alla coppia franco – spagnola, composta da Laetitia Roux e Claudia Galicia Cortina, la terza nelle mani di Katia Tomatis (cuneese) e Alba de Silvestro (bellunese), prime fra le italiane.
Il racconto comincia, per i maschi, con la partenza dalla Tonalina alle 6 del mattino e con lo scatto di Boffelli – Lanfranchi, che arriva per prima a Passo Paradiso, davanti al duo Marti - Anthmatten, a Boscacci - Maguet e a Lenzi – Eydallin, ancora al coperto. I campioni del mondo cominciano a fare la differenza al Rifugio Mandrone, quando sono secondi dietro alla coppia in fuga e al Rifugio Adamello Collini al Bedole eccoli davanti a tutti, seguiti da Marti – Anthamatten e Boffelli – Lanfranchi, il cui ritmo cala. Nello stesso punto la classifica femminile, per quanto riguarda il podio, è già quella finale: comanda la coppia Fiechter - Mollaret, davanti a Roux - Cotrina e Tomatis - De Silvestro.
Al Rifugio delle Lobbie Lenzi ed Eydallin vantano un minuto di vantaggio su Marti e Anthamatten, poi passano Boffelli e Lanfranchi a 2' dai leader, Boscacci e Maguet a 6', Cardona e Pinsach a 16'. I distacchi femminili, a questo punto, sono di 2’ fra prima coppia e seconda e di altri 2’ fra seconda e terza. A Cresta Croce Lenzi – Eydallin possono gestire 4' di margine su Marti e Anthamatten e 5' su Boffelli – Lanfranchi, che al Bivacco Pian di Neve hanno accumulato 9 minuti. Allo stesso rilevamento la svizzera Fiechter e la francese Mollaret mantengono 2’ su Roux e Cotrina, 6' su Tomatis - De Silvestro. Poco cambia al bivacco Adamello e al Passo degli Italiani, dove transitano al 4° posto Boscacci e Maguet, quinti Cardona e Pinsach, sesti Beccari e Skjervheim. Al Bivacco Venezia Boffelli e Lanfranchi vantano appena 1' su Boscacci e Maguet, che poco prima della lunga discesa verso valle vanno al sorpasso, imitati da Beccari e Skjervheim.
Al traguardo di Ponte di Legno Damiano Lenzi e Matteo Eydallin giungono in 4 ore 35’ 29”, 8 minuti e 47 secondi dopo arrivano Werner Marti e Martin Athamatten, a 13’09 Michele Boscacci e Nadir Maguet, a 22’24” Filippo Beccari e Lars Skjervheim, a 24’18” William Boffelli e Pietro Lanfranchi, a 25’ gli spagnoli Oriol Cardona e Rubirola Pinsach. Soddisfacente settimo posto per Alex Salvadori e Daniele Cappelletti, prima coppia trentina, che ha corso con le action cam al fine di produrre materiale da utilizzare nello speciale in onda mercoledì alle 20,20 su RaiSport. Fra le ragazze è di 4 ore 45 minuti e 50 secondi il tempo di Jennifer Fiechter e Axelle Mollaret, che hanno staccato di 8’12” Laetitia Roux e Claudia Galicia Cortina, di 19’04” Katia Tomatis e Alba de Silvestro, di 22’24” Corinna Ghirardi e Bianca Balzarini, di 32’14” Dimitra Theocharis ed Elena Nicolini.
Per quanto riguarda la Coppa delle Dolomiti, di cui questa gara è parte, al primo posto ora troviamo Robert Antonioli, seguito da Manfred Reichegger, William Boffelli, Daniele Cappelletti e Michele Boscacci. Fra le donne, grazie al risultato di oggi, Alba De Silvestro, stacca Martina Valmassoi, superata da Bianca Balzarini al secondo posto.
L’appuntamento, per quanto riguarda l’Adamello Ski Raid è per il 2019. Questa edizione, oltre che per l'elevato livello dei concorrenti, sarà ricordata anche per l'entusiasmo dei duemila spettatori che hanno atteso, sulle tribune, il passaggio dei concorrenti a Passo Presena.

fisi.org

 


25/03/2017
SKIALP – PER BOFFELLI E LANFRANCHI TOP TEN IN COPPA DEL MONDO

Doppia top ten per i nostri portacolori nella tappa di Coppa del Mondo di sci alpinismo in corso di svolgimento a Prato Nevoso (CN).

Nell’individual race odierna infatti ottimo il 7° posto assoluto di William Boffelli dello sci club Roncobello seguito a breve distanza da Pietro Lanfranchi (Valgandino) 10°.

Condizioni difficili, anche se con percorso ridotto. Un po’ di neve il giorno precedente la gara, mentre quasi spunta il sole al momento della partenza, anche se quasi subito arriva la nebbia. Neve molle, impegnativa in salita, ma ancor più in discesa, colpa anche della scarsa visibilità. Sulle nevi di casa detta legge Damiano Lenzi che comanda la gara sin dalle prime battute e va a vincere in solitaria con il crono finale di 1h37’04”. Secondo, l’austriaco Jakob Herrmann che nel finale riesce a superare l’azzurro Matteo Eydallin.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO


13/03/2017
PIZZOCAMINO SKIALP 2017 - SCHILPARIO (BG)

Buona la prima per la esordiente kermesse orobica....

 

Paola Pezzoli, unica donna in gara, ha potuto effettuare l'ennesimo buon test in vista delle grandi classiche...

Pizzo Camino Ski Alp Race, buona la prima con sigillo dell'azzurro di casa Pietro Lanfranchi, che domenica si è aggiudicato la nuova kermesse di Schilpario. Kermesse che inoltre valevole per il circuito Trofeo Alpi Orobiche. Per il capitano dello sci club Valgandino finish time di 1h55’07”.

 

Alle sue spalle l'altro azzurro William Boffelli in 1h58’31”. Terzo Marzio Bondioli in 2h09’23”. Al femminile Paola Pezzoli ha concluso la propria gara in 2h39’.

- sportdimontagna.com

                                           


12/03/2017
MOON RACE 2017 - MONTE PORA (BG) Ultimo test pre Sellaronda passato a pieni voti per i ragazzi di Chicco Gillio

Ultimo test pre Sellaronda passato a pieni voti per i ragazzi di Chicco Gillio

 

 

Primi al traguardo l'aleta di casa Fabio Bazzana in team con il valdostano Franco Collé. CLASSIFICHE ON LINE!!!

La Presolana illuminata dalla luna  ha dato il via alla seconda edizione della Monte Pora Moon Race. Al nastro di partenza Bazzana, Collè, Lanfranchi, Boffelli, Cinesi, Gusmini...  Battaglia doveva essere e battaglia è stata. Nonostante qualche "dritto" di troppo, i primi a tagliare il traguardo sono stati Bazzana/Collè dvanti agli azzurri Lanfranchi/Boffelli. Terzi Cinesi/Gusmini, a seguire Olivari/Minoggio e Dheo/Omodei 

 

Nella gara in rosa, come da pronostico Cuminetti/Buzzoni la spuntano su  Cortese/Mognetti. CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE!!!

- sportdimontagna.com


05/03/2017
Timogno Ski Raid

Il meteo grazia la terza prova del Crazy Skialp Tour andata in scena nel bel comprensorio degli Spiazzi di Gromo.  La  Timogno Ski Raid  era inoltre valida come valida come prova del campionato provinciale della FISI Bergamo.

 

I 125 atleti partiti alle ore 9:30 dallo stadio del fondo hanno affrontato i 1600 mt. di dislivello, con sei salite ed altrettante discese, sotto un pallido sole che, a momenti, ha fatto capolino illuminando le pendici del Timogno. Il più veloce è stato un funambolico Fabio Bazzana che, aiutato da un errore di percorso dell’altoatesino Philip Götsch, ha chiuso in prima posizione la gara con un tempo di 1h40’18”. Seconda piazza per un rammaricato Götsch (1h41’25”), mentre terzo si è piazzato il fondista Fabio Pasini (1h44’05”).

Nella top ten anche Ivo Zulian, Norman Gusmini, Michel Cinesi, Andrea Olivari, Graziano Boscacci, Matteo Bignotti e Marzio Bondioli.
Tra le donne, conferma il pronostico della vigilia la leader di circuito Corinna Ghirardi (2h16’21”), prima davanti a Silvia Cuminetti del GAV Vertova (2h28’05”) e a Maddalena Mognetti dello sci club Gromo (2h33’45”).  Nelle migliori cinque anche Cortese Carlotta e Paola Bonacina.

sportdimontagna.com

- Scarica l'allegato 1

       


26/02/2017
SKI ALP – LANFRANCHI-BOFFELLI SETTIMI NEI MONDIALI A SQUADRE

Ottima prestazione della coppia di “Bergamosci con le pelli” Pietro Lanfranchi-William Boffelli ai campionati del mondo di sci alpinismo in corso di svolgimento ad Alpago-Piancavallo.

In quella che è un po’ la specialità storica dello ski-alp, la prova a squadre “il vecchio e il bambino” dello sci alpinismo orobico hanno infatti ottenuto una prestigiosa settima posizione.

Prova davvero tosta quella andata inscena sulle montagne tra Friuli e Veneto. Impegnativa in salita, non solo per il dislivello, ma anche per una traccia spesso ghiacciata visto che in Alpago pur brillando il sole, la temperatura al mattino è rigida. Una gara dura sulle creste, difficilissima in discesa. Una vera alpinistica, non c’è dubbio.

Sono gli azzurri Boscacci e Antonioli ad affrontare al comando la prima salita, tallonati da Lenzi e Eydallin che riprendono i compagni di squadra sulla terza salita, Boscacci e Antonioli decidono che l’argento va bene. Alle loro spalle i francesi Bon Mardion e Gachet riprendono e passano gli svizzeri Marti e Anthamatten e si mettono al collo il bronzo. Quinti gli austriaci Martin Weisskopf e Jakob Herrmann, sempre regolari e costanti tutta la gara, gli spagnoli Kilian Jornet con Cardona Coll sono sesti con circa due minuti sui nostri Pietro Lanfranchi e William Boffelli.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO 


24/02/2017
DAMIANO LENZI E' ORO NELL'INDIVIDUALE AI MONDIALI DI ALPAGO - PIANCAVALLO. COMINCIA BENE IL MONDIALE ITALIANO

 

Dalla pagina fisi.org
Damiano Lenzi e Laetitia Roux sono le prime medaglie d'oro del Mondiale di sci alpinismo di Alpago - Piancavallo. Le gare individuali hanno preso il via dalla Val Salatis. La francese ha preso il comando sin dall'inizio della gara e lo ha tenuto sino alla fine. Stessa condotta di gara anche per Damiano Lenzi, con la differenza che Kilian Jornet Burgada e Anton Palzer, secondo e terzo alla fine, hanno incalzato l'azzurro fino agli ultimi metri, mentre Matteo Eydallin e Robert Antonioli sono finiti quarto e quinto. Fra le donne, argento e bronzo sono andati a Maude Mathys e a Axelle Mollaret.

Damiano Lenzi (ITA): "Avevo fiducia perché sapevo di essere in un buon stato di forma. Oggi le condizioni meteo erano davvero difficili e per tre volte ho avuto problemi con i miei sci. Per questo motivo, Burgada mi si è avvicinato un paio di volte. Oggi mi ha aiutato anche la mia esperienza di fondista. L'oro di oggi mi ripaga di tanto momenti difficili della mia carriera".

 


16/02/2017
Dalla pagina fisi.org - I convocati per i Mondiali di Alpago/Piancavallo: 39 atleti fra seniores, juniores, espoir e cadetti

 

E' stata ufficializzata la formazione italiana che prenderà parte ai Mondiali di Alpago/Transcavallo del 23 febbraio-2 marzo. Nella categoria seniores gareggerano Robert Antonioli, Filippo Barazzuol, Michele Boscacci, William Boffelli, Matteo Eydallin, Lorenzo Holzknecht, Pietro Lanfranchi, Damiano Lenzi e Nadir Maguet fra gli uomini e Elena Nicolini, Katia Tomatis e Martina Valmassoi fra le donne. Fra gli juniores presenti Nicolò Canclini, Enrico Loss, Davide Magnini, Andrea Prandi in campo maschile e Valentina Giorgi, Mara Martini, Giulia Murada, Valeria Pasquazzo e Melanie Ploner in campo femminile.

A livello di espoir toccherà a Henri Aymonod, Valentino Bacca, Pietro Canclini, Luca Faifer, Federico Nicolini e Alex Oberbacher fra gli uomini e Giulia Compagnoni, Alba De Silvestro, Ilaria Veronese fra le donne, infine nei cadetti presenti Simone Antonioli, Alessandro Gadola, Alberto Gontier, Alessandro Rossi, Mirco Sanelli, Matteo Sostizzo nelle gare maschili e Samantha Bertolina, Anna Folini e Sophie Pornbacher nelle gare femminile.

 

 


28/01/2017
SKI ALP 3 PRESOLANA – LA SPUNTA PIETRO LANFRANCHI

Alla fine l’ha spuntata Pietro Lanfranchi, non senza qualche sorpresa. Tra le donne invece vittoria subito certa per Martina Valmassoi. A tagliare il traguardo per primo alla Ski Alp 3 sulla Presolana Filippo Barazzuol, ma una penalizzazione per un’irregolarità nell’uso dei ramponi, lo ha fatto slittare in seconda posizione. Nonostante la poca neve di questo strano inverno, Ski Alp 3 è andata in scena oggi su un percorso di 1.885 m up con tre salite e altrettante discese grazie all’opera dello Sci Club 13 e del CAI di Clusone. 1h30’44” il tempo di Barazzuol prima della penalizzazione e 1h58’44’’ quello della Valmassoi. 1h32’01” invece il tempo di Lanfranchi, terzo Stefano Stradelli in 1h39’13”. A completare il podio in rosa la camuna Corinna Ghirardi seconda in 2h01’15” e la piemontese Ilaria Veronese terza in 2h11’02”. Nei 10 uomini anche Mattia Luboz, Graziano Boscacci, Marzio Deho, Norman Gusmini, Matteo Bignotti, Mattia Curtoni e Manuel Negroni. Marco Moletto piazzatosi sesto è slittato fuori dalla top ten sempre per una penalità cronometrica. Al femminile, quarto posto la polacca Anna Taybor e quinto per l’atleta di casa Paola Pezzoli.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO

                                                                                                                         


25/01/2017
SKIALP 3 PRESOLANA 2017

Dopo i sopralluoghi in quota compiuti lo scorso weekend, siamo felici di comunicare che Skialp 3 Presolana 2017 è confermata per sabato 28 gennaio a Colere!
Non vogliamo essere irreali: le condizioni di innevamento sono precarie, da noi come in tutto l'arco delle Alpi centrali, e non permettono di organizzare una gara a lunga distanza come originariamente previsto.
Perciò, vista anche l’impossibilità di cambiare data impostaci dalla FISI, abbiamo modificato la FORMULA di gara.
Skialp 3 Presolana 2017 sarà una gara di scialpinismo INDIVIDUALE su percorso classico da circa 1600m di dislivello positivo, comprensivo di tratti tecnici in ambiente: salite, discese, tratti a piedi. 
Non un ripiego quindi ma una competizione di vero scialpinismo, organizzata con la qualità e la passione che ci contraddistinguono. 
Sul percorso di gara è garantita la neve...e anche fatica e divertimento!
Sul nostro sito (http://www.skialp3.it) trovate gli aggiornamenti, e a breve nuovo percorso e altimetria.
ISCRIZIONI APERTE, VI ASPETTIAMO!
Con: La Sportiva
KappaeMmesport
Un ringraziamento speciale a: Pro Loco Colere
ColereSki 2200

Dopo i sopralluoghi in quota compiuti lo scorso weekend, siamo felici di comunicare che Skialp 3 Presolana 2017 è confermata per sabato 28 gennaio a Colere!Non vogliamo essere irreali: le condizioni di innevamento sono precarie, da noi come in tutto l'arco delle Alpi centrali, e non permettono di organizzare una gara a lunga distanza come originariamente previsto.Perciò, vista anche l’impossibilità di cambiare data impostaci dalla FISI, abbiamo modificato la FORMULA di gara.Skialp 3 Presolana 2017 sarà una gara di scialpinismo INDIVIDUALE su percorso classico da circa 1600m di dislivello positivo, comprensivo di tratti tecnici in ambiente: salite, discese, tratti a piedi. Non un ripiego quindi ma una competizione di vero scialpinismo, organizzata con la qualità e la passione che ci contraddistinguono. Sul percorso di gara è garantita la neve...e anche fatica e divertimento!Sul nostro sito (http://www.skialp3.it) trovate gli aggiornamenti, e a breve nuovo percorso e altimetria.ISCRIZIONI APERTE, VI ASPETTIAMO!Con: La SportivaKappaeMmesportUn ringraziamento speciale a: Pro Loco ColereColereSki 2200


21/01/2017
Sci Alpinismo - Lenzi secondo nell'individuale maschile di apertura di Coppa del mondo a Font Blanca. Soddisfazioni anche negli junior ed espoir

Dalla pagina fisi.org

Prima tappa di Coppa del mondo e prime soddisfazioni per l'Italia nell'individuale di Font Blanca, in Andorra. L'ossolano Damiano Lenzi si è classificato al secondo psoto nelal categoria seniroes, battuto dal tedesco Anton Palzer per 11", terzo posto per il francese Xavier Gachet che ha privato del podio Matteo Eydallin (quarto) e Robert Antonioli (quinto). In campo femminile il successo è andato alla transalpina Laetitia Roux sulla connazionale Axelle Mollaret e la svedese Emelie Forsberg, con Alba De Silvestro sesta e Katia Tomatis settima.

Nella categoria juniores doppietta azzurra fra le donne con Giulia Murada davanti Mara Martini, mentre Davide Magnini si è imposto nella prova maschile sul francese Thibault Anselmet e l'altro azzurro Enrico Loss. Infine negli espoir Alba De Silvestro ha vinto la gara femminile sulla francese Adele Milloz e Federico Nicolini è giunto terzo in cmapo maschile. Domenica 22 gennaio seconda giornata di competizioni con le vertical race.    

Ordine d'arrivo individuale maschile Cdm seniores Font Blanca (And):

1. Anton Palzer (Ger) 1h33'51"
2. Damiano Lenzi (Ita) 1h34'42"
3. Xavier Gachet (Fra) 1h34'52"
4. Matteo Eydallin (Ita) 1h35'07"
5. Robert Antonioli (Ita) 1h35'18"

9. Michele Boscacci (Ita) 1h38'08"
15. Federico Nicolini (Ita) 1h41'18"
21. Nadir Maguet (Ita) 1h44'13"
27. William Boffelli (Ita) 1h45'32"
34. Luca Faifer (Ita) 1h48'37"
41. Pietro Canclini (Ita) 1h51'57"

- Continua


08/01/2017
SKI ALP – GRANDE SUCCESSSO PER IL 2° TROFEO MARIO MERELLI C’E’<

Bellissima giornata di sci alpinismo oggi al Tonale dove è andato in scena il 2° Trofeo Mario Merelli c’e, una gara individuale che quest’anno era valida per l’assegnazione del titolo tricolore assoluto e master sia maschile che femminile. Ben 280 gli iscritti alla gara organizzata dallo Sci Cai Bergamo che, vista la scarsità di innevamento si è visto costretto ad emigrare dalle montagne di Lizzola alla Conca del Presena.

Nel ricordate i titoli assoluti di Robert Antonioli e Katia Tomatis, in allegato le classifiche delle gare odierne.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO 

- Scarica l'allegato 1

                                                         


23/12/2016
SCI CAI BERGAMO ASD - BG27 - Gara Scialpinismo MARIO MERELLI C'E' - XP014 - 08 gennaio 2017 - Campionato Italiano Scialpinismo Assoluto

COMUNICATO

La presente per comunicarvi che la gara in oggetto, visto la mancanza di neve ed il perdurare della mancanza di precipitazioni nevose, non si svolgerà più sulle nevi di LIZZOLA, come comunicato nella nostra richiesta gara, ma bensì sulle neve del comprensorio Passo Tonale - Ghiacciaio Presena.

La scelta della nuova sede ci garantisce la possibilità di svolgere il Campionato Italiano Scialpinismo Assoluto con regolarità.
Contemporaneamente si svolgerà sulle stesse nevi anche la Gara Nazionale riservate alle categorie giovanili.

Nei prossimi giorni, attraverso i canali usuali, verrà comunicata la nuova logistica e tutte le indicazioni per concorrenti e Sci club.

Restando a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento, in attesa di un vostro cordiale riscontro
porgiamo i nostri più sinceri Auguri di Buon Natale.

Luca Pirola 

Sci Cai Bergamo


16/12/2016

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Causa mancanza neve la manifestazione di Skialp 4 kids è stata rinviata a data da destinarsi 😢 vi terremo aggiornati!


11/11/2016
SCI ALPINISMO – ANCHE DANIELE CAROBBIO AL RADUNO DEL COMITATO

Anche per gli ski-alper si avvicina l’inizio della nuova stagione ed è quindi tempo di riprendere sci e pelli per rifinire la preparazione.

Risultati immagini per daniele carobbio

E’ così anche per la squadra di sci alpinismo del Comitato Alpi Centrali che, agli ordini di coach Davide Canclini è stata convocata domani e dopo per una due giorni di training al Passo del Tonale. Il programma prevede una sessione di test dedicati prevalentemente alla tecnica.

Tra i convocati anche il forte atleta dello sci club 13 Clusone Daniele Carobbio alle prime uscite col Comitato dopo che ne è entrato a far parte dalla scorsa estate.

Anche a lui, come ai due azzurri orobici Pietro Lanfranchi e Norman Gusmini un grande in bocca al lupo per l’imminente stagione agonistica..

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO


05/08/2016
Dalla pagina neveitalia.it: Lo sci alpinismo entra a far parte del movimento olimpico

La ISMF, la Federazione Internazionale dello Sci Alpinismo, è stata ufficialmente riconosciuta dalla 129a sessione del CIO, riunita a Rio de Janeiro all’immediata vigilia dei Giochi della 31a Olimpiade.

La International Ski Mountaineering Federation entra quindi a pieno titolo a far parte del movimento olimpico dopo che due anni orsono le era stato assegnato il riconoscimento provvisorio. Come recita il comunicato federale “la strada è ancora lunga” ma è di fatto un grande passo in avanti per l’entrata dello sci alpinismo nel programma dei Giochi olimpici invernali.

L’obiettivo raggiunto ieri era atteso fin dalla fondazione, nel 1988, del CISACComité International pour le Ski Alpinisme de Compétition, precursore della ISMF nata nel 2008 e il cui presidente Armando Mariotta ora dice: “Siamo molto orgogliosi di questo risultato che ci dà anche una grande responsabilità e voglio ringraziare l’intera squadra ISMF per il grande lavoro che tutti hanno portato avanti e il dipartimento sportivo del CIO per il suo prezioso supporto”. Cruciale per il riconoscimento è stato anche, aggiunge Mariotta, tra le altre cose il contratto firmato con Infront per i diritti televisivi.

 


23/07/2016
Da facebook.com/fisibergamo

 

FISIBERGAMO PRESENTA WILLIAM BOFFELLI

ALPINISMO: lo sport di cui si sente parlare ormai sempre di più da qualche stagione a questa parte... uno sport emergente che fa "emergere" nuovi talenti. Il nostro giovanissimo campione si chiama WILLIAM BOFFELLI. 

 
Gli abbiamo posto qualche domanda....
1. William, decisamente sei un grande sportivo. Da piccolo non immaginavi di poter entrare in nazionale, ma alla fine ci sei riuscito. Il prossimo anno si prospetta molto importante: a fine febbraio ci saranno i Mondiali ad Alpago. Come ti preparerai a questo evento così importante e che risultati speri di ottenere?
-Si è vero, se da piccolo mi avessero detto che un giorno avrei fatto parte della nazionale italiana di sci alpinismo, forse non ci avrei creduto nemmeno io, poi una cosa tira l’altra ed oggi eccoci qui. Il prossimo anno sarà sicuramente molto impegnativo, infatti oltre ai mondiali di Alpago, ci saranno anche tutte le tappe di coppa del mondo, che si snoderanno dai Pirenei fino alla Turchia. Per me sarà una stagione chiave, nella quale l’obbiettivo primario sarà riconfermarsi ad alti livelli e se possibile continuare quel percorso di crescita costante che ha contraddistinto le mie ultime stagioni. Un occhio di riguardo lo avrò anche per il Trofeo Mezzalama, una gara storica e che si addice particolarmente alle mie caratteristiche.

2. Lo sci alpinismo negli ultimi anni si sta diffondendo molto. L’idea è quella di avvicinare anche i più giovani a questo sport cosi faticoso ma molto affascinante e capace di dare grandi soddisfazioni. Che ne pensi dell’attività giovanile che stanno promuovendo negli ultimi anni e della manifestazione promozionale fatta a Donico la scorsa stagione?
-In questi ultimi anni c’è stato un vero e proprio “boom” dello sci alpinismo soprattutto a livello amatoriale, adesso però si sta diffondendo moltissimo anche tra i giovanissimi grazie al lavoro fatto dagli sci club, penso ad esempio all’Alta Valtellina. Qui a Bergamo siamo ancora un passo indietro, ma piano piano stiamo arrivando anche noi, a tal proposito un plauso va fatto a Giannino Cattaneo e allo Sci Club 13 Clusone per il grande lavoro svolto fino ad oggi. Manifestazioni come quella fatta a Donico lo scorso anno sono fondamentali per la promozione del nostro sport e spero si ripetano anche in futuro.

3. I ragazzi devono poter provare lo Skialp come sport completo, uno sport definito come “in grado di dare emozioni forti”. Cosa provi tu quando lo pratichi e perchè lo consiglieresti?
-Praticando sci alpinismo in montagna provo una sensazione di libertà indescrivibile, quando ad esempio traccio in neve fresca sono io che scelgo dove andare, non esistono strade o sentieri da seguire ma solo nuove cime o creste da scoprire ed esplorare. In discesa poi è puro divertimento e l’alta velocità ti da quell’adrenalina che una volta provata non puoi più farne a meno. Lo consiglio a tutti perché è uno sport “puro”, che per essere praticato non ha bisogno di piste battute ed impianti ma soltanto di un paio di sci e pelli.

4. D’estate non ti fermi mai. La corsa in montagna è un altro sport in cui intendi primeggiare o la pratichi come allenamento per la stagione invernale?
-No, pur riuscendo ad ottenere discreti risultati, la corsa in montagna la pratico solamente come preparazione in vista della stagione invernale e la abbino a sport come la bici da corsa, lo ski roll e la mountain bike, ciò mi consente di non annoiarmi mai e di trovare sempre nuovi stimoli nell’allenamento.

 

Marta D.

 

- VIDEO PRESENTAZIONE


14/07/2016
SKI-ALP VARATE LE SQUADRE CRAC – C’E’ ANCHE DANIELE CAROBBIO

Risultati immagini per daniele carobbio

Foto Ask.fm

 

C’è anche un bergamasco nella squadra del Comitato FISI Alpi Centrali di ski-alp per la prossima stagione varata in questi giorni dalla commissione regionale dello sci alpinismo E approvata anche dall’ufficio di presidenza del comitato regionale lombardo.

Si tratta di Daniele Carobbio (nella foto)19enne dello Sci Club 13 Clusone convocato nella formazione Juniores allenata da Ivan Murada e Adriano Greco.

“Ci aspettiamo grandi cose da questo gruppo di ragazzi” commenta sul sito del CRAC Mattia Pegurri responsabile regionale della formazione dello ski alp del Comitato FISI Alpi Centrali che prosegue: “lo scorso anno la nostra squadra ha sbaragliato tutta la concorrenza andando a vincere tutto quanto era possibile. L’obiettivo per la prossima stagione – ha concluso Pegurri – è quello di migliorare quanto fatto nella stagione precedente confermando l’ottimo tasso tecnico dei nostri ragazzi”.

Di seguito la composizione di tutte le squadre di ski-alp delle Alpi Centrali

Squadra cadetti femminile

1. Bertolina Samanta 2001 S.C. Alta Valtellina

2. Folini Anna 2001 Pol. Albosaggia

3. Giudici Giulia 2000 S.C. Sondalo

Squadra cadetti maschile

1. Antonioli Simone 2000 S.C. Alta Valtellina

2. Gadola Alessandro 2000 S.C. Valtartano

3. Sanelli Mirko 2000 A.S. Premana

4. Zubiani Simone 2000 S.C. Sondalo

Squadra junior femminile

1. Murada Giulia 1998 Pol. Albosaggia

2. Pedrolini Elisa 1998 Pol. Albosaggia

3. Gherardi Giulia 1997 Pol. Albosaggia

4. Cattaneo Francesca 1997 S.C. Alta Valtellina

Squadra junior maschile

1. Prandi Andrea 1998 S.C. Alta Valtellina

2. Canclini Nicolò 1997 S.C. Alta Valtellina

3. Confotola Stefano 1998 S.C. Alta Valtellina

4. Gusmeroli Davide 1998 S.C. Valtartano

5. Carobbio Daniele 1997 S.C. 13 Clusone

Allenatori: Ivan Murada e Adriano Greco

 

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO 


18/04/2016
Pagina di lunedi 18 aprile

- Scarica l'allegato 1


17/04/2016
67' TROFEO PARRAVICINI

Grazie all'aiuto dei volontari la gara si è potuta svolgere sul percorso integrale (1800 m dislivello e 17 ,5 km di sviluppo), eccezion fatta che la cima del Monte Cabianca che per la mancanza di neve sarebbe stata affrontata a piedi sia in salita che in discesa.

Sin dalle prime battute la coppia Lanfranchi-Boffelli è andata all'attacco e già al primo passaggio nella zona del rifugio Calvi aveva un vantaggio rassicurante sugli immediati inseguitori, Fabio Pasini - Daniel Antonioli del CS Esercito e Michel Cinesi - Giovanni Zamboni dell' SC Gromo.

Le posizioni si sono mantenute inalterate sino all'arrivo dove la coppia tagliava il traguardo in 1h58'27", seguita da Pasini-Antonioli in 2h03'37" e da Cinesi-Zamboni in 2h10'24".

Nella categoria sento femminile successo per la coppia Paola Pezzoli e Moraschetti Anna in 3h23'216".

Nella categoria Master successo di Cattaneo-Corlazzoli (2h27'12") che hanno preceduto la coppia di guide alpini Omar Oprandi e Miki Oprandi, entrambi nativi della valle Brembana.

Quest'anno al Trofeo A.Parravcini erano presenti per la prima volta anche le categorie giovanili.
Negli Junior maschili successo di Bertocchi-Carobbio,  dello SC 13 Clusone, nel tempo di 1h37'00" seguiti da Corazza Gusmeroli dello SC Valtartano.
Per le categorie Junior Femminili, Cadetti Maschili e Cadette Femminili, successo rispettivamente per le coppie Alessia Re - Elisa Pedrolini (CorradoGex, Pol. Albosaggia) 1h47'21", Corazza Daniele - Federico Gusmeroli (SC Valtartano) 1h26'03"e Folini Anna - Valentina Giorgi (Pol. Albosaggia) 1h52'12".

fonte sport di montagna.com

- Clicca qui per le classifiche

                                               


14/04/2016
ULTIME NOTIZIE DAL RIFUGIO CALVI

                                                     

Ieri mercoledì 13 Aprile 2016, sono iniziate le operazioni di tracciatura del 67° Trofeo A.Parravicini. 
Tutto il percorso è ben innevato, le salite e le discesa possono essere affrontate in sicurezza.
Tracciate completamente le prime due salite e discese: p.sso Grabiasca (2480m) e m.te Reseda (2380m). 
Completato il percorso che affronteranno le squadre cadetti e cadette: 900 m di dislivello per uno sviluppo di circa 11km.
Quasi tracciate completamente anche le salite e le discese della zona M.te Cabianca.
Causa l’anomalo inverno, la neve nel canalino nord non consente la discesa con gli sci. Il canalino dovrà essere affrontato a piedi con sci nello zaino
Domani si completerà la tracciatura del percorso con la salita al m.te Madonnino.

Ad oggi sono 38 le squadre della categoria assoluta iscritte, mentre sono 7 le squadre delle categorie giovanili.
Le iscrizioni chiuderanno domani venerdì 15

Viste le condizioni del percorso l’organizzazione si riserva di decidere sabato il materiale, oltre a quello da regolamento, da mettero nello zaino.
Si consiglia quindi di presentarsi alla partenza con:

Categorie assolute (Senior e Master M/F): imbrago - kit da ferrata om. - ramponi
Categoria Junior M/F: ramponi
Categoria Cadetti M/F: solo materiale standard obbligatorio


A breve seguiranno nuovi aggiornamenti.

                       Risultati immagini per 67 TROFEO PARRAVICINI


10/04/2016
LENZI/EYDALLIN E NICOLINI/BESSEGHINI CAMPIONI ITALIANI A SQUADRE NELLA MONTE ROSA SKI RAID

L’Alpe di Burky, poco sopra Macugnaga, ha ospitato la prima edizione della Monte Rosa Ski Raid, gara inserita nell’International Ski Tour e valida come ultima tappa del circuito di Coppa Italia Trofeo Scarpa. La manifestazione, organizzata dallo sci club Valle Anzasca, assegnava anche i titoli italiani a squadre. Il tracciato, tecnico e impegnativo, disegnato da Fabio Iacchini, sovrastato dall’immensa parete Est del Monte Rosa, aveva una lunghezza di 18,7 chilometri con 1850 metri di dislivello positivo diluito in tre salite, mentre il dislivello negativo è di 2120 metri. Una giornata primaverile, con temperature al di sopra della media del periodo, ha accompagnato le cinquanta squadre che hanno voluto firmare il foglio presenza della prima storica edizione.

La gara si è decisa nella lunga discesa finale che portava le squadre nella piazzetta di Staffa, fino a quel momento i due team in testa, Lenzi-Eydallin e Lanfranchi-Boffelli non avevano molti secondi di differenza. Nella prima salita insieme ai battistrada c’era anche la squadra formata da Michele Boscacci e Robert Antonioli che si sono staccati di alcuni minuti nelle successive salite. Dopo la terza discesa, al termine del breve tratto a piedi, Lenzi-Eydallin hanno iniziato la discesa verso Staffa con circa 10 secondi di vantaggio. Sotto al traguardo il ritardo di Lanfranchi-Boffelli si è attestato su 1’21’’. I ragazzi del Centro Sportivo Esercito hanno conquistato il titolo tricolore con il tempo di 2.01’.46’’.

Per Damiano Lenzi, originario di Ceppo Morelli, piccolo paesino a qualche chilometro da Macugnaga, doppia soddisfazione, oltre a vestire la maglia di campione italiano insieme al collega Eydallin, Lenzi ha ricevuto i complimenti dagli altri partecipanti per l’organizzazione della gara di casa.

In campo femminile la vittoria è andata alle favorite della vigilia, Elena Nicolini e Laura Besseghini, anche per loro, vittoria e titolo italiano davanti alle due sorelle valdostane Katrin e Annie Bieller. Nicolini-Besseghini hanno condotto la gara sin dalle prime fasi andando a chiudere con il tempo di 2:52’00’’, le sorelle Bieller, autrici di una bellissima prova, fermano il cronometro in 3:01’05’’. Sul gradino più basso del podio salgono Monica Sortogo e Anna Finizio con il tempo di 3:19’33’’. Molta la soddisfazione da parte dello sci club Valle Anzasca che, sostenuto dai comuni della Valle, si è avvalso della preziosa collaborazione di tutte le associazioni operanti sul territorio e ha messo sul campo i presupposti per uno sviluppo ulteriore della Rosa Ski Raid in prospettiva Coppa del Mondo!

Fonte fisi.org


28/03/2016
SCI ALPINISMO: PIETRO LANFRANCHI E PAOLA PEZZOLI SI AGGIUDICANO LA PRIMA EDIZIONE DELLA

valcan up- VALCANALE / ARDESIO -  Si è svolta oggi a Valcanale la prima edizione della "Vulcan Up", la gara di sci alpinismo organizzata dal GAV Vertova in collaborazione con il Valcanale Team. Un successo inaspettato, 78 i partecipanti alla griglia di partenza provenienti anche da fuori provincia, nonostante la giornata poco favorevole e la festività di Pasquetta.

Ad aggiudicarsi il podio in campo maschile l’atleta di Casnigo Pietro Lanfranchi, reduce dalla vittoria della Dolomiti Sky Race dello scorso Sabato. Lanfranchi partito in solitaria, ha guidato la testa della corsa sin dal passaggio al Rifugio Alpe Corte, lasciandosi alle spalle un formidabile Fabio Bazzana, rivelazione dello sci alpinismo, giunto secondo precedendo il fondista di Valgoglio Fabio Pasini che ha completato il podio.

In campo femminile ha trionfato l’atleta di Cerete Paola Pezzoli che corona ancora un successo dopo la strepitosa stagione.

fonte Valseriana news

- Classifica


16/03/2016
MONDOLÈ SKI ALP A PRATO NEVOSO: LA CDM ENTRA NEL VIVO CON GLI AZZURRI PROTAGONISTI

A pochi giorni dalle finali di Coppa del Mondo di sci alpinismo ISMF “Mondolè Ski Alp”, fervono i preparativi nelle stazioni sciistiche di Prato Nevoso, Frabosa e Artesina che, per il secondo anno consecutivo, ospitano l'evento clou del circuito. Sono già tre i continenti che verranno rappresentati sulle vette del Comprensorio Mondolè Ski: dall'Asia confermata la presenza della nazionale cinese; dall'America in arrivo la delegazione statunitense; innumerevoli le nazioni europee al via delle manifestazioni (Andorra, Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svizzera) per un totale di oltre cento atleti che soggiorneranno nelle strutture ricettive delle valli Maudagna ed Ellero.

La 'tre giorni” di Coppa del Mondo, prenderà il via venerdì 18 marzo 2016 con la gara Vertical, partenza alle ore 10,30 da Frabosa 'nuova', caratterizzata dall'arrivo sul Monte Moro. Tale traguardo rappresenta non solo una novità rispetto al percorso 2015 ma anche una suggestiva proposta per gli spettatori che potranno raggiungere l'arrivo grazie alla storica seggiovia monoposto del Monte Moro: inaugurata nel 1956, rappresenta una vera e propria 'chicca' nella storia dello sci, una delle poche rimaste in Italia. Oltre alla seggiovia, l'area del traguardo sarà resa accessibile ai mezzi tecnici ed ai pedoni grazie allo sgombero neve sulla strada di accesso alla “Baita delle stelle”.

Nella giornata di sabato 19, appuntamento alle ore 9,00 presso la Conca di Prato Nevoso con le partenze delle gare individual World Cup ed Open. Gli scialpinisti di tutte le categorie appartenenti alla FISI o di altra federazione estera, si confronteranno con i migliori atleti al mondo sul medesimo tracciato, dando vita alla 64a edizione della Tre Rifugi (partenza e arrivo a Prato Nevoso e passaggi sul Monte Mondolè e nei fuoripista di Artesina). Per la gara Open iscrizioni aperte sino alle ore 20,00 di giovedì 17 marzo.

Domenica 20 marzo, chiusura di manifestazione con la gara Sprint in scena nella spettacolare Conca di Prato Nevoso. Tre appuntamenti di puro spettacolo agonistico immersi in un contesto facilmente accessibile grazie alla vicinanza dei percorsi agli impianti di risalita del Comprensorio Mondolè Ski. L'Italia schiererà nella categoria seniores Robert Antonioli, Filippo Barazzuol, Michele Boscacci, Matteo Eydallin, Pietro Lanfranchi, Damiano Lenzi, Manfred Reichegger, Katia Tomatis e Martina Valmassoi, fra gli espoir William Boffelli, Nadir Maguet, Federico Nicolini, Stefano Stradelli e Alba De Silvestro, fra gli juniores Nicolò Canclini, Pietro Canclini, Davide Magnini, Andrea Prandi, Giulia Compagnoni, Giulia Murada, Laura Corazza e Melanie Ploner.

fonte fisi.org


09/03/2016
Ski alp: Boffelli primo negli espoir della Lagorai Cima d’Asta 2016. Due medaglie degli ski alper lombardi nei senior

Risultati immagini per william boffelli

Foto Montagnaexpress - William Boffelli

Domenica si è svolta l’edizione numero 26 della celebre sci alpinistica Lagorai Cima d’Asta, gara individuale che ha richiamato a Passo Brocon tantissimi appassionati di questa disciplina. Per il Comitato FISI Alpi Centrali non sono mancate le soddisfazioni. Nella prova individuale per la categoria Espoir maschile sale sul gradino più alto del podio il bergamasco di Roncobello William Boffelli che chiude la sua fatica con il tempo di 1 ora 40 primi e 6 secondi. Due medaglie, invece, nella prova senior maschile: si impone l’alfiere del centro sportivo dell’Esercito Manfred Reichegger con il corno di 1 ora 37 primi e 25 secondi. Alle sue spalle due atleti lombardi: secondo Pietro Lanfranchini dello sci club Valgandino distaccato di un primo e 7 secondi da Reichegger e terzo posto per il valtellinese Lorenzo Holznect con un gap di 2 minuti e 10 secondi dal vincitore. Nella top ten di anche Cristian Minoggio del gruppo Alpini di Intra (Verbania) che centra un più che onorevole sesto posto a 9 primi e 51 secondi dal portacolori dell’Esercito. La gara era valida come tappa del circuito di Coppa Italia.

Fonte fisialpicentrali.it


28/02/2016
Timogno Ski Raid


Si è conclusa la seconda edizione della Timogno Ski Raid, edizione che non poteva essere che definita fortunata, vista la pioggia che si è alternata alla neve nella zona dello stadio del fondo sede di partenza ed arrivo della gara.
103 i coraggiosi partenti che hanno potuto godere di un tracciato tecnico, nervoso, divertente e reso insidioso dai circa 20 centimetri di neve fresca scesi nella parte alta e dalla pesantezza della neve, causa pioggia, nella discesa finale.
Pietro Lanfranchi ha dominato tutta la gara, tallonato da Denis Trento che all'arrivo a pagato un distacco di un minuto. 
Bello poi il duello per il terzo posto, con William Boffelli che ha prevalso quasi al fotofinish su Fabio Bazzana.
Tra le donne, dominio assoluto di Laura Besseghini, che ha distaccato Corrine Gherardi di quasi undici minuti. Terza Paola Pezzoli.

In allegato le classifiche assolute. Nei prossimi giorni pubblicheremo le classifiche per categoria e le foto della manifestazione.

Fonte Sciclubgromo.it

- Scarica l'allegato 1

                       


26/02/2016
Timogno Ski Raid: individuato il tracciato alternativo di gara

                   Risultati immagini per timogno ski raid

Questa mattina, il comitato organizzatore della Timogno Ski Raid era al lavoro per definire il tracciato per la gara di domenica, visto che l'originale, date le previsioni meteo assolutamente negative, è stato (purtroppo) accantonato.
Ma non ci siamo demoralizzati e in questi due giorni è stato individuato e tracciato un anello, di quasi 700 mt. di dislivello, divertente e tecnico, toccando anche zone degli Spiazzi a molti sconosciuti nei pressi degli impianti, ma sempre garantendo sicurezza per gli atleti e per i volontari che domenica garantiranno la buona riuscita della manifestazione.
L'anello dovrà essere percorso dagli atleti per due volte e, se le condizioni lo permetteranno, cercheremo di non escludere la salita alla cima Timogno, montagna simbolo di questa gara, aumentando ancora il dislivello dai 1400 metri previsti dal giro ridotto.
Attenzione: escluso un piccolo tratto di collegamento (di poche centinaia di metri di sviluppo) il tutto verrà effettuato fuori pista sfruttando anche la pista nera Orsini che non vede battitura dallo scorso anno. Non saràdunque una gara addomesticata, ma vero sci alpinismo.
La partenza e l'arrivo, a differenza di quanto previsto originariamente, saranno mantenuti nello stesso posto, presso lo stadio del fondo recentemente aggiornato, permettendo anche al pubblico un facile accesso a piedi per seguire la gara.

fonte sciclubgromo.it


19/02/2016


07/02/2016
Sci alpinismo: A Lizzola il Mario Merelli C'è

Una fitta nevicata ha accolto gli scialpinisti questa  mattina a Lizzola, ma la macchina organizzatrice del Mari Merelli C'E non si è fatta trovare impreparata e così sono stati ben 120 i concorrenti al via della gara nazionale di scialpinismo.
La ricognizione pre-gara ha convinto il comitato organizzatore Metelli Team a ridurre la lunghezza del tracciato resosi necessario per ovvi motivi di sicurezza. Gli atleti hanno evitato il passo della Manina e, dalla Baita dell’Asta, sono subito saliti sul Monte Pizzul, puntando direttamente, mantenendosi in cresta, il monte Barbarossa.
La gara e' partita alle ore 9.00, dalla località Campel e Fabio Bazzana ha messo in chiaro le cose sin dalla prima salita, avvantaggiandosi sul resto del gruppo. A cercare di insidiarlo è stato il vicentino Davide Pierantoni, balzato in testa ma poi, nuovamente e definitivamente sorpassato dal bergamasco. Bazzana ha preceduto, nell’ordine, Davide Pierantoni e Filippo Beccari.
Un sigillo importante quello posto da Fabio Bazzana che all ' arrivo al rifugio Mirtillo ha dichiarato: «Io stesso ho avuto qualche perplessità in merito allo svolgimento della manifestazione, considerando le condizioni meteo. E invece mi sono dovuto ricredere, gli organizzatori hanno avuto ragione nel non desistere. Hanno creato un grande evento di scialpinismo in una provincia, Bergamo, dove si sente la mancanza di gare di questo spessore (sono davvero poche). A loro vanno i miei complimenti».
In ambito femminile ha primeggiato la bresciana Bianca Balzarini anticipando l’atleta di casa Paola Pezzoli, terza la valtellinese Sara Pozzi.
Nella prova junior maschile si impone Enrico Loss che da Valdobbiadine rifila 5 primi e 41 secondi a Davide Gusmeroli dell’ASD Valtartano che oltre al secondo posto in classifica porta a casa il titolo regionale. Terza piazza per il bergamasco Davide Carobbo. Lo skialper dello sci club 13 Clusone cede 7 primi e 37 secondi a Loss. Completa la top five Tomas Muscetti dello sci club Sondalo e quinto Matteo Corazza dello sci club Valtartano. In campo femminile prima piazza per la vicentina Alessia Re della Corrado Gex che chiude con il crono di 1 ora 14 primi e 39 secondi. Alle sue spalle con l’argento al collo ed il titolo regionale in tasca è giunta Camilla Rodigari dello sci club Alta Valtellina con un gap di 2 minuti e 18 secondi. Al terzo posto la compagna di club della Rodigari: Francesca Cattaneo che cede alla vicentina 8 primi e 35 secondi. Completa la top five: Marta Biffi dello sci club Sondalo, quarto e Sara Pedrazzini dello sci club Alta Valtelllina che termina quinta.
Nella prova dei cadetti prima piazza per Alessandro Gadola dello sci club Valtartano. Alle sue spalle: Marcello Muscetti dello sci club Sondalo, secondo e Federico Gusmeroli dello sci club Valtartano che termina terzo. In campo femminile podio ad appannaggio della sci club Sondalo: Desiree Franzini è prima. Alle sue spalle Francesca Cristiani, seconda  e Benedetta Cecini terza.

In allegato le classifiche

- Scarica l'allegato 1

- Scarica l'allegato 2

                                                 


05/02/2016
SCI ALPINISMO DOMENICA 7 FEBBRAIO GRANDE APPUNTAMENTO A LIZZOLA


30/01/2016
COPPA DEL MONDO DI SKIALP – BOFFELLI SUPERA IL “LANFRA”

E’ successo oggi nella prima giornata della 3^ tappa della Coppa del Mondo di sci alpinismo andata in scena sulle nevi ed i pendii valtellinesi di Albiosaggia.

Nella prova individuale infatti l’apprendista William Boffelli ha concluso in 20^ posizione assoluta precedendo di due posizioni e di oltre un minuto il suo mentore Pietro Lanfranchi che ha chiuso 22° nella gara vinta dallo spagnolo Kilian Jornet Burgada (3 su 3 per lui) per soli 81 millesimi sull’azzurro Michele Boscacci ed il tedesco Anton Palzer (1° Espoir).

A Boffelli la prestazione è valsa una prestigiosa 4^ piazza nella categoria Espoir dedicata agli Under 23.

Domani dovrebbe disputarsi la prova sprint anche se il condizionale è d’obbligo vista a scarsità di neve in cui è gareggiato oggi.Quando l’allievo supera il maestro.

 


24/01/2016
ASSEGNATI IN ALTA VALTELLINA I TITOLI ITALIANI ESPOIR, JUNIOR E CADETTI

Si sono disputati i Campionati italiani individuali giovanili di sci alpinismo, organizzati dallo sci club Alta Valtellina con la collaborazione dell’Unione Sportiva Bormiese, Alp Forba e Società Impianti Santa Caterina Valfurva. Nella categoria espoir successo per il valdostano Nadir Maguet (Centro Sportivo Esercito) davanti a William Boffelli (Roncobello) e Federico Nicolini (Brenta Team), fra le donne ha dominato Alba De Silvestro (Dolomiti Ski) su Natalia Mastrota (Scav) ed Erica Rodigari (Scav). Nella categoria cadetti trionfo di Sebastien Guichardaz (Corrado Gex) che ha preceduto Giovanni Rossi (Lanzada) e Daniele Corazza (Valtartano), mentre Samantha Bertolina (Sci Club Alta Valtellina) ha preceduto in campo femminile Valentina Giorgi (Polisportiva Albosaggia) e Valeria Pasquazzo (Lagorai Ski Team). Infine negli juniores l'oro è finito al collo di Nicolò Canclini (Sci Club Alta Valtellina) davanti al compagno di squadra Pietro Canclini, bronzo a Davide Magnini (Centro Sportivo Esercito). Derby valtellinese in campo femminile con Giulia Murada (Polisportiva Albosaggia) che nell'occasione ha preceduto Giulia Compagnoni (Sci Club Alta Valtellina), terzo posto per Melanie Ploner (Brenta Team).

Fonte fisi.org


17/01/2016
BOSCACCI TERZO NELLA VERTICAL RACE DI ARCALIS: BENE ANCHE LE CATEGORIE GIOVANILI

 

Arrivano ancora soddisfazioni per l'Italia nella seconda giornata di gare ad Arcalis valevoli per la Coppa del mondo di sci alpinimo. Michele Boscacci, secondo nell'individuale di sabato, si è piazzato terzo nella vertical race domenicale, staccato di 32" dallo spagnolo Kilian Jornet Burgada che ha concesso il bis davanti allo svizzero Remi Bonnet per 24". Nella top ten sono presenti anche Robert Antonioli ottavo e Lorenzo Holzknecht nono. La gara femminile registra l'ottavo posto di Katia Tomatis, mentre il podio premia la spagnola Laura Orguè Vila davanti alla svedese Emelie Forsbger e la svizzera Victoria Kreuzer. 

Le prove espoir hanno incoronato Alba De Silvestro fra le donne sull'austriaca Johanna Erhart e la svizzera Marianne Fatton, mentre Federico Nicolini è finito terzo fra i maschi dietro lo svizzero Remi Bonnet e il tedesco Anton Palzer. Infine negli juniores Giulia Compagnoni e Giulia Murada si sono confermate ai primi due posti della femminile (terza l'austriaca Verena Streitberger), fra gli uomini Davide Magnini ha preceduto lo svizzero Arnaud Gasser e il francese Samuel Equy.  

Ordine d'arrivo Vertical race maschile seniores Arcalis (And):
1 SPA JORNET BURGADA, Kilian     00:26:50
2 SVI BONNET, Rémi 00:27:14
3 ITA BOSCACCI, Michele 00:27:22
4 SVI ANTHAMATTEN, Martin 00:27:25
5 GER PALZER, Anton 00:27:28

8 ITA ANTONIOLI, Robert 00:28:01
9 ITA HOLZKNECHT, Lorenzo 00:28:04 
13 ITA NICOLINI, Federico 00:28:26
15 ITA LANFRANCHI, Pietro 00:28:43
16 ITA REICHEGGER, Manfred 00:28:48
17 ITA PEDERGNANA, Nicola 00:28:52
18 ITA BARAZZUOL, Filippo 00:28:57
20 ITA EYDALLIN, Matteo     00:29:04
34 ITA LENZI, Damiano     00:30:24
36 ITA MAGUET, Nadir     00:30:27
41 ITA    BOFFELLI, William 00:30:40 

Ordine d'arrivo Vertical race femminile seniores Arcalis (And):
1 SPA ORGUé VILA, Laura 00:32:10
2 SVE FORSBERG, Emelie     00:32:43
3 SVI KREUZER, Victoria 00:32:45
4 SPA GALICIA COTRINA, Claudia     00:34:02
5 SPA GARCIA FARRES, Marta     00:34:04

8 ITA    TOMATIS, Katia     00:34:43
10 ITA    DE SILVESTRO, Alba 00:35:42
11 ITA    VALMASSOI, Martina 00:35:46

Ordine d'arrivo vertical race maschile espoir Arcalis (And):
1 SVI BONNET, Rémi     00:27:14
2 GER PALZER, Anton     00:27:28
3 ITA NICOLINI, Federico 00:28:26
4 ITA PEDERGNANA, Nicola 00:28:52
5 SPA CARDONA COLL, Oriol     00:29:14
    
9 ITA    MAGUET, Nadir 00:30:27 
12 ITA    BOFFELLI, William 00:30:40

Ordine d'arrivo vertical race femminile espoir Arcalis (And):
1 ITA DE SILVESTRO, Alba     00:35:42
2 AUT ERHART, Johanna     00:36:28
3 SVI FATTON , Marianne 00:37:16
4 AND BELLES NAUDI, Inka     00:38:26
5 FRA DEPLANCHE, Laura     00:38:32
    
Ordine d'arrivo Vertical race femminile juniores Arcalis (And):
1 ITA COMPAGNONI, Giulia 00:22:50
2 ITA MURADA, Giulia  00:23:19    
3 AUT STREITBERGER, Verena     00:23:50
4 FRA BONNEL, Lena     00:24:29
5 FRA MILLOZ, Adèle     00:24:39

Ordine d'arrivo Vertical race femminile juniores Arcalis (And):
1 ITA MAGNINI, Davide     00:29:06
2 SVI GASSER, Arnaud     00:29:55
3 FRA EQUY, Samuel     00:30:01
4 SPA MARTíNEZ DE ALBORNOZ MARQUéS, Iñigo     00:30:31
5 GER KNOPF, Stefan 00:30:52

11 ITA CANCLINI, Pietro 00:31:49
ITA CANCLINI, Nicolo ritirato

Fonte fisi.org

 


04/01/2016
Circuito provinciale sci alpinismo - Comunicato

 

Lo Sci Cai Bergamo informa che la prima gara di sci alpinismo "Mario Merelli C'E'" in programma il 6 gennaio a Lizzola è stata rinviata al 7 febbraio pv per scarso innevamento del percorso.


27/12/2015
SKIALP 4 KIDS: UN SUCCESSO! LO SCI ALPINISMO PER I PICCOLI

Al cospetto di sua maestà la Presolana in versione “estiva” vista la completa assenza di neve, sulla pista Donico invece perfettamente innevata grazie al lavoro dei cannoni e degli uomini della società impianti, ha riscosso grande successo la 1^ edizione della “Skialp 4 Kids” giornata promozionale aperta a tutti i bambini ed ai ragazzi tra gli otto e i ventitre anni che desiderosi di avvicinarsi allo sci alpinismo, affascinante e spettacolare disciplina che sta ottenendo sempre più seguito anche nella nostra provincia.

Patrocinata dal Comitato Fisi di Bergamo, la giornata ha visto la partecipazione dei due campioni bergamaschi: gli azzurri Pietro Lanfranchi e William Boffelli.

Sotto la guida del DT della nazionale Cesare Pisoni e dell’allenatore federale Giannino Trussardi, si sono ritrovati una cinquantina di ragazzi che si sono molto divertiti a cimentarsi con gli “sci con le pelli”. 

Più della metà di loro erano i neofiti, che hanno potuto provare il gusto dello sci alpinismo grazie all’attrezzatura messa a disposizione gratuitamente dagli organizzatori.

Anche di questa bella iniziativa, voluta e concretizzata anche dall’impegno del nostro vicepresidente Paolo Vigani, si parlerà con video ed interviste durante la trasmissione “Bergamo sugli sci” in onda mercoledì sera alle 20,30 su SeilaTV visibile sul canale 216 del digitale terrestre e in replica giovedì sera su “Più Valli TV” (canale 73).

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO

                   


11/12/2015
PROGRAMMA DELLA GIORNATA PROMOZIONALE

  • Ore 9.00 arrivo sci club e montaggio gazebo, tavoli e materiale
  • Ore 10.00 accreditamento partecipanti e suddivisione dei gruppi in base al livello di tecnica principiante o intermedio
  • Inizio lezione di skialp da parte dei due gruppi capitanati dagli allenatori Cesare e Giannino
  • Inizio lezione di sicurezza da parte dell'eventuale terzo gruppo seguito dalla guida alpina
  • Rotazione dei gruppi
  • Dimostrazione sprint tra Lanfranchi e Boffelli 
  • Pranzo a buffet con assaggi di prodotti tipici, tè e vin brulè
  • Staffetta tra i bambini del corso di Giannino e i ragazzini degli altri club già avanzati.
  • Premiazioni con gadget
  • Saluti

In quanto prima edizione, il programma sarà molto flessibile


01/12/2015
TROFEO CRAZY IDEA – AL VIA ANCHE LO SCI ALPINISMO CON BOFFELLI SUBITO PROTAGONISTA

Risultati immagini per boffelli sci alpinismo

Esordio stagionale anche per lo sci alpinismo con l’ormai classico appuntamento del Presena dove sabato è andato in scena il Trofeo Crazy Idea, gara FISI valida quale prima tappa del circuito Crazy Ski Alp Tour. Tracciato nella conca del ghiacciaio, un giro da ripetere due volte, per un totale di oltre 900 metri di dislivello, reso ancora più insidioso per le condizioni meteo: cielo grigio, vento, e temperatura bella fredda. Neve poca, da affrontare con cautela.

Per Bergamosci ottima prova di William Boffelli, atleta dello Sc Roncobello da quest’anno ospite fisso della quadra nazionale. Per lui un 5° posto assoluto di tutto valore che gli vale il primato nella sua categoria, gli Espoir.

Bene anche Norman Gusmini dello Sc Gromo 8° assoluto e 3° Espoir.

Nei primi trenta assoluti anche Fabio Bazzana (Valgandino) 13° e la coppia del Valserina Andrea Dolci 17° e Luca Maurizio 25° (6° Espoir). Tra i Master buon 5° posto per Davide Barcella (Altitude Race), mentre in campo femminile prestigioso 4° posto per la rientrante Maddalena Mognetti dello Sc Gromo.

Domenica sullo stesso tracciato gara a coppie dedicata ai Giovani valida per l’Adamello Ski Raid Junior.

Per i nostri portacolori da registrare il 9° posto di Daniele Carobbio del 13 Clusone in coppia con il valtellinese Davide Zugnoni. Quattordicesima piazza per Diego Ferrari (Presolana) e Nicola Boffelli (13 Clusone). 

 


26/11/2015
Sci Alpinismo Sci e Luci nella Notte

Dal sito dello Sc Gromo pubblichiamo volentieri il seguente articolo che potrete trovare anche al link

http://www.sciclubgromo.it/articolo.asp?id=429122411&sport=SKIALP

Risultati immagini per sci e luci nella notte 2016

SCI E LUCI NELLA NOTTE – ECCO IL CALENDARIO

E' stato diffuso nei giorni scorsi il calendario ufficiale del circuito SCI E LUCI NELLA NOTTE, ovvero il circuito di gare in notturna che spazia tra la Valle Seriana e la Valle Camonica (con una visita anche al Maniva, in Val Trompia).
Otto gare, ormai classiche, di sola salita o con combinazione di salite e discese, che metteranno alla prova i numerosi appassionati che già attendono che arrivi la neve per cimentarsi in queste emozionanti sfide, dove si cerca di premiare anche i più fedeli con un premio che andrà a tutti coloro che faranno almeno sei delle otto prove in programma. Ed il premio fedeltà altro non è che un bellissimo e fiammante casco CAMP speed 2.0.

Ecco il calendario delle prove:
- sabato 19/12/2015 Sgranskisciti - Passo del Maniva (BS) - salita e discesa
- sabato 02/01/2015 Altissimo Race - Borno (BS) - salita
- mercoledì 13/01/2016 Revolution - Lizzola (BG) - salita
- mercoledì 20/01/2016 Poieto in notturna - Aviatico (BG) - salita e discesa
- mercoledì 27/01/2016 Monte Pora by night - Monte Pora (BG) - salita e discesa
- mercoledì 03/02/2016 Pronti...via! - Montecampione (BS) - salita
- mercoledì 10/02/2016 Memorial Guerino - passo della Presolana (BG) - salita e discesa
- mercoledì 24/02/2016 Vodala di notte - Spiazzi di Gromo (BG) - salita e discesa

Il circuito è il frutto di una maturata collaborazione tra CAI Valtrompia, GAN Nembro, CAI Borno, GAV Vertova, Sci club 13 Clusone, GSA Sovere e CAI Alta Valle Seriana.

Si ricorda l'obbligo di casco e pila frontale per tutte le gare, anche quelle di sola salita.

Riscaldate i motori quindi, che il primo evento si avvicina!!!


09/11/2015
Da L'Eco di Bergamo di oggi

- Scarica l'allegato 1


22/10/2015
SCI ALPINISMO – VARATE LE NAZIONALI CON LANFRANCHI E BOFFELLI

Risultati immagini per lanfranchi pietro Risultati immagini per boffelli william

Sono due i bergamaschi presenti nelle squadre nazionali di sci alpinismo 2015-2016 la cui composizione è stata approvata con delibera dal Presidente federale Flavio Roda.

Dei ventitre atleti complessivamente presenti, divisi in squadre seniores, juniores ed espoir fanno infatti parte i nostri Pietro Lanfanchi e William Boffelli.

Nella squadra senior maschile, quindi tra i big assoluti, si conferma Pietro Lanfranchi. Atleta esperto (è nato il 7 novembre 1978) il quasi 37enne in forza allo Sc Valgandino sarà anche quest’anno protagonista delle gare più importanti di questa spettacolare disciplina in grande crescita anche sulle nostre montagne.

Tra gli espor, invece il secondo rappresentante di Bergamosci, William Boffelli colui che viene un po’ considerato il degno erede di Lanfranchi. Ventidue anni, studente in ingegneria, portacolori dello Sc Roncobello, dopo una stagione passata come “osservato” Boffelli è riuscito a fare il grande salto entrando a pieno titolo nella nazionale di categoria.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO


15/07/2015
LA COPPA ALPI OROBICHE CONCEDE IL BIS

Risultati immagini per pietro lanfranchi sci

La Coppa Alpi Orobiche di sci alpinismo concede il bis e raddoppia.

Dopo il successo ottenuto nella sua prima edizione andata in scena nella scorsa stagione, anche per il prossimo inverno viene proposta la Coppa Alpi Orobiche, circuito di sci alpinismo che, sotto l’egida del Comitato Provinciale Fisi di Bergamo riunisce in un’unica classifica sei prove “degli sci con le pelli” che si disputeranno sulle Orobie montagne esaltando e valorizzando le bellezze paesaggistiche e naturalistiche delle nostre vallate consentendo un contatto autentico, rispettoso ed emozionante con la montagna.

Il calendario è in fase di stesura definitiva ma già si tratteggiano le tappe della kermesse che dovrebbero appunto raddoppiare passando dalle tre del 2015 alle sei del 2016.

Accanto a Merelli c’è, Timogno Ski Raid e Trofeo Parravicini si aggiungeranno le gare indette dal GAV Vertova, Sci club Presolana Monte Pora (in notturna) e Sci club 13 Clusone.

Ecco la bozza del calendario approvato dalla Commissione Provinciale dello sci alpinismo:

06 Gennaio 2016 – Merelli c’è – Lizzola

31 Gennaio 2016 – (da definire) – Valcanale

14 Febbraio 2016 – Ski Alp 3 Presolana – Colere

19 Febbraio 2016 – Monte Pora Rally (notturna) – Monte Pora

28 Febbraio 2016 – Timogno Ski Raid – Spiazzi di Gromo

17 Aprile 2016 – Trofeo Parravicini – Carona Rifugio Calvi

Al termine del circuito, al vincitore della classifica generale verrà assegnato il titolo di Campione Provinciale FISI di sci alpinismo.

Per valorizzare e consolidare la grande crescita che sta vivendo in questi anni questa affascinante e spettacolare disciplina, la commissione ha anche deliberato, al fine di incentivare l’attività giovanile, di organizzare e promuovere una giornata promozionale per i bambini al Passo della Presolana/Monte Pora durante il periodo di vacanze natalizio. L’iniziativa trova il placet del Comitato Provinciale Fisi che si impegna, per tale nobile finalità, ad incrementare il budget destinato allo sci alpinismo.

 


04/05/2015
IL TROFEO MEZZALAMA LANFRANCHI, BOFFELLI, TIRABOSCHI: BERGAMOSCI PRESENTE!

Quasi 800 gli atleti in gara, per 260 cordate di 22 nazioni45 Km di sviluppo con salite per 3500 metri di dislivello. Questi i numeri del Trofeo Mezzalama la mitica “maratona dei ghiacciai”.gara di scialpinismo che si è corsa sabato tra Gressoney La Trinité alle pendici del Monte Rosa e Breuil-Cervinia di fronte alla grandiosa mole del Cervino. La gara, oggi prova del circuito internazionale della Grande Course e tappa della Coppa del Mondo Long Distance, ha vissuto una giornata mitica grazie anche alle prestazioni degli atleti bergamaschi. Primo fra tutti il “vecchio” Pietro Lanfranchidello Sc Valgandino capace di conquistare con i suoi compagni di cordata, il tedesco Anton Palzer elo svizzero Martin Anthamatten, un prestigiosissimo terzo gradino del podio. Non da meno anche la prestazione di quello che nell’ambiente tutti considerano il suo degno erede, William Boffelli dello Sc Roncobello che si conferma uno dei giovani più interessanti del panorama azzurro conquistando, con Alex Salvadori e Loris Panizza un settimo posto che vale oro. Subito alle sue spalle, distanziato di soli due minuti e mezzo su quasi sei ore di gara, un altro bergamasco, l’alpino Richard Tiraboschi

Per Lanfranchi finale “allo sprint”, infatti dopo aver battagliato con le pattuglie di testa per tutta la gara la sua cordata si è dovuta arrendere solo nell’ultima discesa fermandosi a soli 17 secondi dal secondo posto ma agguantando comunque un bronzo di valore assoluto 

Al quarto posto chiudono i vincitori dell’ultimo Trofeo ParraviciniBeccari e Barazzuol in squadra per l’occasione con il valdostano Nadir Maguet.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO


04/05/2015
IL TROFEO MEZZALAMA LANFRANCHI, BOFFELLI, TIRABOSCHI: BERGAMOSCI PRESENTE!

Quasi 800 gli atleti in gara, per 260 cordate di 22 nazioni45 Km di sviluppo con salite per 3500 metri di dislivello. Questi i numeri del Trofeo Mezzalama la mitica “maratona dei ghiacciai”.gara di scialpinismo che si è corsa sabato tra Gressoney La Trinité alle pendici del Monte Rosa e Breuil-Cervinia di fronte alla grandiosa mole del Cervino. La gara, oggi prova del circuito internazionale della Grande Course e tappa della Coppa del Mondo Long Distance, ha vissuto una giornata mitica grazie anche alle prestazioni degli atleti bergamaschi. Primo fra tutti il “vecchio” Pietro Lanfranchidello Sc Valgandino capace di conquistare con i suoi compagni di cordata, il tedesco Anton Palzer elo svizzero Martin Anthamatten, un prestigiosissimo terzo gradino del podio. Non da meno anche la prestazione di quello che nell’ambiente tutti considerano il suo degno erede, William Boffelli dello Sc Roncobello che si conferma uno dei giovani più interessanti del panorama azzurro conquistando, con Alex Salvadori e Loris Panizza un settimo posto che vale oro. Subito alle sue spalle, distanziato di soli due minuti e mezzo su quasi sei ore di gara, un altro bergamasco, l’alpino Richard Tiraboschi

Per Lanfranchi finale “allo sprint”, infatti dopo aver battagliato con le pattuglie di testa per tutta la gara la sua cordata si è dovuta arrendere solo nell’ultima discesa fermandosi a soli 17 secondi dal secondo posto ma agguantando comunque un bronzo di valore assoluto 

Al quarto posto chiudono i vincitori dell’ultimo Trofeo ParraviciniBeccari e Barazzuol in squadra per l’occasione con il valdostano Nadir Maguet.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO


02/05/2015

Risultati immagini per trofeo mezzalama 2015

 

L’ultimo capitolo della Coppa del Mondo 2015 di sci alpinismo è andato in scena nel Trofeo Mezzalama, una delle gare più importanti del panorama internazionale che, per celebrare i 150 anni dalla conquista del Cervino, ha visto il tradizionale percorso invertito. 350 squadre sono partite da Gressoney La Trinité per arrivare a Breuil Cervinia attraverso il Monte Rosa e le sue vette più importanti nella tappa conclusiva della Coppa del mondo, valevole anche per il circuito della "Grande Course".

La gara ha visto vincere la squadra di Italia 1 composta dal Caporal Maggiore Scelto Matteo Eydallin, dal 1° Caporal Maggiore Damiano Lenzi e dal Caporal Maggiore Michele Boscacci, che hanno preceduto con il tempo di 5:10:49, l’altra squadra azzurra composta dal Caporal Maggiore Capo Scelto Manfred Reichegger, dal 1° Caporal Maggiore Antonioli Robert e da Lorenzo Holzknecht con il tempo di 5:15:29, chiude il podio la squadra Dynafit 4 composta da Anton Palzer (Ger), Martin Anthamatten (Svi) e Pietro Lanfranchi (Ita). Quarti Beccari-Maguet-Barazzuol, quinti gli svizzeri Ecoeur e Mart con il valdostano Franco Collè, solo sesto Bon Mardion con Gachet e Sert. Settimi Alex Salvadori, Loris Panizza e il giovane William Boffelli, ottavi l'altro team dell'Esercito con Daniel Antonioli, Denis Trento e Richard Tiraboschi.

Con il successo odierno, Matteo Eydallin e Damiano Lenzi si impongono così nella classifica generale della Coppa del Mondo Long Distance, successo maturato dominando in tutte le gare in stagione, ovvero la Pierra Menta, l’Adamello Ski Raid e appunto il Mezzalama. Damiano Lenzi, grazie al bonus riservato al vincitore della Coppa del Mondo Long Distance, riesce così nel sorpasso sul compagno di squadra Robert Antonioli e si aggiudica, per il secondo anno consecutivo, la Coppa del Mondo generale, risultato che lo incorona il miglior atleta delle ultime due stagioni. Antonioli deve invece accontentarsi del 2° posto finale dopo una stagione ad altissimo livello in ogni competizione disputata quest’anno, come confermano le sue 5 medaglie iridate, i 4 podi in Coppa del Mondo e la vittoria nella classifica generale delle sprint. Eydallin, anche lui a modo suo entra nella storia del Mezzalama come primo atleta a vincere tre edizioni consecutive della manifestazione.

In campo femminile successo a sorpresa di Emelie Forsberg, Axelle Mollaret e Jennifer Fiechter che hanno sorpreso le favorite della vigilia Laetitia Roux, Mireia Mirò e Severine Pont Combe, giunte al traguardo con quasi 3' di ritardo (6h35'09" contro 6h38'00").

Fonte fisi.org

- CLASSIFICA


21/04/2015
Ecco la pagina dell' Eco di Bergamo di lunedi

- Scarica l'allegato 1


19/04/2015
Trofeo Parravicini 2015

Nonostante la nebbia ci abbia provato fini all’ultimo a rovinare la festa del 66° Trofeo Parravicinigli organizzatori del Cai Bergamo hanno avuto la meglio sull’ennesima giornata di maltempo che ha accompagnato la classicissima dello Sci alpinismo bergamasco ma non solo riuscendo a far concludere la gara alle oltre 50 coppie partenti sul percorso tradizionale, senza cioè i tagli cui erano stati costretti nella scorsa edizione.

Un’ora, 47 minuti e 30 secondi il tempo che ci ha impiegato per coprire i 14 km e salire i 1600 metri di dislivello totale la coppia vincitrice composta da Filippo Beccari e Filippo Barazzuol dello Ski Team Fassa.

Alle loro spalle ennesimo 2° posto per Fabio Pasini in coppia questa volta con il compagno del Cs Esercito Richard Tiraboschi. Norman Gusmini dello Sc Gromo si conferma al terzo posto, ancorché con un diverso compagno d’avventura, il valtellinese Matteo Bignotti.

Tra i master vince la coppia del 13 Clusone Gianmaria Trussardi e Gianluigi Migliorati davanti al duo dello Sc Gromo Oscar Negroni (28° Parravicini per lui) e Arrigo Bonacorsi, mentre sul gradino più basso del podio chiudono Simone Carobbio e Patrizio Cabrini dello Sc Valserina.

Una sola coppia femminile al traguardo composta da Carlotta Cortese (Sc Rovetta) e Paola Pezzoli(Sc Presolana).

La medaglia d’oro “Agostino Parravicini” va Davide Bonacorsi (Sc Gromomigior giovane, mentre la coppa Antonio Messina va a Gianluigi Migliorati il Master più anziano meglio classificato.

Con l’occasione si è concluso anche la Coppa Alpi Orobiche, un circuito composto, oltre che dal Parravicini anche dalla Timogno Ski Raid” di Gromo e la “Mario Merelli c’è” di Lizzola(annullata per assenza di neve) che assegnava anche il titolo di Campione provinciale Fisi di sci alpinismo.

Ecco le relative classifiche

Coppa Alpi Orobiche assoluta

1 Fabio Pasini CS Esercito

2 Matteo Bignotti Sc Altavaltellina

3 Richard Tiraboschi CS Esercito

Campionato Provinciale assoluto

1 Norman Gusmini Sc Gromo

2 Marzio Bondioli Gav Vertova

3 Angelo Corlazzoli Sc Valgandino

 

Coppa Alpi Orobiche e Campionato Provinciale Femminile

1 Paola Pezzoli Sc Presolana

2 Carlotta Cortese Sc Rovetta

3 Paola Bonacina Altitude Race

Coppa Alpi Orobiche e Campionato Provinciale Master

1 Martino Cattaneo Sc Valgandino

2 Gianmaria Trussardi Sc 13 Clusone

3 Oscar Negroni Sc Gromo

FISI – COMITATO PROVINCIALE DIBERGAMO

                           


18/04/2015
DOMANI A CARONA il 66° TROFEO PARRAVICINI

Affascinante appuntamento domani mattina a Carona dove, nella splendida conca che circonda il Rifugio Calvi avrà luogo la 66^ edizione del Trofeo Parravicinila mitica gara a squadre di scialpinismo che, nata nel 1936, ha fatto la storia di questa affascinante disciplina.

Grazie al buon innevamento ed alle previsioni meteo favorevoli, la prova si svolgerà lungo il percorso tradizionale di oltre 17 km e 1900 metri di dislivello positivo.

La partenza verrà data alle 9 dalla terrazza antistante il rifugio. Dopo la prima salita verso il Passo Grabiasca le coppie di concorrenti affronteranno il Monte Reseda e il Monte Madonninogiro di boa della competizione. Dopo la discesa al Lago dei Curiosi si risale al Monte Cabianca, la “Cima Coppi” del Parravicini a 2601 metri di quota. Due le salite finali di 250 e 70 metri di dislivello che porteranno all'arrivo dove i migliori giungeranno circa un paio d’ore dopo la partenza.

Per tutti coloro che avessero voglia di vivere una bella giornata di sport in mezzo alla natura incontaminata che circonda il “Calvi” il Comune di Carona mette a disposizione “un treno di jeep” che, con partenza alle 6 dalla Pro Loco porterà le persone fino al Prato del Lago da cui in un’oretta di piacevole camminata si potrà giungere al rifugio in tempo utile per assistere alla partenza.

Il rientro con le stesse modalità verso mezzogiorno per partecipare al pranzo ed alle premiazioni che si svolgeranno Carona.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DIBERGAMO


18/04/2015
DOMANI A CARONA il 66° TROFEO PARRAVICINI

Affascinante appuntamento domani mattina a Carona dove, nella splendida conca che circonda il Rifugio Calvi avrà luogo la 66^ edizione del Trofeo Parravicinila mitica gara a squadre di scialpinismo che, nata nel 1936, ha fatto la storia di questa affascinante disciplina.

Grazie al buon innevamento ed alle previsioni meteo favorevoli, la prova si svolgerà lungo il percorso tradizionale di oltre 17 km e 1900 metri di dislivello positivo.

La partenza verrà data alle 9 dalla terrazza antistante il rifugio. Dopo la prima salita verso il Passo Grabiasca le coppie di concorrenti affronteranno il Monte Reseda e il Monte Madonninogiro di boa della competizione. Dopo la discesa al Lago dei Curiosi si risale al Monte Cabianca, la “Cima Coppi” del Parravicini a 2601 metri di quota. Due le salite finali di 250 e 70 metri di dislivello che porteranno all'arrivo dove i migliori giungeranno circa un paio d’ore dopo la partenza.

Per tutti coloro che avessero voglia di vivere una bella giornata di sport in mezzo alla natura incontaminata che circonda il “Calvi” il Comune di Carona mette a disposizione “un treno di jeep” che, con partenza alle 6 dalla Pro Loco porterà le persone fino al Prato del Lago da cui in un’oretta di piacevole camminata si potrà giungere al rifugio in tempo utile per assistere alla partenza.

Il rientro con le stesse modalità verso mezzogiorno per partecipare al pranzo ed alle premiazioni che si svolgeranno Carona.

FISI – COMITATO PROVINCIALE DIBERGAMO


15/04/2015
SCI ALPINISMO – BOFFELLI E PASINI DOMINANO IN VAL D’AOSTA

Dominio bergamasco a Rhêmes-Notre-Dame, per dare vita alla 41° edizione del Trofeo Robert Rollandoz, gara che si sviluppa, nella parte alta, nel vallone del Sort e dell’Entrelor, con dislivello positivo di 2015 metri (1000 metri per le categorie giovanili) su tre salite e tre discese, con quota massima a 2900 metri, che ha vissuto sul dominio di due atleti bergamaschi: William Boffelli e Fabio Pasini. Prima parte di gara condotta da un gruppetto si sei atleti: nell’ultima salita, si assottiglia e a dettare il ritmo sono William Boffelli e l’alpino Fabio Pasini. Boffelli aumenta il ritmo e mette tra sé e il corregionale un minuto di differenza, distacco che gestirà fino all’arrivo di Chanavey. William Boffelli chiude con il tempo complessivo di 1h 55’59”, a precedere, di 1’16”, Fabio Pasini (1h 57’16) e, terzo a 2’25”, il gressonaro Fabio Collé (1h 58’25”). Quarto l’alpino di Pollein, Daniel Yeuilla (2h 03’39”) e, quinto, il gressaen Matteo Stacchetti (2h 05’17”). Al nono posto chiude il bergamasco Norman Gusmini (2h 11’33”), mentre nei Master maschili bronzo per Martino Cattaneo (2h 20’02”).

 

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO 


08/04/2015
Da L'Eco di Bergamo: A BOFFELLI IL CIRCUITO ESPOIR

Nell’ultima prova di Coppa Italia di sci

alpinismo, la 30ª edizione del Pizzo

Scalino disputatosi a Pasquetta sulle

montagne di Lanzada (Sondrio),

vittoria tra gli Espoir di William Boffelli

dello Sc Roncobello. Il 21enne sci

alpinista per passione e studente del

Politecnico per professione (sta seguendo

un corso di laurea in ingegneria

civile e ambientale) si è così aggiudicato

il circuito di categoria. 

 

 


03/04/2015
LA 66A EDIZIONE DEL TROFEO PARRAVICINI CONFERMATA AL 19 APRILE

Domenica 19 aprile nell’anfiteatro del Rifugio Calvi, qualche chilometro sopra il paese di Carona (Valle Brembana) in provincia di Bergamo, andrà in scena il Trofeo Parravicini, gara a squadre di scialpinismo che ha fatto la storia di questa disciplina, valida come ultima prova della Coppa Alpi Orobiche. L'appuntamento con la 66^ edizione del Trofeo A.Parravicini si sta avvicinando, settimana scorsa è stata effettuata la prima ricognizione sul percorso per verificarne le condizioni e avere una prima idea della fattibilità del percorso originale.

L'innevamento non è quello della passata stagione, ma le condizioni sono buone e annunciano la possibilità di gareggiare sul tracciato classico del Parravicini. Tutti i pendii interessati dal percorso al momento non presentano alcuna difficoltà di tracciatura e sulla terrazza del rifugio Calvi c'è più di un metro di neve.

Le iscrizione sono aperte sul sito ufficiale della manifestazione organizzata dallo Sci Cai Bergamo, La quota di 60€ a squadra è limitata ai soli pagamenti effettuati con bonifico entro il 17 aprile 2015. Per i pagamenti effettuati al ritiro pettorali la quota salirà a 70€ a squadra. Le squadre che volessero pernottare al Rifugio Calvi devono prenotare all'atto dell'iscrizione; i posti disponibili sono per 30 squadre.

Il percorso, come vuole la tradizione, partirà a pochi metri dalla porta d'entrata del Rifugio Calvi. I responsabili del tracciato hanno aggiornato il percorso aumentando i tratti da affrontare con gli sci ai piedi e diminuendo quelli da percorre con gli sci nello zaino. La prima salita raggiungerà il Passo Grabiasca a 2463 metri di quota, il Monte Reseda sarà la seconda asperità della giornata mentre la lunga salita al Monte Madonnino con l'ultima parte da affrontare a piedi sarà il giro di boa della competizione.

Dopo la vetta del Madonnino gli atleti scenderanno al Lago dei Curiosi per salire al Monte Cabianca, la Cima Coppi del Parravicini a 2601 metri di quota. A questo punto mancheranno due brevi salite, la prima di 250 metri di dislivello e la seconda, che porterà all'arrivo, di 70 metri di dislivello.
Il dislivello complessivo di sola salita è di 1900 metri mentre la lunghezza è di 17,2 chilometri.

Anche quest'anno lo Sci Cai Bergamo ha istituito il premio Mario Merelli che consiste in premi d'assoluto valore come sci da scialpinismo in carbonio, pala e pelli. Gli attrezzi invernali saranno vinti in base a delle percentuali rispetto al tempo della squadra prima classificata. Saranno quindi gli atleti della "pancia del gruppo" ad aggiudicarsi gli ambiti premi.

I premi in palio sono: 1° Premio: 1 paio SCI MZero; 2° Premio tecnico “A” ; 3° Premio: 1 pala RACE; 4°-8° Premio: tecnico “B”; 9°-12° Premio: tecnico “C”.
Le iscrizioni saranno aperte fino al 17 aprile, insieme alla quota sarà indispensabile fornire il Mod.
61 con la firma del presidente del proprio sci Club. Per info e iscrizioni: SCI CAI BERGAMO A.S.D. fax +39 035 4175480, e-mail: segreteria@caibergamo.it 

Per ulteriori informazioni www.trofeoparravicini.org 

 

 


04/03/2015
Timogno Ski Raid

TIMOGNO Ski Raid

Grande successo domenica scorsa per la 1^ “Timogno Ski Raid”, gara di sci alpinismo organizzata dallo Sc Gromo dove, partendo dagli Spiazzi di Gromo si sono sfidati in 136 concorrenti e dopo 18km e 1900m di dislivello sul traguardo del rifugio Vodala la vittoria ha arriso a Pietro Lanfranchi (Valgandino) che, si dice il caso, è arrivato mano nella mano con la prima donna (per loro percorso ridotto) Silvia Cuminetti (Gav Vertova). Tra i maschi secondo posto per l’altro atleta del Valgandino Fabio Bazzana. Bravo anche Fabio Pasini subito ai piedi del podio. A chiudere il podio femminile invece sono state Paola Pezzoli (Presolana Monte Pora) e Carlotta Cortese (Rovetta). Tra gli Espoir vittoria per il padrone di casa Norman Gusmini su Luca Maurizio (Valgandino) e Giovanni Gelmi (13 Clusone). Nei Master podio tutto targato Valgandino con Martino Cattaneo che precede Corrado Cattaneo e Roberto Longhi. Tra le “Dame” primo gradino per Silvana Bonaiti (Selvino).

Questa la cronaca della gara tratta dal sito dello Sc Gromo www.sciclubgromo.it cui vi rimandiamo per le fotografie che verranno pubblicate quanto prima.

 

Poco dopo le 8:30, con lo sparo di Maurizio “Mara” Morstabilini, è cominciata la gara con il gruppone schizzato alla conquista dell’Avert. Subito a dettare il ritmo Fabio Bazzana, complici anche le gambe un po’ “imballate” dalla gara di coppa del mondo di sabato, del grande Lanfra. Ma già al passo della Crocetta Pietro ha preso la vetta della corsa ed ha incalzato la sua cavalcata fino all’arrivo, chiudendo il percorso in 2h2’33”. Secondo posto quindi per Fabio Bazzana, con Matteo Bignotti dell’alta Valtellina a chiudere il podio maschile. Bravo anche il nostro Fabio Pasini, subito ai piedi del podio.Da notare che l’arrivo del Lanfra è stato casualmente contemporaneo all’arrivo della prima donna, Silvia Cuminetti, ed è stato un momento particolare l’arrivo dei due leaders mano nella mano. A chiudere il podio femminile sono state Paola Pezzoli e Carlotta Cortese.”

FISI – COMITATO PROVINCIALE DI BERGAMO 


26/02/2015
DOMENICA IL VIA ALLA TIMOGNO SKI RAID

Dal sito www.sciclubgromo.it pubblichiamo:

TIMOGNO Ski Raid

TIMOGNO Ski Raid 

Dal sito www.sciclubgromo.it

Situato geograficamente nel comune di Ardesio, ma con accesso principale dagli Spiazzi di Gromo, il monte Timogno (2100 mt.) rappresenta per molti sci alpinisti dell’alta valle Seriana e non solo, un punto fermo, una cima simbolo, un grande affetto, da dove si può godere di un bellissimo panorama a 360°, spaziando dalla parete nord della Presolana fino ai grandi giganti delle orobie (Pizzo Coca, Scais, ecc. ecc.).

Sui suoi pendii centinaia di sci alpinisti ogni inverno solcano la neve, ognuno con il proprio passo e le proprie capacità, con l’ambizione di raggiungere la vetta. E su quei pendii, decine di sci alpinisti bergamaschi si allenano e si preparano per le classiche in giro per l’Italia.

Dalla passione per lo sci alpinismo e dall’amore per questa montagna nasce, per mano di un gruppo di skialpers dello sci club Gromo, la TIMOGNO SKI RAID, gara individuale a tecnica classica.

La gara, che prevede uno sviluppo di 18 Km e un dislivello positivo di 1880 mt, con sei salite e cinque discese, si terrà domenica 01 marzo 2015, con base logistica agli Spiazzi di Gromo (BG).

Un’occasione questa, insieme alle altre gare inserite nel circuito “COPPA ALPI OROBICHE”, di portare lo sci alpinismo che conta sulle nostre amate Alpi Orobie e di far conoscere le bellezze dei nostri paesi e delle nostre vallate.

La macchina organizzatrice è già da tempo in moto per allestire una gara che possa soddisfare quanti vorranno essere dei nostri. Cura dei particolari ed un tracciato che possa divertire e fare selezione tra gli atleti in gara, sono gli ingredienti che vogliamo utilizzare per creare questo evento.

Augurandoci che tutto quello che stiamo facendo possa essere di gradimento a chi vivrà con noi la prima edizione della TIMOGNO SKI RAID, non ci resta che invitarvi a venire a correre, o a tifare gli atleti, domenica 01 marzo.

Ringraziamo ovviamente chi ci ha patrocinato (i comuni di Gromo, di Ardesio e di Oltressenda Alta e la Promoserio) e tutti gli sponsor che ci stanno sostenendo, senza i quali la nostra buona volontà non potrebbe fare niente.

A tutti voi un saluto ed un arrivederci agli Spiazzi di Gromo.

Il comitato organizzatore

Trovate tutto al sito:

http://www.sciclubgromo.it/timognoskiraid/


20/01/2015
TRICOLORI DI SCI ALPINISMO – BOFFELLI E GUSMINI DA TOP TEN

In Alta Badia si è disputato il Tour de Sas che ha assegnato i titoli italiani delle categorie Junior.

Sul pendio del Sasso della Croce si sono messi in luce i due Espoir di Bergamosci William Boffelli (Sc Roncobello) che ha chiuso ai piedi del podio in 4^ posizione e Norman Gusmini (Sc Gromo) 8°.

 


13/01/2015
SCI ALPINISMO - BOFFELLI E GUSMINI SUL PODIO IN VAL AURINA

Continua il ticket vincente dei due Espoir bergamaschi William Boffelli (Sc Roncobello) e Norman Gusmini (Sc Gromo) che nella “7^ Skialp Race Valle Aurina”, un’importante gara internazionale di sci alpinismo disputatasi domenica scorsa sulle montagne al confine con l’Austria, hanno ottenuto rispettivamente il primo ed il terzo gradino del podio della loro categoria. In classifica anche Giovanni Gelmi del 13 Clusone 7° il cui compagno di squadra Nicola Boffelini ha chiuso 10° nei Cadetti. Tra gli Juniores i tredicini Daniele Carobbio e Nicola Bertocchi sono stati 11° e 16°, mentre nei Master Giuseppe Colombo (Altitude Race) ha chiuso 12°.

 


10/01/2015
Sci Alpinismo - Prima tappa della CDM a Puy St. Vincent

Rimane fuori dal podio la squadra azzurra nell'individuale maschile che ha aperto la Coppa del mondo sulla pista francese di Puy St. Vincent. Matteo Eydallin ha concluso la prova al quarto posto dietro al tedesco Anton Palzer che ha mostrato una grande condizione battendo la concorrenza e relegando al secondo posto Xavier Gachet e al terzo William Bon Mardion. Sesta posizione per Robert Antonioli, mentre il detentore della coppa Damiano Lenzi si è piazzato nono, Michele Boscacci undicesimo, Lorenzo Holzknecht tredicesimo, Pietro Lanfranchi quattordicesimo e Manfred Reichegger quindicesimo.

Nella gara femminile la francese Laetitia Roux ha rispettato il pronostico imponendosi sulla connazionale francese Axelle Mollaret e la svizzera Jennifer Fiechter, terza Jennifer Fiechter.
Katia Tomatis, in nazionale per la prima volta, ha conquistato un sesto posto che vale tantissimo mentre Elena Nicolini è decima e Martina De Silvestro è quattordicesima.

Le soddisfazioni maggiori arrivano nelle categorie giovanili: Giulia Compagnoni si è imposta davanti ad Alba de Silvestro nella prova juniores femminile, così come Davide Magnini è salito sul gradino più alto del podio davanti a Valentino Bacca. Tra gli espoir Nadir Maguet si è classificato secondo e Luca Faifer terzo, battuti solamente dal fenomeno Anton Palzer. Domenica 11 gennaio il programma prevede la disputa di una sprint.

fonte Fisi.org

 


27/10/2014
COPPA ALPI OROBIE - CAMPIONATO PROVINCIALE SCI ALPINISMO – LA PICCOLA “GRANDE COURSE” BERGAMASCA

                                   

 

Affascinante appuntamento con lo sci alpinismo venerdì scorso al PalaMonti dove i padroni di casa dello Sci Cai di Bergamo hanno accolto più di un centinaio di appassionati nella serata intitolata “…a fil di cielo… viaggio nello sci alpinismo” sapientemente condotta dalla voce televisiva per antonomasia dello sci alpinismo: Silvano Godin storico commentatore per la Rai ed Eurosport dello “sci con le pelli”.

Durante la serata sono stati presentati tre spettacolari video realizzati dallo stesso Godin dedicati alla “La Grande Course” il prestigioso campionato che riunisce le più importanti gare di sci alpinismo internazionale : Adamello Ski Raid, Altitoy, Patrouille des Glaciers, Pierra Menta, Tour du Rutor, Trofeo Mezzalama.

Prendendo spunto dalla prestigiosa kermesse, anche nella nostra provincia si è organizzato per la prossima stagione un circuito di tre ski raid, la “Coppa Alpi Orobiche” che vedrà il placet del Comitato Provinciale della Fisi e che assegnerà al termine il titolo di campione provinciale di sci alpinismo.

“In provincia di Bergamo non avrete le quote delle ski raid più blasonate” le parole di Godin “ma avete una cosa che inizia a scarseggiare nell’ambiente, la passione. Con questa passione si possono fare grandi cose, come dimostra il Trofeo Parravicini che costituirà una delle tre tappe e che con le sue 65 edizioni rappresenta la storia dello sci alpinismo nazionale ed internazionale”.

Storia suffragata dai bellissimi filmati d’epoca proiettati nei quali si vedevano sciatori in bianco e nero che a bordo di camion e altri mezzi di fortuna partivano da Piazza Vittorio Veneto in centro Città per raggiungere dopo 5 ore Carona e da lì salire fino Rifugio Calvi per prendere parte alla competizione.

Introdotta dal padrone di casa, il pimpante Gianni Moscadri presidente dello Sci Cai Bergamo Asd che conta 200 iscritti e che rappresenta una costola della Sezione CAI di Bergamo dedicata quasi interamente all’organizzazione del “Parravicini, ogni tappa del circuito ha avuto la sua presentazione con un video e l’intervento di uno degli organizzatori.

Ha cominciato Dino Merelli, fratello del copianto Mario cui è dedicata la “Mario Merelli c’è” la prima prova che partirà il giorno dell’Epifania da Lizzola. Una gara individuale a tecnica classica che si svilupperà partendo dal paese, per poi salire dalla Valle dell’Asta verso la Val Sedornia. Da qui salita al Pizzo di Petto, sconfinamento in Val di Scalve, rientro in Val Sedornia, risalita verso la Sponda Vaga con emozionante discesa di rientro in paese.

Si salterà poi al 1° marzo agli Spiazzi di Gromo con la “Timogno Ski Raid” presentata da Enrico Fornoni uno dei componenti il comitato organizzatore che ruota intorno allo Sci Club Gromo. La gara, anch’essa individuale a tecnica classica si snoderà lungo le pendici della montagna che domina Gromo e gli Spiazzi dipanandosi su di un percorso di 18 km e un dislivello positivo di 1880 metri con ben sei salite e cinque discese.

Il circuito si chiuderà il 19 aprile a Carona con la 66^ edizione del classicissimo “Trofeo Parravicini”, prova a squadre a tecnica classica che si disputerà lungo il tradizionale percorso dislocato nella splendida conca del Rifugio Calvi da cui verrà data la partenza. Circa 17 i chilometri da percorrere con un dislivello positivo di 1894 metri con le salite del Passo Grabiasca, del Monte Reseda cui seguiranno il Madonnino e infine il Cabianca, la “Cima Coppi” del circuito con i suoi 2600 metri.

Inverno 2015 parte la rincorsa bergamasca alla “Grande Course”. Le premesse sono buone, se son rose fioriranno!

 

Fisi - Comitato Provinciale di Bergamo


24/10/2014
STASERA AL PALAMONTI APPUNTAMENTO CON LO SCI ALPINISMO

 

Appuntamento con lo sci alpinismo questa sera al PalaMonti quando, ospite dello Sci Cai di Bergamo, alle 20,30 prenderà la parola Silvano Gadin, il commentatore di EUROSPORT da dove dà voce alle più importanti gare di questa spettacolare specialità. “…a fil di cielo… viaggio nello sci alpinismo” il titolo della serata che sarà dedicata a “La Grande Course” il prestigioso campionato che riunisce le più importanti gare di sci alpinismo internazionale.
La serata sarà anche l’occasione per presentare la 1^ edizione della “Coppa Alpi Orobiche” un circuito provinciale di sci alpinismo che nasce per la prima volta in bergamasca raggruppando tre gare del circuito FISI.
Partenza il 6 Gennaio 2015 a Lizzola con la “Mario Merelli c’è” gara di tecnica classica individuale. Si salterà poi al 1° Marzo agli Spiazzi di Gromo con la “Timogno Ski Raid” altra gara a tecnica classica individuale. Il circuito si chiuderà il 19 Aprile a Carona – Rifugio Calvi - con la 66^ edizione del classicissimo “Trofeo Parravicini” gara di tecnica classica a squadre.

Appuntamento con lo sci alpinismo questa sera al PalaMonti quando, ospite dello Sci Cai di Bergamo, alle 20,30 prenderà la parola Silvano Gadin, il commentatore di EUROSPORT da dove dà voce alle più importanti gare di questa spettacolare specialità. “…a fil di cielo… viaggio nello sci alpinismo” il titolo della serata che sarà dedicata a “La Grande Course” il prestigioso campionato che riunisce le più importanti gare di sci alpinismo internazionale.La serata sarà anche l’occasione per presentare la 1^ edizione della “Coppa Alpi Orobiche” un circuito provinciale di sci alpinismo che nasce per la prima volta in bergamasca raggruppando tre gare del circuito FISI.Partenza il 6 Gennaio 2015 a Lizzola con la “Mario Merelli c’è” gara di tecnica classica individuale. Si salterà poi al 1° Marzo agli Spiazzi di Gromo con la “Timogno Ski Raid” altra gara a tecnica classica individuale. Il circuito si chiuderà il 19 Aprile a Carona – Rifugio Calvi - con la 66^ edizione del classicissimo “Trofeo Parravicini” gara di tecnica classica a squadre.

Fisi - Comitato di Bergamo

 


03/10/2014
NAZIONALE DI SCI ALPINISMO C’E’ ANCHE LANFRANCHI

Con una delibera d'urgenza firmata dal Presidente Federale Flavio Roda la FISI ha ufficializzato la composizione delle squadre nazionali di sci alpinismo. Tra gli otto componenti della squadra Seniores maschile spicca il nome di Pietro Lanfranchi, il fortissimo atleta in forza allo Sci Club Valgandino che anche in questa stagione cercherà di far valere la propria esperienza nelle più importanti gare del panorama internazionale.

Nell’orbita azzurra ci sarà anche un altro atleta targato BG, Norman Gusmini che farà parte del Team Italia in qualità di osservato. Ventunenne dello Sci Club Gromo, si è avvicinato tardi allo sci alpinismo mollando il ciclismo agonistico folgorato dalla passione per il mondo delle “pelli di foca”. Un esperto ed un giovane che proseguono la tradizione bergamasca in questa faticosa ma appassionante disciplina portando alto il nome del Comitato Fisi di Bergamo in giro per il Mondo.

 


03/09/2014
Sci Alpinismo - Prima riunione della nuova Commissione di Sci Alpinismo del Comitato di Bergamo

Presenti alla riunione oltre al sottoscritto, Mattia Pegurri (13 Clusone), Sperandio Benaglia (GAN Nembro), Roberto Antonelli (Altitude Bergamo), Mattia Lanfranchi (Val Gandino)

 

Tema predominante della serata è stato come dare incremento all’attività giovanile.

 

Lo sci alpinismo nasce come attività escursionistica vissuta in piena libertà, per poi diventare in questi ultimi 10 anni, sempre più sport a livello agonistico.

Attualmente è uno sport molto in crescita, ma frequentato spesso da persone che per vari motivi, iniziano dopo aver compiuto i 20/30 anni e quindi un po’ lontani dalla logica FISI dell’attività di club, seguiti da un allenatore che oltre ad impartire nozioni tecniche, indirizza anche i ragazzi ad apprendere l’atteggiamento più idoneo da tenere in certi tipi di contesti e situazioni.

L’attività dello sci alpinismo è in crescita e la FISI dallo scorso anno ha voluto mettere in chiaro questa cosa, organizzando il primo corso ufficiale di allenatori di 3° livello.

Vi hanno partecipato circa 50 persone, per lo più maestri/allenatori e guide alpine fuori provincia e il bergamasco Cesare Pisoni, con la partecipazione di alcune figure senza titolo di allenatore, ma molto vicine al mondo dello snow alp, alla quale è stato attribuito il titolo di assistente tecnico.

Durante la riunione della commissione di Venerdì 29 Agosto, Pegurri ha portato a conoscenza dell’attività iniziata dallo SC 13 Clusone, che circa un paio di anni fa ha fatto nascere una squadra seguita dal loro referente “Giannino” (assistente tecnico), che raggruppa circa 10 ragazzi di età compresa tra 10 e i 20 anni.

Il gruppo, della quale fanno parte ragazzi di vari sci club, fa attività di allenamento presso il Monte Pora un paio di pomeriggi a settimana con un programma differenziato.

Per i più piccoli gioco, divertimento e nozioni principali, mentre per i più grandi, attività rivolta all’apprendimento delle tecniche agonistiche.

La lodevole attività promossa dal club di Clusone, andrebbe incrementata soprattutto a livello giovanile innanzitutto promuovendo a tutti i club FISI, la possibilità per i propri tesserati di entrare a fare parte di questo progetto.

Ovviamente iniziando dai club che fanno attività alpinistica, all’interno dei quali è già iniziata un’attività giovanile legata al rapporto padre/figlio, come confermato dai referenti seduti al tavolo.

La problematica di avere in provincia di Bergamo un unico referente abilitato come assistente tecnico è sicuramente limitante, ma non per questo ci sembra giusto non iniziare almeno a promuovere l’attività e per questo noi membri della commissione stiamo iniziando a pensare ad un paio di giornate promozionali da svolgere sulle nostre piste, nelle quali potranno essere coinvolti i bambini e i ragazzi intenzionati a provare questo sport sempre più emergente.

L’intenzione sarebbe quella di coinvolgere anche quei marchi leader nella commercializzazioni di attrezzatura rivolta allo sci alpinismo e fare così partire un evento di festa e sport aperto a tutti.

Di questo e del nuovo calendario gare, che per anticipazione degli stessi organizzatori, quest’anno si arricchirà di un nuovo circuito provinciale, si parlerà nella prossima riunione che si terrà in sede Lunedì 29 Settembre alle ore 20.30.   

Tutti i club interessati a farne parte, sono invitati a contattare il referente Paolo Vigani, inviando una mail all’indirizzo di posta paolo.vigani@tin.it

Paolo Vigani

Vicepresidente FISI

Responsabile Snowboard/Freestyle e Sci Alpinismo

Comitato Provinciale di Bergamo

Cell. +39.339.3270717

 

paolo.vigani@tin.it


13/08/2014
News da FISI.org - Sci Alpinismo, Stefano Bendetti nuovo Direttore Tecnico della Nazionale

Il nuovo direttore tecnico della nazionale di sci alpinismo é Stefano Bendetti. Lo hanno individuato il Presidente della Federazione Italiana Sport Invernali, Flavio Roda, e il supervisore del settore, il colonnello dell'Esercito Marco Mosso.

Nato nel 1970, Bendetti risiede a Malè (Trento) e fa parte dello Sci Club Brenta Team A.D. Il nuovo direttore tecnico è già all'opera e la settimana prossima comunicherà i componenti della squadra e la programmazione dell'attività per l’imminente stagione 2014-15.
 


27/04/2014
Trofeo Parravicini 2014

3b6a7979 parravicini

Foto da Neveitalia.it

Filippo Beccari e Thomas Martini tagliano per primi il traguardo del Trofeo Parravicini che si è corso questa mattina in Val Brembana sotto una fitta nevicata. Tra le donne le sorelle De Silvestro dominano sulle nevi del Rifugio Calvi.

causa delle condizioni meteo avverse i responsabili del tracciato si sono visti costretti ad apportare alcune modifiche: la salita al Monte Madoninno, simbolo della gara, è stata dichiarata “off-limits” per le imponenti cornici di neve presenti in vetta e il tracciato di riserva poteva contare su cinque salite per un totale di 1350 metri di dislivello positivo diluiti in circa 13 chilometri di sviluppo
Subito dopo la partenza sono gli azzurri Pietro Lanfranchi e Filippo Barazzuol a prendere il comando della gara, e continuano la loro cavalcata sotto la neve seguiti da Martini-Beccari, Gusmini-Boffelli, Antonioli-Tiraboschi, e Pasini-Yeuilla. Arrivati all'ultima salita, quella lungo il canale Mottini, i due sembrano imprendibili, ma dopo una caduta perdono la prima posizione. Martini-Beccari volano lungo l’ultima discesa e arrivano per primi al traguardo fermando il cronometro a 1:36’13. Pietro Lanfranchi e Filippo Barazzuol confermano la seconda posizione con 2’48’’ di ritardo e al terzo posto William Boffelli e Norman Gusmini con il tempo di 1:39’30’’.

La gara femminile si conclude con la vittoria delle bellunesi De Silvestro che tagliano il traguardo con il tempo di 2:04’45’’. Federica Osler e a Marialucia Moraschinelli sono seconde con 2:09’07’’ mentre Carolina Tiraboschi e Lisa Buzzoni completano il podio.

Fonte Neveitalia.it

- Clicca qui per le classifiche


25/04/2014
Trofeo Parravicini 2014

In allegato la brochure dell'evento

- Scarica l'allegato 1


17/04/2014
Tutto pronto per l'edizione numero 65 del Trofeo Parravicini

Ieri a Bergamo è stata presentata la 65^ edizione del Trofeo Parravicini che si svolgerà sulle nevi di Carona il 27 aprile. La Conferenza stampa si è svolta con la presenza di Giovanni Alberto Bianchi, Sindaco di Carona, di Giuseppe Pezzoli delegato per il Coni Bergamo, di Piermario Marcolin presidente del CAI sez. di Bergamo, e con i rappresentanti della Valle Brembana del Distaccamento del Soccorso Alpino che sarà in servizio alla gara.
Dopo i saluti del padrone di casa Gianni Mascadri, coordinatore del comitato organizzatore, si è passati alla visione di un brevissimo filmato (realizzato da Luca Pirola) diviso in 3 parti: “una volta” con alcune sequenze filmate nelle edizioni del 1946 e 1947 con scene degli atleti in gara, della marcia di avvicinamento al rifugio, del ritorno a Carona e del succesivo ritorno a Bergamo; “ieri” con scene di gara del 2013 e infine “oggi” con la presentazione del tracciato che, dopo tre anni d’attesa il Comitato Organizzatore spera di poter allestire con tutti i suoi 1870 metri. di dislivello positivo.
Proprio il sindaco di Carona, Giovanni Alberto Bianchi, ha confermato che la strada fino al “lago del prato” (con un notevole impegno comunale) sarà sgombrata, entro la prossima settimana. Cinque valanghe e circa 1,80 metri di neve ricoprono la strada lungo gli ultimi due chilometri.
«Per Carona e tutta l’alta valle Brembana - ha detto il sindaco - il Trofeo Parravicini è sempre un motivo di orgoglio e dedizione. La nostra amministrazione farà il possibile per supportare al meglio gli organizzatori».
In seguito sono stati presentati i “premi a Km zero”, il formaggio locale, il miele e i calzini adatti alla corsa in montagna che costituiranno il pacco gara per tutti i concorrenti. Anche quest’anno il “premio Mario Merelli” sarà suddiviso in tredici articoli sportivi distribuiti in base al tempo “ideale” impiegato dai concorrenti della “pancia del gruppo”.
In questi giorni le iscrizioni stanno subendo un forte incremento, ci sono già 4 squadre femminili e probabilmente, anche se la gara, quest’anno, non è stata designata come tappa della Coppa Italia - Trofeo Scarpa, si conta di arrivare alle 50 squadre totali. Mancheranno alcuni big dello scialpinismo nazionale impegnati negli allenamenti di rifinitura della "Patrouille des Glaciers" tappa finale della Grande Course in programma i primi giorni di maggio. Il fascino di un “Parravicini” sul percorso classico è è di grande richiamo ed è pur sempre una “gara” che un atleta non dimenticherà mai.
Un’ultima speranza riguarda le condizioni meteo, ma gli organizzatori sono sicuri che si correrà con il bel tempo perché la 65^ edizione del Parravicini si svolgerà proprio il giorno della santificazione di Papa Giovanni XXIII, bergamasco DOC.
Gianni Mascadri ha salutato i presenti dando l’arrivederci al Rifugio Calvi visto che proprio ieri sia la luce sia il telefono sono tornati a funzionare grazie a un gruppo elettrogeno e all’intervento dei tecnici.
Le iscrizioni saranno aperte fino al 24 aprile, insieme alla quota sarà indispensabile fornire il Mod.61 con la firma del presidente del proprio sci Club. Per info e iscrizioni: SCI CAI BERGAMO A.S.D. fax +39 035 4175480, e-mail: segreteria@caibergamo.it e www.trofeoparravicini.org
 

Fonte fisi.org


15/03/2014
Scialpinismo: Lanfranchi Conquista il Sellaronda a Canazei

Pietro Lanfranchi si è aggiudicato in notturna a Canazei  la Sellaronda, classica maratona scialpinistica che si disputa lungo i passi dolomitici e le valli di Livinallongo, Fassa, Gardena e Badia. Il percorso di gara ha una lunghezza di oltre 42 chilometri con 2800 metri di dislivello. Lanfranchi in questa occasione era in coppia con il friulano Tadei Pivk , ma ricordiamo anche alcuni importanti risultati recenti di questo grande dello sci alpinismo: Trofeo Parravicini e il secondo posto al Mezzalama. 


07/06/2013
DELIBERATE LE SQUADRE DI SI ALPINISMO DEL COMITATO FISI ALPI CENTRALI PER LA STAGIONE 2013 – 2014

Confezionate” anche le formazioni dello sci alpinismo per la prossima stagione. In tutto saranno 12 gli atleti che difenderanno i colori delComitato FISI Alpi Centrali, che saranno allenati da Adriano Greco e Ivan Murada che saranno gli allenatori della formazione dello sci alpinismo. Da annotare che ci sono ancora tre posizioni che andranno ad integrare la formazione dopo le prime gare della prossima stagione previste per il mese di dicembre.

 

Cadetti Femminile

Murada Giulia 1998 Pol. Albosaggia

Cadetti Maschile

Bertocchi Nicola 1997 SC 13 Clusone

Vairetti Oscar 1997 SC Valtartano

Junior Femminile

Compagnoni Giulia 1996 SC Alta Valtellina

Mastrota Natalia 1995 SC Alta Valtellina

Rodigari Erika 1995 SC Alta Valtellina

Junior Maschile

Canclini Pietro 1996 SC Alta Valtellina

Da Prada Stefano 1994 SC Alta Valtellina

Faifer Luca 1994 SC Alta Valtellina

Greco Andrea 1996 SC Sondalo

Muscetti Tomas 1996 SC Sondalo

Puricelli Simone 1994 Pol. Albosaggia

Allenatori:

Greco Adriano

Murada Ivan

Fonte Fisialpicentrali.it



04/05/2013
Trofeo Mezzalama

Sab, 04/05/2013
<a href=

Alle 5.00 di questa mattina è finalmente andato in scena il tanto atteso Trofeo Mezzalama, giunto alla sua 19^ Edizione: dopo essere stato rinviato di una settimana, trecento squadre sono partite all'alba di oggi da Cervinia, accompagnati da condizioni meteo ideali che hanno consentito il regolare svolgimento della gara più attesa della stagione.

Sin dai primi metri a dettare il ritmo sono state tre squadre: il team La Sportiva - Crazy Idea dei francesi Bon Mardion e Jacquemoud e dello spagnolo Jornet Burgada e le due squadre italiane del Team Camp/Ski Trab (Boscacci, Lanfranchi, Holzknecht) e del Centro Sportivo Esercito 1, quest'ultima composta dal C.le Magg. Ca. Sc. Manfred Reichegger, dal C.le Magg. Sc. Matteo Eydallin e dal C.le Magg. Damiano Lenzi. Proprio i tre alpini sono stati i primi a transitare al cancello orario del Colle del Breithorn, con poco più di 1' di vantaggio sugli altri italiani e quasi 3' sulla squadra franco-spagnola. Da qui in poi, per i tre atleti del Centro Sportivo Esercito, è stata una cavalcata in solitaria: superato il Castore, il vantaggio al secondo cancello orario del rifugio Quintino Sella era aumentato a 3' su Boscacci, Lanfranchi e Holzknecht, mentre Bon Mardion, Jacquemoud e Jornet Burgada transitavano a poco meno di 5'. Affrontato anche il Naso del Lyskamm, Reichegger, Eydallin e Lenzi hanno poi intrapreso la lunga discesa finale in totale controllo, tagliando il traguardo di Gressoney in solitaria, con il tempo di 4h16'37''. In 2^ piazza e con 1' di ritardo è poi giunta la squadra di Bon Mardion, Jacquemoud e Jornet Burgada, abili a superare il Team Camp/Ski Trab, 3° a 11'50''. Da sottolineare anche la buona prova del C.le Magg. Sc. Denis Trento, del C.le Robert e del C.le Magg. Sc. Daniel Antonioli, giunti settimi a 21'55'' dai compagni, e dei due fondisti C.le Magg. Ca. Fabio Pasini e C.le Magg. Sc. Daniel Yeuilla, che con Pietro Broggini hanno concluso in 14^ piazza.

Se la gara al maschile vedeva più squadre contendersi la vittoria, la prova in rosa sembrava già destinata alle fuoriclasse Laetitia Roux, Mireia Mirò, in quadra con il 1° C.le Magg. Gloriana Pellissier. Dopo aver condotto in testa il Ventina, proprio un problema fisico della Pellissier impediva però al team di continuare la cavalcata verso Gressoney, cedendo così la vittoria al team La Sportiva di Besseghini, Rossi e Nicolini.

La vittoria di Reichegger, Eydallin e Lenzi ha un grande valore agonistico, considerato che il Team La Sportiva - Crazy Idea schierava i migliori due atleti della classifica di Coppa del Mondo, William Bon Mardion e Mathéo Jacquemoud, oltre a Kilian Jornet Burgada che in questa gara è sempre stato competitivo. L'esperienza di Reichegger e la tenacia di Eydallin e Lenzi hanno permesso però alla squadra degli alpini di conquistare una grande vittoria in una competizione affascinante e complicata per le alte quote affrontate dagli atleti. Il successo odierno rappresenta inoltre il settimo sigillo degli alpini nella storia del Mezzalama, dopo le storiche vittorie del 1935-1936-1937 e, più recentemente, degli anni 1971-1973 e 2009.

Fonte Fisi.org


24/04/2013
Sci alpinismo, posticipato il Trofeo Mezzalama

<a href=

Il Trofeo Mezzalama non si correrà il prossimo weekend. Ancora una volta è il Monte Rosa a comandare, dopo lo slittamento di 15 giorni del 2009 e dopo il posticipo di un giorno nel 2011, anche quest’anno sono le condizioni meteo a influenzare le decisioni della Fondazione Trofeo Mezzalama.

«E’ da qualche giorno che siamo incollati ai monitor - ha detto Adriano Favre - per vedere l’andamento delle previsioni meteo in vista del prossimo weekend. Abbiamo sperato fino all’ultimo che il Monte Rosa ci concedesse una finestra di tempo buono, ma questa mattina dopo aver visto le ultime previsioni abbiamo deciso di non far correre il Trofeo Mezzalama il prossimo weekend. Ci siamo confrontati sia con Luca Mercalli per gli aspetti tecnici sia con la Regione Valle d’Aosta, infine insieme a Giorgio Pession, abbiamo ritenuto che spostare la partenza della gara fosse la scelta più giusta». «Ci prendiamo qualche giorno - ha concluso il direttore tecnico del Trofeo - per scegliere la data più opportuna».

Fonte fisi.org


21/04/2013
News da coppaitaliaskialp.it/

Michele Boscacci (Pol. Albosaggia) e Lorenzo Holzknecht (Sc Alta Valtellina) vincono la 64^ edizione del Parravicini. In campo femminile Gloriana Pellissier ed Elena Nicolini continuano a vincere. Nella classifica finale di Coppa Italia - Trofeo Scarpa, Lorenzo Holzknecht e Matteo Eydallin sono primi a pari merito. Federica Osler vince tra le donne. Giancarlo Lira e Monica Sartogo vincono tra i Master.

Questa mattina nell'anfiteatro del Rifugio Calvi, qualche chilometro sopra l'abitato di Carona in provincia di Bergamo, sotto una fitta nevicata, è partita la 64^ edizione del Parravicini, valida come ultima prova della Coppa Italia - Trofeo Scarpa. I tracciatori, già presenti nella conca del rifugio da alcuni giorni, avevano preparato un percorso di riserva a causa della troppa neve in quota e soprattutto previsioni meteo avverse. Un circuito con quattro salite da ripetere due volte per un totale di 1350 metri di dislivello diluiti in dodici chilometri.

Subito dopo la partenza, Matteo Eydallin, Davide Galizzi, Manfred Reichegger, Damiano Lenzi, Michele Boscacci e Lorenzo Holzknecht hanno preso il comando della gara cercando di alternarsi nel fare il ritmo. Al termine del primo giro, Boscacci e Holzknecht hanno messo la freccia e si sono portati in prima posizione. Alle loro spalle gli inseguitori hanno tenuto il passo, ma nella parte finale, la coppia al comando ha aumentato il proprio vantaggio andando a tagliare il traguardo in perfetta solitudine con il tempo di 1:38'28. L'inedita coppia formata da Matteo Eydallin (Cs Esercito) e Davide Galizzi (Brenta Team) sale sul secondo gradino del podio accusando un ritardo di 1'26". In terza posizione si classificano gli alpini del Centro Sportivo Esercito, Manfred Reichegger e Damiano Lenzi.

Thomas Martini e Matteo Pedergnana sono quarti davanti a Fabio Bazzana e Filippo Beccari.

In campo femminile Gloriana Pellissier ed Elena Nicolini (Cs Esercito/Brenta Team) non hanno avuto nessun problema a mantenere la prima posizione davanti a Francesca Martinelli (Sc Alta Valtellina) e a Federica Osler (L'Arcobaleno) . In terza posizione la coppia trentina formata da Sabrina Zanon e da Elisabeth Benedetti. Pellissier-Nicolini tagliano il traguardo, confermando la prima posizione, con il tempo di 2:06'09'', in seconda posizione giungono Martinelli-Osler con 8'05'' di ritardo. Completano il podio le portacolori dell'Asd Cauriol, Zanon-Benedetti con 2:24'22".

Nella classifica riservata ai Master dominio della coppia trentina formata dalle guide alpine Omar Oprandi e Franco Nicolini. In seconda posizione Alberto Stanchina e Andreas Senoner. Completano il podio Martino Cattaneo e Angelo Bernini.

Per la classifica di Coppa Italia - Trofeo Scarpa, Lorenzo Holzknecht e Matteo Eydallin, totalizzando entrambi 196 punti vincono a pari merito la Coppa Italia - Trofeo Scarpa. Il podio maschile è completato da Damiano Lenzi. Tra le donne Federica Osler conferma, anche piazzandosi in seconda posizione, la leadership. Gloriana Pellissier è seconda mentre Francesca Martinelli è terza.

Giancarlo Lira e Monica Sartogo vincono tra i Master. Omar Oprandi e Franco Nicolini sono rispettivamente secondo e terzo nella classifica finale. Completano il podio femminile Milena Ghirardi e Cristina Foppoli. 

Classifica maschile

1. Michele Boscacci - Lorenzo Holzknecht, Pol. Albosaggia/Sc Alta Valtellina, 1.38.28;

2. Matteo Eydallin - Davide Galizzi, Cs Esercito/Brenta Team, 1.39.54;

3. Manfred Reichegger - Damiano Lenzi, Cs Esercito, 1.39.58;

4. Thomas Martini - Matteo Pedergnana, Brenta Team/Sc Alta Valtellina, 1.42.29;

5. Fabio Bazzana - Filippo Beccari, Sc Val Gandino/Ski Team Fassa, 1.43.18.


Classifica femminile

1. Gloriana Pellissier - Elena Nicolini, Cs. Esercito/Brenta Team, 2.06.09;

2. Francesca Martinelli - Federica Osler, Sc Alta Valtellina/L'Arcobaleno, 2.14.14;

3. Sabrina Zanon - Elisabeth Benedetti, Asd Cauriol, 2.24.22.


04/03/2013
WORLD CUP SKIALP 3 PRESOLANA “Pubblico da Giro d'Italia sulla Presolana” ...

GIU_9143a

 

 

Pubblico delle grandi occasioni per la seconda giornata di Coppa del Mondo Skialp in Alta Val Seriana. Oltre 300 i concorrenti al via tra prova ISMF e FISI per un Memorial Angelo Castelletti che sta vaolta ha davvero “fatto il botto”. Numeri e livello per la competizione griffata Sci Club 13 e Cai Clusone; competizione che ha richiamato sulla "Regina delle Orobie" migliaia di scialpinisti e ciaspolatori. Tutti presenti in massa per tifare i loro beniamini e l'idolo di casa Pietro Lanfranchi. E se alla fine l’hanno spuntata i francesi Matehéo Jacquemoud & Laetitia Roux, gli azzurri hanno comunque dato spettacolo….

 

 

Pronti, via e già in cima alla prima salita i super favoriti dei pronostici William Bon Mardion e Matheo Jacquemoud hanno provato a sgranare il gruppo di testa. Al Colle della Presolana i due francesi sono passati davanti, portandosi in scia l’ossolano Damiano Lenzi. Nel gruppo degli inseguitori Mnfred Reichgger, Pietro Lanfranchi, Matteo Eydallin e Davide Gallizzi. Piu staccati, ma comunque in corsa per una posizione di rilievo Michele Boscacci, Alexis Sevennec e Yannik Ecoueur. Le posizioni non sono cambiate al termine della prima discesa e sulla seconda salita. La gara in rosa ha invece vissuto il suo inizio sul testa a testa tra la spagnola Mireia Mirò e la transalpina Laetitia Roux. Le due si sono alternate ritmicamente al comando; subito dietro Gloriana e poi ancora Melanie Bernier, Emilie Gex Fabry, Axelle Mollaret ed Elena Nicolini.

 

 

 

Sul Canale del Diavolo la super sfida in rosa ha nuovamente visto la campionessa spagnola e quella francese incedere fianco a fianco. Insieme, ma una contro l'altra.

 

Ben altra storia per la prova maschile ISMF. Sulla terza salita Mathéo Jacquemoud rifilava 20" a William Bon Mardion. A seguire Matteo Eydallin precedeva Davide Galizzi, Damiano Lenzi, Pietro Lanfranchi, Manfred Reichegger e Alexis Sevennec. L'Italia e il tifo azzurro ha cominciato a sognare quando il piemontese Eydallin sulla cresta sud delle Colzene ha attaccato e passato Bon Mardion. Nella torcida di trombe e campanacci che li ha accompagnati al mitico Canalino del Dito, sono sfilati alle loro spalle i vari Galizzi, Lenzi e un Lanfranchi particolarmente “in botta”.

 

Nella gara in rosa, con il passare dei minuti e l’accomularsi dei metri di dislivello, Laetitia Roux è invece riuscita ad allungare su Mireia Mirò. In lotta per un posto sul podio la nostra Gloriana Pellissier che vantava un discreto margine sulla transalpina Axelle Mollaret.

 

 

A Visolo, in cima alla 4ª ed ultima salita, il francesino del Team Crazy Idea è riuscito a mantenere un rassicurante vantaggio sull'alpino Matteo Eydallin (1'30). Ne sono invece passati 2'20" prima che al cambio d'assetto passasse il campione di Areches William Bon Mardion. Al traguardo di Donico Matheo Jacquemoud è stato quindi accolto con una vera e propria standing ovation. Per lui successo in 1h46'20" davanti ad un super Matteo Eydallin 1h47'46" e sull'altro transalpinoWilliam Bon Mardion - 1h48'42"-. Nei 10 anche un super Davide Galizzi che ha messo dietro Alexis Sevennec, Pietro Lanfranchi, Manfred Reichegger, Yannik Ecoeur, Nejc Kuhar e Martin Anthamatten. Al femminile, come da pronostico, Laetitia Roux ha trionfato in 1h52'17". Sul podio con lei sono salite pure Mireia Mirò Varela -1h53'26"- e Gloriana Pellissier - 1h58'39"-. Per la categoria espoir Matheo Jacquemoud si è imposto Michele Boscacci e Josef Rottmoser. Nella graduatoria in rosa Axelle Mollaret ha invece primeggiato sulla bormina Elisa Compagnoni.

 

 

GARA CADETTI: Vince l'azzurro Erik Pettavino. Il fondista piemontese scovato da Andrea Basolo ha messo in fila i valtellinesi Andrea Greco e Silvio Bardea. Al femminile vittoria di Stefania Bulanti del Valtartano sulla compagna di squadra Alessia Gusmeroli e la bergamasca dello Sci Club 13 Alice Pasinetti.

 

GARA JUNIOR: In classifica ISMF Alba De Silvestro batte la transalpina Sophie Mollard e l'andorrana Inka Naudi Belles. Al maschile, come da pronostico il tedesco Anton Palzer ha messo dietro il trentino Federico Nicolini e il valdostano Nadir maguet. Nella prova FISI successo per la vice campionessa italiana Erika Rodigari e il suo compagno di club Michele Pedergnana. Sul podio con loro anche Marco Gusmeroli, SimonePuricelli

 

GARA FISI ASSOLUTA: A sorpresa il piemontese Filippo Barazzuol si è presentato in solitaria al traguardo di Donico in 1h57'10". Bella performance la sua che gli ha permesso di imporsi sul talento di casa Fabio Bazzana e il trentino Filippo Beccari. Nei cinque anche il valtellinese Matteo Pedergnana e il transalpino Tony Sbalbi. Al femminile tripudio valtellinese con la pluri iridata Francesca Martinelli - -2h06'43" - e l'aprichese Lucia Moraschinelli. Terzo postoper la francese Nathalie Mieuzet.

 

 

 

 

Maurizio Torri

www.sportdimontagna.com

info@sportdimontagna.com

 

GIU_9439a

 

                   


03/03/2013
Worldwide Cup Presolana

<a href=

Dopo il terzo posto di Robert Antonioli nella sprint di sabato, arrivano altri due podi per l'Italia nell'Individuale seniores della Coppa del mondo di sci alpinismo che si è disputata sul passo della Presolana (Bg). Il merito è di matteo Eydallin, classificatosi secondo alle spalle del francese Matheo Jacquemod, mentre al terzo posto si è piazzato l'altro transalpino William Bon Mardion. Appena fuori dal podio Davide Galizzi, quarto, leggermente più attardati pietro Lanfranchi (sesto) e Manfred Reichegger (settimo). Nella gara femminile Laetitia Roux si è confermata imprendibile, seconda la spagnola Mireia Mirò e terza la bravissima Gloriana Pellissier.

Altre soddisfazioni per l'Italia arrivano nelle prove juniores, con Federico Nicolini secondo e Nadir Maguet terzo in campo maschile dietro al solito tedesco Anton Palzer, fra le donne si è imposta Alba De Silveastro sulla francese Sophie Mollard e l'andorrana Inka Belles Naudi. 
   
Ordine d'arrivo Individuale maschile seniores Presolana (Ita):
1. Matheo Jacquemod (Fra)
2. Matteo Eydallin (Ita)
3. William Bon Mardion (Fra)
4. Davide Galizzi (Ita)
5. Alexis Sevennec (Fra)
6. Pietro Lanfranchi (Ita)
7. Manfred Reichegger (Ita)

Ordine d'arrivo Individuale femminile seniores Presolana (Ita):
1. Laetitia Roux (Fra)
2. Mireia Mirò (Spa)
3. Gloriana Pellissier (Ita)

5. Francesca Martinelli (Ita)

Ordine d'arrivo Individuale maschile juniores Presolana (Ita):
1. Anton Palzer (Ger)
2. Federico Nicolini (Ita)
3. Nadir Maguet (Ita)

Ordine d'arrivo Individuale femminile juniores Presolana (Ita):
1. Alba De Silvestro (Ita)
2. Sophie Mollard (Fra)
3. Inka Belles Naudi (And)

Fonte Fisi.org


02/03/2013
Sci alpinismo, Antonioli è terzo nella sprint di Cdm sulla Presolana. Podio anche per Faifer e De Silvestro fra gli juniores

<a href=

Gli organizzatori, sci club Clusone 13 e CAI Clusone, avevano promesso grandi emozioni, e così è stato nella prima giornata di gara per la Skialp3 per la quale è andata in scena la prova Sprint. Una giornata serena ed il folto pubblico hanno fatto da cornice ad una prova spettacolare che ha saputo raccogliere il plauso del gotha dello sci alpinismo mondiale.

 

La gare sono state vinte dalla transalpina Laetitia Roux, dal tedesco  Josef Rottmoser, dallo junior francese Corentin Cerruti e la sua pari categoria andorrana Inka Naudi Belles. Al via si sono presentati 58 senior e 22 junior in rappresentanza di 13 diverse nazioni.

 

Archiviata questa prima prova, atleti ed organizzatori pensano alla tappa di domani (domenica) quella più attesa con la prova individuale con partenza ed arrivo a Donico. Previsti differenti percorsi a seconda delle categorie con un’unica costante, la Presolana che sarà il teatro naturale di questa terza del circuito di Coppa del Mondo

Ordine d'arrivo sprint maschile seniores

1. Josef Rottmoser (Ger)
2. Marcel Marti (Svi)
3. Robert Antonioli (Ita)

Ordine d'arrivo sprint femminile seniores Presolana (Ita):
1. Laetitia Roux (Fra)
2. Mireille Richard (Svi)
3. Emilie Gex-Fabry (Svi)

Ordine d'arrivo sprint maschile juniores Presolana (Ita):
1. Corentin Cerutti (Fra)
2. Anton Palzer (Ger)
3. Luca Faifer (Ita)

Ordine d'arrivo sprint femminile juniores Presolana (Ita):
1. Inka Belles Naudi (And)
2. Alba De Sivestro (Ita)
3. Sophie Mollard (Fra)


15/02/2013
L’ITALIA DELLO SKI ALP E’ CAMPIONE DEL MONDO

 

Parte subito bene la mattinata della staffetta con l’oro conquistato dall’Italia giovani che per l’occasione ha schierato il terzetto composto da Alba De Silvestro, Davide Magnini e Nadir Maguet. Subito davanti gli azzurrini hanno legittimato con margine la loro leadership sulle equipe di Svizzera e Francia.

 

Nella prova femminile argento con una gara che ha visto gli atleti azzurri subito al comando con Gloriana Pellissier, l’equipe donne azzurre nella quale hanno corso anche Alessandra Cazzanelli ed Elena Nicolini si è poi piazzata seconda dietro alle padrone di casa e la sempre temibile Svizzera. Se Cazzanelli è stata abile a limitare i danni, la Nicolini ha combattuto sino alla fine regalandoci una bella rimonta sulla Svizzera.

 

Nella prova senior dei 4 atleti schierati ben 3 sono atleti del Comitato FISI Alpi Centrali composto da Lenzi, Reichegger, Boscacci e Antonioli. La gara parte subito in salita con Lenzi che perde una pelle ed è costretto a  rincorrere. L’ossolano non è certo uno che si perde d’animo e con un secondo cambio super è già in recupero. La Spagna è dietro. Al passaggio di testimone Italia è alle spalle di Germania e Svizzera. La seconda frazione vive sulla sfida Ecoeur, Reichegger, Bon Mardion.

 

Quest’ultimo sembra scatenato, ma capitan Reichegger non molla. La Svizzera è davanti, Francia ed Italia sono vicinissime. In terza frazione Michele Boscacci ha provato a chiudere il gap. In ultima frazione Antonioli è partito forte, ma la concorrenza è agguerrita. Grande recupero per l’alpino che passa la comando, ma sul finale si fa passare da Marcel in volata.

 

 

 

 

 

Marco Cerottini

Ufficio stampa Comitato FISI Alpi Centrali


30/07/2012
SCI ALPINISMO: Ecco la composizione della Squadra Regionale 2012/2013

CATEGORIA JUNIOR MASCHILE

Cioccarelli Alessandro 1993     Polisportiva Albosaggia

Vairetti Samuele 1993            Sc Valtartano

Pedranzini Luigi  1993             Sc Alta Valtellina

Pedergnana Michele  1993       Sc Alta Valtellina

CATEGORIA JUNIOR FEMMINILE

Maiocchi Arianna 1994             Sc Alta Valtellina

Mastrota Natalia 1995              Sc Alta Valtellina

CATEGORIA CADETTI MASCHILE

Ugazio Marcello 1996                Sc Valle Antigorio

Bonavetti Riccardo 1996            Adamello Ski Team

Vairetti Oscar 1997                   Sc Valtartano

Bardea Silvio 1996                     Sportiva Lanzada

CATEGORIA CADETTI FEMMINILE

Contrio Debora                          Polisportiva Albosaggia

ALLENATORI

Murada Ivan

Greco Adriano


06/05/2012
TROFEO PARRAVICINI - CARONA 6 MAGGIO 2012 -

In allegato la classifica assoluta.

- Scarica l'allegato 1


04/05/2012
SCI ALPINISMO: Domenica 6 maggio si chiude la stagione scialpinistica agonistica con il 63º Trofeo Parravicini – Carona (BG)

EDIZIONE 201219 - Premio Mario Merelli

 

63^ TROFEO A. Parravicini

9^ ed ultima prova del circuito di Coppa Italia 2012

 PREMIO MARIO MERELLI

 

E' iniziato il conto alla rovescia per la 63^ edizione del Trofeo Parravicini, alle ore 9 di domenica mattina partirà dal Rifugio Calvi la prova finale della Coppa Italia - Trofeo Scarpa.

Lo Sci Cai Bergamo in questi giorni, è al lavoro per la tracciatura e per la messa in sicurezza del percorso di gara.

«Dal Rifugio Calvi i nostri responsabili ci tengono costantemente informati sull'evoluzione della situazione». Ha detto Gianni Mascadri, coordinatore della gara. «Queste ultime nevicate - ha continuato Mascadri - sono state una vera e propria manna dal cielo, l'altro giorno i cartelli segnavia nei pressi del Rifugio erano quasi interamente sepolti. Ora, con aiuto delle temperature primaverili, il manto nevoso si sta assestando. Stiamo lavorando per ultimare la tracciatura del percorso originale, anche se solo venerdì mattina avremo chiara la situazione. Ci sono alcune incertezze come la salita del Grabiasca sino a quota 2463 metri, e la salita al Madoninno. La decisione finale la prenderemo sabato mattina. Per quanto riguarda la strada che porta al Rifugio Calvi è completamente pulita e percorribile sino alla diga. Gli atleti e tutti gli appassionati dovranno camminare solo quindici minuti per raggiungere il Rifugio».


24/04/2012
63°Trofeo Parravicini - ultima prova di Coppa Italia di scialpinismo - COMUNICATO

Trofeo Parravicini

La presente per informare che causa abbondante nevicata in questi ultimi tre giorni e conseguente alto grado di pericolo valanghe soprattutto sulla strada di accesso al Rifugio (che è stato chiuso) la gara in oggetto è stata rinviata a Domenica 6 maggio p.v.

Cordiali saluti

Gianni Mascadri

Presidente         BG27 SCI CAI Bergamo a.s.d.


23/04/2012
Sci alpinismo: Eydallin/Reichegger e Martinelli/Pedranzini campioni italiani Top Class

<a href=

In Valsavarenche, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso, si è disputata la quinta edizione del Tour du Grand Paradis, Trofeo Renato Chabod, valida per il Campionato Italiano Top Class, lunghe distanze. Il Tour du Grand Paradis era la penultima tappa della Coppa Italia - Trofeo Scarpa.

Le previsioni meteo lo avevano annunciato: "In quota vento forte e temperature che scenderanno oltre i -15°". Alle ore otto in punto le centodue squadre in lizza per il Campionato Italiano consapevoli di quello che li avrebbe attesi sulla schiena d'asino sono partiti alla volta del Rifugio Chabod. Le guide alpine Ilvo Martin e Paolo Pellissier pochi minuti prima della partenza avevano comunicato agli atleti che la vetta del Gran Paradiso non si sarebbe conquistata, troppo vento in quota con raffiche superiori ai settanta chilometri orari. «La sicurezza prima di tutto - ha detto Pellissier rivolgendosi agli atleti - arrivare in vetta al Gran Paradiso sarebbe troppo pericoloso, quindi abbiamo deciso che arrivati all'inizio della schiena d'asino scenderete direttamente verso il Rifugio Vittorio Emanuele».

Michele Boscacci e Robert Antonioli subito dopo il lancio prendono il comando della corsa e conducono il plotone verso il Rifugio Chabod, alle loro spalle Eydallin, Reichegger, Follador, Fasser poco più staccati Pietro Lanfranchi, Lorenzo Holzknecht, Seletto, Sbalbi e Collè, Barazzuol. In campo femminile le bormine Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini tenendo il loro passo e per nulla impensierite dalle rivali guadagnano la prima posizione davanti a Maria Orlando ed Elena Tornatore. In terza posizione salgono Birgit Stuffer e Stefanie De Simone.

Il vento lungo il ghiacciaio di Lavaciou inizia a soffiare, ma sarà all'inizio della schiena d'asino che gli atleti saranno messi a dura prova, per fortuna le operazioni di cambio sono rapide e in un attimo gli sci sono indirizzati verso il cambio d'assetto del Rifugio Vittorio Emanuele. Alla schiena d'asino Matteo Eydallin e Manfred Reichegger arrivano con un minuto e mezzo di vantaggio su Boscacci e Antonioli, in terza posizione transitano Alessandro Follador e l'austriaco Alexander Fasser.
Nella discesa che porta al Vittorio Emanuele le posizioni non cambiano, anzi la squadra del Centro Sportivo Esercito guadagna secondi preziosi per la conquista del tricolore.

L'ultima salita verso le pendici del Ciarforon è una lunga cavalcata verso la discesa finale. La gara non subisce cambiamenti, Manfred Reichegger e Matteo Eydallin tagliano il traguardo con il tempo di 2.25.03. In seconda posizione si classificano Michele Boscacci e Robert Antonioli con 3'14'' di ritardo. Completa il podio la squadra formata da Alessandro Follador e Alexander Fasser.

Per quanto riguarda il Campionato Italiano, visto che sia Follador sia Alain Seletto correvano in coppia con atleti stranieri (Fasser e Sbalbi) la medaglia di bronzo è andata a Franco Collè e a Filippo Barazzuol. Nella classifica femminile, dopo la conferma del tricolore da parte di Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini con il tempo di 3.00.16, conquistano la medaglia d'argento Maria Orlando ed Elena Tornatore. Il bronzo è di Birgit Stuffer e Stefanie De Simone.
Tra i master vittoria di Claudia Titolo e di Raffaella Miravalle, tra gli uomini vince la coppia formata da Angelo Bernini e da Martino Cattaneo.

La quinta edizione del Tour du Grand Paradis va in archivio con la soddisfazione sia da parte degli atleti sia da parte degli organizzatori, l'appuntamento con i quattromila metri della vetta del Gran Paradiso sarà per il 2014.

 

http://www.fisi.org/node/48068


09/04/2012
Sci Alpinismo Bon Mardion e Pedranzini/Martinelli trionfano nella Dolomiti Ski Alp Race Dolomiti di Brenta

Tutto secondo pronostico a Madonna di Campiglio (TN), per la 38.a Dolomiti Ski Alp Race Dolomiti di Brenta: giornata splendida, neve perfetta, vittorie di William Bon Mardion e delle due valtellinesi, a pari tempo, Roberta Pedranzini e Francesca Martinelli. La posta in palio, per questa gara internazionale di scialpinismo, era ancora una volta alta: il vincitore assoluto se ne sarebbe tornato a casa in sella ad una fiammante Ducati Hypermotard 796...

- LEGGI TUTTO L'ARTICOLO


09/04/2012
Manfred Reichegger e Gloriana Pellissier nuovi campioni italiani di sci alpinismo

<a href=

A Misurina l'inverno si è fatto rivedere in occasione della tappa di Coppa Italia - Trofeo Scarpa valevole come prova unica di Campionato Italiano di scialpinismo individuale. Con le prime luci dell'alba le gocce di pioggia si sono trasformate in neve, regalando al tracciato di gara una veste invernale con circa venti centimetri di neve fresca.

La partenza, data proprio di fronte al Campeggio Ristorante La Baita, ha visto i migliori interpreti nazionali contendersi i titoli tricolore. Gli atleti, tirati da Manfred Reichegger, hanno percorso i primi due minuti di gara con gli sci in mano, alle spalle del battistrada seguivano, Matteo Eydallin, Pietro Lanfranchi, Michele Boscacci, e Robert Antonioli. Il programma della giornata prevedeva per le categorie Senior/Master 1400 metri di dislivello, in pratica due giri da 700 metri ciascuno, mentre per i giovani delle categorie Junior e Cadetti erano solamente 1000 i metri dislivello da affrontare.
Il tracciato di gara, estremamente tecnico, era caratterizzato da innumerevoli cambi di direzione e da due tratti in cresta (forcella della neve) da affrontare a piedi con gli sci nello zaino.

Al termine del primo giro le posizioni non cambiano, ma nell'ultimo tratto a piedi dopo i due battistrada Reichegger ed Eydallin, distanziati tra loro con meno di due minuti, passa Michele Boscacci, e subito dopo Antonioli. Michele Boscacci al cambio d'assetto prima dell'ultima discesa ha perso secondi preziosi e si è fatto infilare dal amico/rivale Robert Antonioli perdendo così la terza piazza.

Pietro Lanfranchi transita quinto con sul volto i segni della fatica, mentre l'atleta di casa Alessandro Follador è sesto. Reichegger chiude con il tempo di 1.16.15 mentre Eydallin ferma il cronometro a 1.18.00. Antonioli è a soli sedici secondi dalla seconda piazza, ma vince nella la categoria Espoir. Michele Boscacci e Francois Cazzanelli sono rispettivamente secondo e terzo tra gli Espoir.

Nella gara al femminile Gloriana Pellissier è in giornata di grazia e sin dai primi metri di gara prende la testa. Francesca Martinelli dopo aver patito il lancio si riporta sulle code della Pellissier, ma quando la battaglia inizia ad animarsi ecco l'imprevisto. Sotto gli sci della bormina compare il nemico numero uno delle pelli di foca: lo zoccolo. La gara è così decisa, anche se la Pellissier oggi sembrava avere una marcia in più. Chiude in terza posizione la giovanissima Elisa Compagnoni. La Compagnoni vince la categoria Espoir.

Per quanto riguarda i giovani da segnalare tra i Cadetti le vittorie di Davide Magnini e della bellunese Alba De Silvestro, mentre tra gli Junior la vittoria va a Luca Faifer e ad Arianna Sofia Majocchi. Franco Nicolini e Monica Sartogo vincono la categoria Master.

Durante le premiazioni che si sono svolte con la presenza di Andreas Quinz, assessore allo Sport del Comune di Auronzo e di Mario Curto in rappresentanza del Comitato Veneto della Fisi, la Cadini Promotion e lo sci club Dolomiti ski-alp hanno voluto ringraziare tutti gli atleti, i volontari, il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino, e il Corpo Forestale dello Stato, che si sono impegnati in questa ultima giornata d'inverno.

Fonte Fisi.Org


25/03/2012
Ski-alp in Val Martello: doppio successo francese. Pedranzini terza fra le donne

 Sci alpinismo d’elite, oggi in Val Martello (BZ). I migliori interpreti dello ski alp mondiale hanno vivacizzato il 5° Trofeo Marmotta, con i francesi a farla da padroni in quella che era la penultima prova di Coppa del Mondo.

La Marsigliese è stata intonata per accompagnare sul podio un grande William Bon Mardion, capace di piegare il talento catalano Kilian Jornet Burgada. Vittoria francese anche al femminile, con una superlativa Laetitia Roux che si è confermata leader di Coppa battendo la spagnola Mireia Mirò Varela.

I francesi non si sono accontentati dei due successi più prestigiosi, ma hanno festeggiato anche un ”piccolo grande” Matheo Jaquemoud, terzo nella massima gara maschile e primo tra gli espoir.

Nella gara “FISI” si è imposto Alessandro Follador, bravo comunque a portarsi a ridosso dei primi dieci.

Una giornata da cartolina quella che si è aperta stamattina in Val Martello dopo la pioggia, sul fondovalle, e la neve, in quota, della nottata di sabato. Cielo completamente azzurro, temperature tiepide e il sole a salutare gli oltre 350 concorrenti, record per il Trofeo Marmotta. Primi a partire sono stati i cadetti, primi anche a concludere perché impegnati su un percorso ridotto, una gara che ha dato ragione allo svizzero  Thomas Corthay e ad Alba De Silvestro.

Venti minuti più tardi è toccato agli junior e alle donne, percorso simile a quello dei maschi senior, ma senza la salita e conseguente discesa di Cima Marmotta. La gara junior ha registrato l’indiscussa supremazia di Anton Palzer (GER) che si è preso il lusso di infliggere oltre 4’ a Nadir Maguet mentre al femminile ad “ammazzare” la gara ci ha pensato la svizzera Jennifer Fiechter che ha tagliato il traguardo per prima con un margine di oltre 10’.

Tra le donne è stato subito testa a testa tra la transalpina Laetitia Roux e la spagnola Mireia Mirò Varela. Se in salita quest’ultima ha cercato di mettere in difficoltà la Roux, in discesa, complice il dolore ad un ginocchio, ha dovuto allentare la presa, senza però mai arrendersi. Nell’ultima discesa la francese ha dato il colpo di grazia alla classifica, allungando sensibilmente e chiudendo con 1’52” sull’iberica.

Dietro, le azzurre Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini, visti vani i tentativi di agganciare le due fuggitive, hanno cercato più che altro di gareggiare in coppia, in vista del Tour du Rutor del prossimo week end. Sembrava una gara tranquilla tra le due, ma negli ultimi metri dopo l’ultimo cambio pelli Roberta ha messo il turbo ed ha “fregato” (sono parole sue) la compagna allo sprint. Le due bormine però non erano in gara per la Coppa del Mondo e così per la “Coppa” il terzo gradino è andato a Gloriana Pellissier, soddisfatta della propria prestazione.

Ovvio che la competizione maschile è stata quella più gettonata. Una start list stellare ed un avvio velocissimo. Fin dai primi metri la gara ha scatenato i due attesi Jornet Burgada e Bon Mardion. Spagna contro Francia, con dietro “Manni” Manfred Reichegger impossibilitato a reggere il ritmo della coppia di testa. A metà percorso all’altoatesino si è accodato il francesino Jaquemoud che si è subito dimostrato un osso duro. D’un botto il transalpino ha avuto ragione di Holzknecht e Lanfranchi, il che è tutto dire.

I due di testa hanno allungato gradatamente arrivando ad un distacco di oltre due minuti. Sulla penultima discesa c’è stato il colpo di mano di Bon Mardion, ha osato un pelo in più di Jornet Burgada, arrivando ai piedi dell’ultimo dei tre tratti alpinistici con una manciata di metri. Ma in salita, tolti gli sci, Jornet Burgada ha sorpassato il francese. Fatta? Nemmeno per sogno. Nell’ultimo pendio il francese ha sverniciato danzando in fuoripista il catalano, l’arrivo sul traguardo è stata una passerella e ha dovuto aspettare 22” per vedere Jornet Burgada sotto lo striscione “Vingschau”. Lotta col coltello tra i denti anche per il terzo posto tra Reichegger e Jaquemoud, col francese più lesto dell’altoatesino, terzo assoluto e primo espoir.

Alle loro spalle  sono finiti nell’ordine Holzknecht, Lanfranchi, Antonioli, Gachet, Anthamatten ed Ecoeur.

Nella gara nazionale si è distinto Alessandro Follador, primo  con un tempo niente male che lo pone al 12° posto.  Bene anche Zulian e Galizzi, giunti immediatamente alle sue spalle.

Apprezzato il percorso, molto impegnativo, e la scarsità di neve, in basso, non si è fatta sentire. Salite difficili, discese da brivido e tre tratti in assetto alpinistico hanno saziato la fame di fatica ed avventura degli scialpinisti. Organizzazione modello dell’ASV Martello in una gara che non era solo prova di Coppa del Mondo, ma anche di Coppa Austria, Coppa Alto Adige e Coppa Dolomiti.

ORDINE D’ARRIVO

Maschile

1 BON MARDION William FRA 1:52'40.1; 2 JORNET BURGADA Kilian SPA 1:53'02.9; 3 JACQUEMOUD Matheo FRA 1:54'42.2; 4 REICHEGGER Manfred ITA 1:55'17.6; 5 HOLZKNECHT Lorenzo ITA 1:57'29.9; 6 LANFRANCHI Pietro ITA 1:57'39.9; 7 ANTONIOLI Robert ITA 1:58'23.6; 8 GACHET Xavier FRA 1:58'28.9; 9 ANTHAMATTEN Martin SUI 1:59'17.2; 10 ECOEUR Yannick SUI 1:59'44.0


Femminile

1 ROUX Laetitia FRA 1:27'46.5; 2 MIRO' VARELA Mireia SPA 1:29'39.3; 3 PEDRANZINI Roberta ITA 1:31'52.1; 4 MARTINELLI Francesca ITA 1:31'57.9; 5 PELLISSIER Gloriana ITA 1:35'50.8; 6 TROILLET Marie SUI 1:37'53.4; 7 MATHYS Maude SUI 1:38'10.4; 8 GEX-FABRY Emilie SUI 1:40'45.6; 9 SWIDRAK Veronika AUT 1:42'51.8; 10 NICOLINI Elena ITA 1:44'38.7

Gara FISI:

1 FOLLADOR Alessandro ITA 2:01'07.3; 2 ZULIAN Ivo ITA 2:02'05.4; 3 GALIZZI Davide ITA 2:03'25.5; 4 KUHAR Nejc SLO 2:03'51.1; 5 BECCARI Filippo ITA 2:06'08.5

Fonte Fisi.Org


20/02/2012
Alla Ski Alp 3 Presolana Manni vince su Eydallin e Trento

 

La quarta tappa della Coppa Italia - Trofeo Scarpa è all’insegna dei colori del Centro Sportivo Esercito sia in campo maschile piazzando sul podio tre atleti, Reichegger, Eydallin e Trento, sia in campo femminile con la vittoria di Gloriana Pellissier...

- LEGGI TUTTO L'ARTICOLO


14/02/2012
COPPA ITALIA SCI ALPINISMO PRESOLANA


26/10/2011
RADUNO SQUADRA AGONISTICA SCIALPINISMO COMITATO ALPI CENTRALI

Il raduno è aperto a tutti gli atleti delle categorie giovanili (Cadetti e Junior) degli sci club del Comitato AC

Programma:

Lunedì 31 Ottobre
Ore 9.30:         Ritrovo presso Passo dello Stelvio
                        Seduta di allenamento  
Ore 12.00:       Pranzo presso Hotel Folgore - Passo Stelvio
Pomeriggio:    Seduta di allenamento  
Sera:                Cena presso Hotel Cepina (http://www.hotelcepina.it/)
                        Programmazione stagione agonistica 2011/2012

Martedì 01 Novembre
Mattina:          Seduta di allenamento 
Ore 12.00:       Pranzo presso Hotel Folgore - Passo Stelvio
Pomeriggio:    Seduta di allenamento e conclusione del raduno.  


Il costo per la partecipazione al raduno è di € 70,00 e comprende:
- pranzi presso Hotel Folgore
- cena, pernottamento e prima colazione presso Hotel Cepina

Si raccomanda ai partecipanti di presentarsi con tutto il materiale obbligatorio previsto da RTF, compreso il kit di autosoccorso (artva, pala e sonda). 


02/05/2011
Sci alpinismo, emozioni nel Trofeo Mezzalama. Il Presidente Morzenti lungo il percorso come volontario: "Un grande spettacolo". Secondo il bergamasco Pietro Lanfranchi

<a href="/node/44238" mce_href="../node/44238"></a>

Mai così tanti concorrenti al via del Trofeo Mezzalama, 18a edizione corso il 1° maggio 2011: ben 1080, come le camicie rosse di Garibaldi, ossia 360 cordate da tre elementi ciascuna, ma anche mai altrettanti ritirati e squalificati per ritardo ai cancelli orari, segno di condizioni severe, più dure del solito. Di otto edizioni della "moderna" maratona dei ghiacciai, che dal 1997 si corre ogni due anni da Cervinia a Gressoney attraverso la vetta del Castore e il Naso del Lyskamm sopra i quattromila sul massiccio del Monte Rosa, questa è probabilmente stata l'edizione più impegnativa, sia per gli atleti, sia per lo staff organizzatore.

Nulla di strano per la storica "maratona dei ghiacciai" di scialpinismo fondata nel 1933, già celebre come la gara più alta delle Alpi che richiede a ogni atleta una solida esperienza di alpinista e altrettanta da sciatore. Ma questa volta più del solito si è fatto sentire il fattore climatico, nella forma di freddo polare, acuito dal vento da nord.

"Direi che in alta quota avevamo dai 15 ai 20 gradi sottozero di freddo percepito, dice la guida alpina Adriano Favre, direttore tecnico che coordina la complessa macchina del Mezzalama. - Una condizione abbastanza normale in alta montagna a metà primavera, ma indubbiamente più severa di altre edizioni. Forse simile a quella del 2003." Ha vinto la cordata franco-spagnola data più favorita alla vigilia di Kilian Jornet Burgada, William Bon Mardion e Didier Blanc in 4h 33' 58", battendo quasi in volata, per soli 18 secondi rosicchiati nell'ultimo, breve tratto senza neve il terzetto dei lombardi Daniele Pedrini, Pietro Lanfranchi e del valdostano Alain Seletto. Sorprendenti terzi, al loro primo Mezzalama i giovani Michele Boscacci, valtellinese e "figlio d'arte", Robert Antonioli con lo spagnolo Marc Pinsach Rubirola. E poi altre sei squadre al di sotto delle 5 ore, a conferma di una gara molto combattuta. Grossa delusione per la squadra degli alpini di Matteo Eydallin, Damiano Lenzi e Dennis Trento, tra i grandi favoriti, costretti al ritiro per crisi da freddo ancora prima del Castore.

Netta e sorprendente la vittoria tra le donne della mammina valdostana Gloriana Pellissier, caporale degli alpini tornata alle gare dopo la seconda maternità, con le affiatate valtellinesi Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini nel tempo di 5h 28' 36". Le italiane hanno preceduto di 3 minuti e 25" la squadra internazionale della francese Laetitia Roux, con la rivelazione spagnola Mireia Miro e la svizzera Nathalie Enzensperger. Con un abissale distacco di oltre un'ora sono terze Tatiana Locatelli, Laura Besseghini e Raffella Rossi con il tempo di 6h 33' 50". Sul tempo dei primi di circa mezzora superiore al record fissato nel 2009 proprio dagli alpini Eydallin e Trento con Reichegger bisogna notare che il tracciato ha subito una sensibile variante sul Naso del Lyskamm, decisa da Favre, per far fronte alle peggiorate condizioni del passaggio tradizionale, ora divenuto un muro di ghiaccio. La variante di carattere alpinistico ha garantito la sicurezza in un punto chiave ed è stata accolta con vivo favore dagli atleti. Anche grazie alla gratuita degli impianti di Cervinia e Gressoney la gara è stata seguita da un folto pubblico senza precedenti: quasi duemila spettatori tra Plateau Rosa e il Colle del Breithorn nella fase iniziale e moltissimi scialpianisti nella zona della Capanna Gnifetti a seguire la fase finale.

Fra gli spettatori era presente lungo il percorso anche il Presidente F.I.S.I. Giovanni Morzenti nell'insolito veste di volontario, il quale non ha voluto perdersi lo spettacolo. "E' stata ancora una volta una grande dimostrazione di quante emozioni regali lo sci alpinismo, una disciplina che sta crescendo in modo incredibile - ha dichiarato Morzenti -. E' emozionante assistere a quanta lealtà ci sia fra questi atleti che si aiutano l'uno con l'altro. Si è trattata di una grande dimostrazione di sport"      

Fonte Fisi.Org


19/04/2011
TROFEO PARRAVICINI

 

@Denis Trento e Alain Seletto vincono la 61^ edizione del Trofeo Parravicini. Laura Besseghini e Laura Rossi salgono sul gradino più alto del podio tra le donne. Oltre 1600 spettatori sulle Orobie Bergamasche.

Il Campione del Mondo in coppia con Alain Seletto ha dominato la gara dall’inizio alla fine. Gli inseguitori hanno venduto cara la pelle per conquistare la seconda posizione. L’alba al Rifugio Calvi aveva lasciato presagire che la giornata di gara sarebbe stata all’insegna dell’instabilità meteorologica, qualche nuvola avvolgeva il Madoninno e il Cabianca, passaggi spettacolari di questa sessantunesima edizione del Trofeo Parravicini organizzato dallo Sci Cai Bergamo. A quote più basse invece il sole iniziava a scaldare la neve.
Le sessantanove (sessantacinque al traguardo) sono partire a pochi metri dalla porta del Rifugio Calvi alle ore 9 precise. Il dislivello totale positivo da affrontare era di 1750 metri diluito in quattro salite. Il tracciato di gara, presidiato da oltre cento controllori, tra Soccorso Alpino, Associazioni e appartenenti al Cai, rispetto alle passate edizioni ha visto per la prima volta la discesa del Canalino del Cabianca. La prima asperità in programma terminava a quota 2463 metri del Passo Grabiasca, una salita costante, ma non troppo impegnativa, le parti più tecniche e spettacolari sarebbero state affrontate lungo la terza e quarta salita. Trento e Seletto prendono subito il largo, andando a scollinare con parecchi metri di vantaggio sugli inseguitori. Lungo la parte finale la terza salita, che saliva a quota 2502 metri del Monte Madoninno, gli atleti calzano i ramponi per “mordere” la neve ghiacciata della cresta. I due di testa transitano con un paio di minuti di vantaggio e al successivo cambio d’assetto Graziano Boscacci e Paolo Moriondo transitano in seconda posizione davanti ai valdostani Francois Cazzanelli e Franco Collè.
Nella gara al femminile, Raffaella Rossi e Laura Besseghini guadagnano la testa della corsa e con passo deciso e constante mantengono la leadership davanti a Silvia Cuminetti e Lisa Buzzoni. Decisamente più staccate le terze, Monica Sartogo e Claudia Comello.
Nell’ultima salita le cose non cambiano, lungo la spettacolare cresta del Cabianca, Trento e Seletto hanno un vantaggio di oltre sette minuti sulla squadra Boscacci-Moriondo. La cresta esalta i concorrenti che in alcuni tratti vengono avvolti dalla nebbia sino a sparire, ma pochi secondi dopo riappaiono illuminati dai raggi del sole. I due battistrada scendono il ripido canale del Cabianca tenendosi alle corde, ma le due squadre che seguono si giocano la seconda posizione, e quindi poche curve nella massima pendenza e in volata verso il traguardo. La prima coppia arriva al Rifugio Calvi con il tempo di 1.55.49, in seconda posizione il sorpasso in discesa si classificano Collè, Cazzanelli. Paolo Moriondo e Graziano Boscacci sono terzi a soli dieci secondi dalla seconda posizione. Da segnalare l’ottima prestazione di Jean Pellissier in coppia con Filippo Righi che dopo la rottura della clavicola a gennaio ha ripreso un buono stato di forma in vista del Trofeo Mezzalama. Pellissier correrà con Guido Giacomelli e Lorenzo Holzknecht.
Tra le donne, Raffaella Rossi e Laura Besseghini tagliano il traguardo in 2.34.23, confermano la seconda posizione Silvia Cuminetti e Lisa Buzzoni. Monica Sartogo, in squadra con Claudia Comello, giunge terza il traguardo e fa sua la Coppa Italia categoria Master.
Nella classifica finale di Coppa Manfred Reichegger, impegnato a Zakopane nella finale di Coppa del Mondo, vince la categoria senior. Tra le donne vince Roberta Pedranzini. Camillo Campestrini vince tra i master.
Prima delle premiazioni è stato osservato un minuto di silenzio in ricordo di Osvaldo Migliorini, amico da sempre del Trofeo Parravicini. I vincitori sono stati premiati nel primo pomeriggio a Carona alla presenza di Valerio Bettoni, presidente del Coni provinciale, di Alessio Saltarelli, assessore del Comune di Bergamo, di Giovanni Alberto Bianchi sindaco di Carona, di Beppe Berera sindaco di Foppolo e presidente del Brembo Ski, di Paolo Valoti presidente della sezione Cai di Bergamo, e di Gianni Mascadri presidente del comitato tecnico del Trofeo Parravicini. Il presidente del Cai Bergamo, da buon amante della montagna e appassionato sportivo ha disputato la gara in coppia con Stefano Lancini.
Classifica maschile
1. Denis Trento, Alain Seletto, CS Esercito – Azzurri Cervino, 1.55.49; 2. Franco Collè, Francois Cazzanelli, sc Gressoney Monterosa – Corrado Gex, 2.02.02; 3. Paolo Moriondo, Graziano Boscacci, sc Valtartano – Pol. Albosaggia, 2.02.22.

Classifica femminile
1. Raffaella Rossi, Laura Besseghini, sc Valtartano – sc Sondalo, 2.34.23; 2. Silvia Cuminetti, Lisa Buzzoni, gs Altitude, 2.53.49; 3. Claudia Comello, Monica Sartogo, sc Mont Nery – us Aldo Moro, 3.14.28.


18/04/2011
TROFEO PARRAVICINI CARONA 17/4/2011

IN ALLEGATO LA CLASSIFICA UFFICIALE DELL'EVENTO

- Scarica l'allegato 1


13/04/2011
TROFEO PARRAVICINI - CARONA 17 APRILE 2011 -

GUARDA IL VIDEO DELLA RICOGNIZIONE SULLA PAGINA SCI alpinismo / VIDEO 

- CLICCA QUI


13/03/2011
Sci alpinismo, assegnati i titoli italiani a squadre

<a href="/node/43751" mce_href="../node/43751"></a>

I valtellinesi Guido Giacomelli e Lorenzo Holzknecht, e le bormine volanti Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini sono i nuovi campioni italiani di scialpinismo. Nelle categorie giovanili vincono Giorgia Della Zanna e Luca Faifer tra i cadetti. Negli Junior dominano Silvia Piccagnoni e Stefano Stradelli.
I valtellinesi Guido Giacomelli e Lorenzo Holzknecht, e le bormine volanti Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini sono i nuovi Campioni Italiani di scialpinismo. Nelle categorie giovanili vincono Giorgia Della Zanna e Luca Faifer tra i cadetti. Negli Junior dominano Silvia Piccagnoni e Stefano Stradelli.
Nella conca del Tesino questa mattina si sono assegnati i titoli tricolore di scialpinismo a squadre. Anche il mondo sportivo degli sport invernali si è unito ai festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia, suonando l’Inno di Mameli, sia durante il briefing, sia pochi istanti prima della partenza della gara e alle premiazioni.
Le condizioni meteo proibitive, una fitta nevicata e poca visibilità in quota, hanno costretto gli organizzatori a far disputare la gara lungo un percorso di riserva che non prevedeva la salita al Cima d’Asta. La Montagna è così, imprevedibile e incontrollabile, ma sia gli atleti sia gli organizzatori conoscono molto bene questi elementi e quindi nessun problema a gareggiare lungo il percorso modificato. L’appuntamento alla vetta è rimandato al prossimo anno, quando magari si assegneranno i punti per la Coppa del Mondo.
I primi a partire sono stati i giovani delle categorie junior e cadetti, la loro partenza, rispetto alle categorie maggiori era un paio di chilometri da Malga Sorgazza. Alle 8.30 hanno iniziato a gareggiare le donne e dieci minuti dopo, gli uomini. Manfred Reichegger e Damiano Lenzi si sono fatti carico di tirare il gruppo, alle loro spalle Guido Giacomelli, inseguito da Daniele Pedrini e Pietro Lanfranchi. Il compagno di squadra di Giacomelli, Lorenzo Holzknecht era un po’ più attardato. Nella prima discesa Holzknecht riesce a rientrare sui battistrada e riparte con Giacomelli appena pochi secondi dopo i ragazzi dell’Esercito. Nella successiva salita quella che portava a Forcella Magna, Damiano Lenzi ha perso una pelle e si è lasciato sfilare dai due Valtellinesi. Il vantaggio di Giacomelli, Holzknecht continua ad aumentare con la complicità anche della rottura dello scarpone di Lenzi, che deve attorcigliare la pelle alla caviglia per riuscire a scendere senza perdere troppi secondi. I valtellinesi tagliano il traguardo di Malga Sorgazza in 1.42.10, Reichegger e Lenzi sono secondi a circa due minuti di ritardo. In terza posizione si classificano Daniele Pedrini e Pietro Lanfrachi. Pedrini e Lanfranchi sono autori di una bellissima gara sempre in recupero e terminata a soli diciassette secondi dalla seconda piazza. I Campioni del Mondo, Matteo Eydallin e Denis Trento sono quarti, la coppia trentina/bellunese di Thomas Trettel e di Alessandro Follador è quinta sul traguardo.


Nella gara femminile, Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini sono partire com’è loro consuetudine in testa a tirare il gruppo delle pretendenti alle posizioni di rincalzo. Dietro alle bormine, quasi incollata alle code degli sci, saliva Gloriana Pellissier. La valdostana del Centro Sportivo Esercito al suo rientro alle competizioni che contano, ha voluto testare la propria forma fisica provando a reggere il ritmo delle vincitrici. Corinne Clos era a qualche metro dietro le tre battistrada. Per Martinelli, Pedranzini nessun problema a tenere la testa della gara e vanno a vincere il campionato italiano con il tempo di 2.09.12. Pellissier e Clos confermano il secondo gradino del podio a poco più di tre minuti dalle nuove campionesse italiane. In terza posizione si classificano l’azzurra Martina Valmassoi e Jennifer Senik.


Nelle categorie giovanili, Giorgia Della Zanna dell’Asiva e Luca Faifer (Alta Valtellina) vincono tra i cadetti. Il trentino Federico Nicolini è secondo.
Tra gli junior, dominio assoluto per Silvia Piccagnoni e per Stefano Stradelli.
La portacolori dell’Alta Valtellina vince sulla Polacca Paulina Figura con un tempo di 1.56.42, mentre Stradelli riesce a concludere la propria gara in 1.31.39, davanti a Nadir Maquet.


La 21^ edizione della Lagorai Cima d’Asta era anche osservata speciale dai giudici internazionali della ISMF in vista di una probabile assegnazione per l’organizzazione di una tappa di Coppa del Mondo il prossimo anno. La macchina organizzativa è stata testata in condizioni meteo impegnative. Esame superato, perché qui nella Conca del Tesino si lavora con professionalità e passione anche quando la meteo fa i capricci.

Fonte Fisi Org


07/03/2011
SCI ALPINISMO AZZURRI IN VETTA

Una giornata da incorniciare per i colori azzurri sulle nevi assolate della Val Martello dove si è disputata la quarta prova di Coppa del Mondo. La squadra azzurra ancora una volta ha dimostrato di essere sempre in prima linea per conquistare il gradino più altro del podio. Dopo Eydallin, e Boscacci oggi è Robert Antonioli a dare spettacolo. Una gara attenta e sempre all’attacco, questo era il progetto del giovane espoir. Progetto realizzato nel migliore dei modi, Antonioli è quarto sino all’ultima salita, nel canalino che porta al cambio pelli, l’azzurro mette la freccia e sorpassa lo spagnolo Marc Pinsach. 
Davanti a lui, il francese William Bon Mardion e Kilian Jornet Burgada, lo spagnolo come spesso accade, è quasi imprendibile. Nella discesa finale il francese “vola” nel tentativo di recuperare la prima posizione e rompe uno sci. 
L’italiano non si fa sorprendere, mantiene la calma e taglia il traguardo in seconda posizione. Sul terzo gradino del podio sale lo spagnolo Marc Pinsach. I colori azzurri tingono anche le altre posizioni nella classifica generale, Pietro Lanfranchi conquista la sua miglior prestazione in Coppa del Mondo agguantando la quarta posizione, alle sue spalle Matteo Eydallin, quinto, e Michele Boscacci sesto. Nelle prime dieci posizioni troviamo anche Manfred Reichegger ottavo e Lorenzo Holzknecht decimo. 
Nella gara femminile Mireia Miro Varela ripete il solito copione e non lascia spazio alla francese Laetitia Roux oramai abbonata alla seconda piazza. Nathalie Etzensperger è terza. Lo stesso ordine si ripete per la classifica provvisoria di Coppa del Mondo. 
L’azzurra Francesca Martinelli è quarta, mentre Martina Valmassoi conquista la nona posizione. Gloriana Pellissier al suo rietro in Coppa del Mondo, per problemi con l'attrezzatura, è costretta al ritiro a metà gara.
Nella classifica provvisoria di Coppa del Mondo c’è Matteo Eydallin a condurre con 307 punti, Kilian Jornet Burgada è secondo con 290 punti e con 286 punti troviamo lo svizzero Martin Anthamatten. Robert Antonioli è quinto. 
Il prossimo appuntamento per la Coppa del Mondo sarà la finale in programma a Zakopane (Polonia) il 16 aprile
Fonte Fisi Org


26/02/2011
Campionati del mondo Sci Alpinismo ORO PER L'ITALIA

(SZNews) 26 febbraio – Nella giornata di chiusura dei Campionati del Mondo di Claut nel polo sciistico di Piancavallo sono state assegnate le medaglie nella staffetta. La spettacolare gara, racconta la forza e la tenacia non di un solo elemento, ma di un’intera nazione, un mix tra le doti di tutti gli staffettisti.
La gara maschile è stata incerta sino alla fine, con la Svizzera, Italia e Francia che battagliavano per l’oro. All’inizio la Svizzera è partita subito in testa, Eydallin primo frazionista azzurro non riusciva a tenere il passo di Marcel Marti. Yannick Buffet è il primo a entrare in zona cambio. Nella seconda frazione se la vedono Robert Antonioli, Yannick Ecoeur per la Svizzera e Didier Blanc per la Francia. Robert Antonioli riesce a colmare il gap che c’è con il battistrada, e cambia in seconda posizione. Antonioli ha corso una frazione strepitosa facendo registrare il secondo miglior tempo. Al successivo cambio è sempre la Svizzera in testa, Manfred Reicchegger se la gioca con Martin Anthamatten che sembra avere un’altra marcia. E’ nell’ultima frazione che c’è il capolavoro di Denis Trento. Il valdostano parte con il mirino puntato sullo svizzero, Marcel Theux, la prima salita lo lascia sfogare, ma nel tratto a piedi spinge sull’acceleratore e se ne va verso i tre compagni che lo stanno aspettando sotto lo striscione d’arrivo. L’Italia dello scialpinismo vince la sua decima medaglia d’oro.
Nel medagliere di questi Mondiali l’Italia è terza con ventisette medaglie, oltre agli ori ci sono dodici medaglie d’argento e cinque di bronzo.

Nella gara femminile la Svizzera conduce frazione dopo frazione, alle loro spalle inseguono Francia e Spagna. La Spagna riesce a mettere l’ipoteca sulla medaglia di bronzo grazie alla straordinaria Mireia Mirò Varela che fa registrare il miglior tempo della giornata.
La Svizzera vince la medaglia d’oro con il tempo di 24.26, Francia e Spagna sono argento e bronzo. Le italiane, Corinne Clos, Silvia Piccagnoni e Martina Valmassoi sono quinte con 28.35.
Per quanto riguarda i giovani in casa Italia arriva un’altra medaglia argento con Alessandra Cazzanelli, Luca Faifer e Nadir Maguet. Maguet, al suo primo anno d’agonismo, arriva all’ultimo cambio pelli con circa quindici secondi di vantaggio. L’azzurro pasticcia con le pelli di foca e perde in un soffio tutto il vantaggio. Lo svizzero Alan Tissieres taglia il traguardo abbracciando Jennifer Fiechter e Thomas Corthay. Si aggiudicano la terza posizione, i francesci Axelle Mollaret, Emilio Corbex e Idris Hirsch.

I Campionati del Mondo di sci alpinismo confermano Piancavallo come polo ideale per le competizioni più brevi e spettacolari di questa entusiasmante disciplina. Grazie alla preziosa e insostituibile collaborazione del direttore Enzo Sima, Piancavallo ha dimostrato, primo fra tutti, una naturale predisposizione a ospitare gare altamente spettacolari.

La prima si è disputata martedì 22. Le ripide tracce della pista Salomon hanno regalato agli atleti una magnifica gara Vertical. Si trattava di una cronoscalata che ha premiato l’incredibile atleta spagnolo Kilian Jornet Burgada il quale, con una salita molto tecnica, ha percorso tutto d’un fiato i 540 m di dislivello fino alla Val dei Sass in soli 24’. I risultati più eclatanti sono stati raggiunti nelle giornate di mercoledì e di oggi con la Sprint e la Staffetta presso la Busa del Sauc. Morfologia del terreno, impeccabile preparazione delle piste, grande professionalità e disponibilità dei tecnici Promotur, hanno permesso la realizzazione di due tracciati ad alti contenuti tecnici, che hanno raccolto unanimi apprezzamenti da parte di tutti gli addetti ai lavori, in particolare dai vertici della federazione internazionale di sci alpinismo ISMF.

Intervistato sul campo di gara, il direttore Sima con la consueta lungimiranza si è detto pronto a raccogliere i frutti di questo trittico internazionale che potrebbero consacrare Piancavallo tra i primi poli turistici invernali in Italia votati allo sci alpinismo.
I Campionati del Mondo si concluderanno questa sera con le premiazioni delle staffette e con la spettacolare cerimonia di chiusura. Dopo i discorsi ufficiali e la formula di chiusura pronunciata dal presidente Lluis Lopez, la fiaccola di Claut 2011 si spegnerà lasciando lo spazio alla festa organizzata per tutti gli atleti e per tutti gli appassionati dello scialpinismo.

Uomini
1. ITALIA, Matteo Eydallin, Robert Antonioli, Manfred Reichegger, Denis Trento, 26.35;
2. SVIZZERA, Marcel Marti, Yannick Ecoeur, Martin Anthamatten, Marcel Theux, 26.36;
3. FRANCIA, Yannick Buffet, Didier Blanc, Xavier Gachet, William Bon Mardion, 27.28.

Donne
1. SVIZZERA, Nathalie Etzensperger, Gabrielle Magnenat, Mireille Richard, 24.56;


01/02/2011
SKIALP3 PRESOLANA MEMORIAL ANGELO CASTELLETTI

Matteo Eydallin e l’Esercito dominano il Campionato Italiano alla SkiAlp3
Giornata di sport memorabile sulla sud della Presolana, dove CAI Clusone e Sci Club 13 Clusone hanno organizzato la SkiAlp3 – Memorial Angelo Castelletti, quest’anno valida come Campionato Italiano Individuale.
Al via presso Malga Cassinelli, tra i circa 300 partenti, il meglio dello Sci Alpinismo Italiano che si sono dati battaglia su un percorso molto duro e tecnico, che ha mostrato la “regina delle Orobie” nella sua veste più selvaggia ed ha suscitato l’entusiasmo di concorrenti e pubblico
All’arrivo trionfo del Centro Sportivo Esercito che monopolizza il podio, con Matteo Eydallin che si laurea Campione Italiano con lo strepitoso tempo di 1h31’04”, precedendo di 1’23” Denis Trento e di 1’28” Manfred Reichegger.
Primo dei “civili” Lorenzo Holznecht dello SC AltaValtellina, che ha preceduto il beniamino di casa, il bergamasco dello SC Valgandino Pietro Lanfranchi
Nelle donne la grande Roberta Pedranzini Dello SC AltaValtellina ha fatto il vuoto, precedendo di 5’36” la storica “compagna” Francesca Martinelli e di 6’23” Gloriana Pellissier del CS Esercito.
Per le altre categorie, titolo di Campione Italiano Master per Camillo Campestrin dello SC Cima Dodici, con ottimi piazzamenti per i bergamaschi Angelo Bernini del GAV Vertova, 2°, e Carlo Filisetti del 13 Clusone al 4° posto. Nell donne vince Monica Sartogo del US Aldo Moro
Solita lotta negli Espoir con Robert Antonioli che precede di 2’45” Michele Boscacci, entrambi candidati a segnare il futuro dello skialp italiano. In campo femminile vince Martina Valmassoi
Nella categoria Junior titolo per Stradelli Stefano del Cervino Valtour e per Silvia Piccagnoni dello SC AltaValtellina
Nei cadetti dominio del Brenta Team con Federico Nicolini e Elisa Antiga
Da parte degli organizzatori un ringraziamento a tutti coloro che hanno collaborato per rendere possibile questa fantastica giornata di sport
Grazie ed arrivederci a tutti gli atleti che con il loro impegno hanno onorato questa manifestazione

- Scarica l'allegato 1


19/01/2011
SKI ALP 3 PRESOLANA MEMORIAL ANGELO CASTELLETTI

PER LA PROVA UNICA DI CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE SONO ATTESI TUTTI I MIGLIORI SCIALPNISTI AZZURRI!!!

La gara sarà inoltre valevole come 2ª di Coppa Italia.
CAI & Sci Club 13 Clusone promettono tracciato tecnico e spettacolare. Nel post race  previsti pure ricchi premi ad estrazione...
 

Clusone è in fermento per la preparazione del Campionato Italiano di Ski Alp, che il 30 gennaio, dominerà il palcoscenico agonistico italiano. Già confermata la presenza di molti big, visto che oltre all'assegnazione del titolo, la prova darà punti anche per la classifica generale di Coppa Italia che quest'anno vuole farla da padrone con ben 8 prove in calendario. Tra gli addetti ai lavori impazza il toto scommesse, che oltre ai favoritissimi atleti dell'Esercito, vede primeggiare e crescere sempre di più le aspettative per l'idolo di casa Pietro Lanfranchi che, anche se ancora convalescente per la caviglia che tarda a guarire, sta offrendo ottime prestazioni.

Il comitato organizzatore sta ultimando i preparativi: la sede dello sci club è invasa da scatoloni, gadget, premi, bandieroni, gazebi, striscioni, bandiere... Eh sì, quest'anno vuole essere proprio una festa della montagna, dello sport, della voglia di libertà e divertimento!!! Si pensa ad una giornata magica che permetta a tutti di godere delle bellezze delle montagne orobiche e non solo: il Palazzetto dello Sport prevede infatti un villaggio sponsor che allieterà concorrenti e pubblico. Sono previsti bus navetta gratuiti per tutti così da collegare campo gara e Palazzetto.

 

Per incentivare ancora di più l'afflusso di concorrenti, oltre al percorso altamente spettacolare e tecnico che prevede 1900 m di dislivello con , dopo la premiazione con l'assegnazione di un ricchissimo montepremi, avrà luogo l'estrazione a sorteggio, tra tutti i partecipanti, di numerosi premi, fra i quali, ricordiamo 2 paia di scarponi da sci Garmont Masterlite, 2 paia di F1 Race, 1 paio di sci Merelli e 1 paio di attacchini race. Questo fa onore all'impegno profuso dagli organizzatori negli anni passati che ha permesso, anche in questo periodo di ristrettezza economica, di ottenere l'indispensabile fiducia di sponsor e sostenitori economici.


Il percorso originario è garantito solo se la provvida e sempre generosa Madre Natura, ci regalerà una sana quanto necessaria nevicata!!! Le temperature calde non agevolano certo il lavoro dei tracciatori, che da giorni, stanno valutando percorsi alternativi ma altrettanto tecnici e degni di ospitare una gara di livello assoluto! I volontari sono sguinzagliati, da veri segugi, al setaccio di canali, creste, pendii e valloni sciabili sul versante sud della Presolana, palcoscenico naturale di incomparabile bellezza.

Sci Club 13 e Cai Clusone, non possono che essere soddisfatti dell'impegno che questi "uomini di Montagna" si assumono per far conoscere il loro territorio che, diversamente, in altre situazioni sarebbe difficile da visitare.

Carlo Filisetti

 
   
 
 
 
 
 
 

FISI Bergamo su FacebookFISI Bergamo su YouTube


Federazione Italiana Sport Invernali - Comitato di Bergamo
Via Gleno 2/L - 24125 Bergamo
info@fisibergamo.it - tel. 331.8803959


Cookie policy - Privacy policy
 
Federazione Internazionale Sci FISI FISI Comitato Alpi Centrali